Poesia

8264

Sei poesie di Artem Kamardin, poeta picchiato e violentato dalla polizia russa, per un’azione poetica contro la mobilitazione bellica (a cura di Andrea Garbin e Pina Piccolo)

IL POETA ARTEM KAMARDIN PICCHIATO E VIOLENTATO DALLA POLIZIA RUSSA Il 25 settembre, presso il monumento al poeta Vladimir Mayakovsky a Mosca, si sono svolte le letture Mayakovsky, un’azione in cui i presenti leggono poesie. Le tradizionali letture di poesie in piazza Triumfalnaya a settembre sono state dichiarate dagli attivisti “anti-mobilitazione”. Kamardin ha partecipato alle “letture” questa domenica. Secondo OVD-Info, […]

Intervention 27IMG_12151-771x578

UCRAINA: poesia in tre voci settembrine, a cura di Marina Sorina (Anastasiia Alekseenko, Iryna Potanina, Boris Khersonskyi)

In questi giorni si parla molto delle ragioni della disfatta dell’esercito russo, della differenza nel modo di fare la guerra, del ruolo della motivazione, diversa fra chi aggredisce seguendo gli ordini e chi agisce di volontà sua in difesa. Analizzate le strategie e le armi, si cerca di scavare nella profondità, e come sempre la poesia ci aiuta ad orientarsi. […]

٢٠٢٢٠٨١٥_١٧٢٠٣٩

Dalla biografia dei giorni smarriti di Samira Albouzedi (a cura di Sana Darghmouni)

    Dalla prefazione di Salem Alokaly “Fin dai suoi inizi, le poesie di Samira, che si attorcigliava nel calderone della poesia alla ricerca di una sua identità, hanno attirato gli osservatori della storia della poesia libica. L’osservatore vede questa forte tendenza verso un testo vivace, senza eccessi in devozione poetica ai valori elevati. Laddove la questione della libertà come […]

Copertina Chiara Catapano

Poesie di Chiara Catapano pubblicate da La Dimora del Tempo sospeso il 29 giugno 2022

Per gentile concessione:   Autunno d’Agosto (2017-08-10) Ti tengo nel mio utero cielo. Ti tengo sollevato, dentro la terra. Sole quadrupede acceso, un sole di resina, alza aghi di soffio, vento soffio su polvere accesa. Ora vedi il sole d’agosto, sole agostano riverbero suono. In Piazza Vittorio gli alberi son tutti carcasse: vibrano in cima il riposo dell’ombra, lo zufolo-ombra […]

٢٠٢٢٠٨١٢_٢١٢٣٤٢

ANTEFISSE, sette poesie di Walter Valeri

    ANTEFISSE sette poesie di Walter Valeri     1   Nel vetro (ma nel vento) riflessa l’ombra d’un gabbiano dal porto disancora   l’aria, scolora l’orma del tempo. Poi la sciarpa fatta a mano sul ponte se ne va accorata ci separa     2   Addio al calcolo delle necessità anch’io senza un lamento   anch’io preso […]

awp_coverAfroWomen

Anteprima Tanzania dal progetto AfroWomenPoetry: IO SONO di Delphina Robert Makaramba

IO SONO Sono incapace di sentirmi legittimata Cerco il senso di cose che non mi importano poi tanto Non sono capace di amare me stessa Sono una sconosciuta Quel sentimento Quella sensazione mi è sconosciuta Inizio a mettere in discussione tutto quel che credo di sentire Metto in dubbio le mie motivazioni Il mio algoritmo La mia struttura biometrica Le […]

٢٠٢٢٠٧٢١_٢٠٣١١٥

NELLA BOCCA DEL LINGUAGGIO – Guido Cavalli

    I testi che seguono sono tratti dalla sezione Sorella minore, la terza della raccolta inedita Nella bocca del linguaggio. Dopo aver oltrepassato nelle precedenti sezioni un paesaggio montano – il “terzo paesaggio”, quello che precede l’uomo e resta dopo che l’uomo se n’è andato, ovvero: il passato dell’uomo – in questa, il prima e il dopo emergono come […]

WhatsApp-Image-2022-05-20-at-11.58.45

Protese verso la luce attendono con pazienza: Poesie di Rahma Nur da Il grido e il sussurro, nota introduttiva di Pina Piccolo

Per orientarci all’interno della raccolta di poesia di Rahma Nur Il sussurro e il grido occorre individuare e seguire le briciole che l’autrice dissemina sin dal titolo, le contrapposizioni, i contrasti, i paradossi, il sussurrato e il gridato.  Nella sua sapiente prefazione (di cui consiglio vivamente la lettura) pur non trascurando  gli elementi ‘sussurrati’ della poesia, Mackda Ghebremariam Tesfaù ci […]

Mavka298561049_10228971137645766_333019278375405437_n

Mavke a Kharkiv: Poesia di Inna Romenska, con nota introduttiva di Marina Sorina

Nota introduttiva della traduttrice, Marina Sorina:   La poesia ucraina adesso nasce nei luoghi e nei momenti più improbabili, dalle persone che si trovano in situazioni poco poetiche: proprio in mezzo allo stress e alla frenesia nascono versi lunghi, avvolgenti, carichi di riferimenti alla mitologia e alla antichità. Come se la ricerca di terra sotto i piedi portasse le poetesse […]

٢٠٢٢٠٨٠٤_٢٠٤٥١٣

Atti linguistici per un mondo moribondo – Peter Gizzi

  Un passero di campo è alla mia finestra, e picchietta sul suo riflesso, antica divinità stanca che cerca di comunicare arriva a me mentre mi accingo a cantare il nembo della flora sotto un cielo in parte screziato mentre osservo la fine cantando “e quindi?” cantando ora dal vivo, pensando ”perché no?” sto ascoltando e ricevendo ora e questo […]