Albania

FOTO HAJDARI A FROSINONE DAVANTI LA SUA VECCHIA ABITAZIONE

‘Ora il tempo dimora nel tempo’ poesie da “Stigmate” di Gëzim Hajdari

                                    I testi sono tratti dalla raccolta “Stigmate / Vragë» di Hajdari pubblicato in Inghilterra da Shearsman, 2016. Traduzione di Cristina Viti.   Gëzim Hajdari, uno dei più importanti poeti italiani dei nostri tempi, canta l’esilio come condizione politica ed esistenziale dell’uomo moderno. Nato […]

IMG_3371

Intervista a Gëzim Hajdari di Matilde Sciarrino

  Matilde Sciarrino. Nella raccolta ‘La Peligòrga’ (2007) Lei sottolinea di sentirsi segnato dal Suo destino del Sud. In che cosa consiste questo destino del Sud e in che rapporto sta con la Sua attività letteraria?   Gëzim Hajdari. Mi sento un uomo del Sud e appartengo a tutti i Sud dei mondi. Porto con me le ferite, le gioie, […]

IMG_2996

“Su strade acciottolate di pietre sisife”, poesie di Frederik Rreshpja (intro. e trad. a cura di Gentiana Minga)

    Il 25 novembre del 1992, Frederik Rreshpja, uno dei poeti albanesi considerati tra i più grandi del ventesimo secolo, un Mandela poeta, uscito da poco dai cunicoli della prigione (un totale di 17 anni di reclusione, di cui i primi quattro all’età di trenta) rilascia una delle sue prime interviste per il quotidiano albanese “Zëri i Rinisë”, (La […]

ciaomamma

da “Ciao mamma, un saluto da Bolzano” silloge inedita di Gentiana Minga (a cura di Elena Cesari)

“ Oh, mamma, chi é  tornato indietro nel tempo per vederti all’angolo della stanza a solo dodici anni dopo aver bevuto un bicchiere di latte? Gentiana Minga apre la sua raccolta poetica con questa domanda che, diversamente da una qualunque domanda retorica, inaugura una sorta di ricapitolazione della sua vita attraverso la vita della madre. Mentre la pellicola del ricordo […]

IMG_0140

Memorie sfuse dal paese primo (Gentiana Minga)

Memorie sfuse dal paese primo * * * Amica mia dell’Italia, qui qualcosa cambia … La strada ricostruita il mese scorso, quella di fronte all’asilo nido, la stanno bucando di nuovo … Sfondano e smantellano tutto il santo giorno.   Bimbi aggrappati sui cancelli dell’asilo, gli occhi spalancati con in mano gli elefanti tenuti per la “coda” con aria smarrita. […]