Poesia

20. Camera con Vista, Gianni Leone

“Nerezza” e altre poesie inedite di Rahma Nur, con nota dell’autrice

Mi vedi?   Vedi non sono queste quattro ruote in una sfavillante carrozzina blu cromato non sono nemmeno quella che ogni tanto si alza barcollando nelle sue gambotte non sono quella dalla pelle liscia e senza rughe (che non vedi ma ci sono) dalla pelle colorata, “oh come vorrei averla anche io!” Quello che vedi è un corpo: nero, zoppo, […]

download (4)muralmilwakee

SEVEN… OR SHOTGUN!, di Reginaldo Cerolini

  SEVEN… OR SHOTGUN!   Did I see a shot (or shots)!?   Perhaps a bell hitting the sky like slaps Or a starving siren of cities   Did I see a shot (or shots)!?   Words such as downfall or the same cop’s bloodspill drop by drop   Did I see a shot (or shots)!?   No more dreams, […]

22. Balena_Lino Sivilli (93) dal prog originale di Pascali del 66

LA PACE AMNIOTICA DELL’ACQUA: POESIE DI DENNIS ÁVILA VARGAS

Tre poesie di Dennis Ávila Vargas traduzione di Lucia Cupertino   1. Ci sono due uccelli sul soffitto di casa mia. Fra loro e la mia angoscia brilla un lucernario. Li sento dimenarsi in cerca di finestre che non esistono. Apro un’anta e infilo la testa. Non sono due corvi né mi caveranno gli occhi. Dispongo un sentiero di pangrattato […]

6. Premio Pino Pascali, Fabrizio Plessi, 2014_ph Michele Roppo

OFELIA E GLI SBIRRI RAFFAELLITI – POESIE DI JONATHAN RIZZO

ANCORA ESSERE UMANO La fila scorre lentamente il mutismo serpeggia tra le gente pezzi di legno in fiamme le vetrine spente, la polizia ovunque, i tossici con la mano questuante vuota fra l’umanità latente. Il cielo plumbeo quasi cadente. Nelle case televisioni accese accarezzano menti lente. Le strade grigio asfalto desolante. L’ultimo uomo morente ruba l’istante, fermo immagine, brindisi lacrimevole […]

Adobe_Post_20200517_1452540.6069497825514333

I molteplici volti di Chandra Livia Candiani – Eleonora Negrisoli

Chandra Livia Candiani: sessantotto anni e una voce di bambina, anche se “la mia voce è un atto d’accusa”, dice lei. Un corpo esile, eppure una presenza così potente, intorno a lei un’aura vasta e un po’ magica: Vivian Lamarque la chiama “folletto”, oppure “Piccolo Principe”. Della vita di questa poetessa schiva non si sa troppo, ma quel che si […]

DSC_0490

La pazienza del fuoco – di Marie-Claude San Juan (trad. Sana Darghmouni)

La pazienza del fuoco … Marie-Claude San Juan (trad. Sana Darghmouni)   Leggo una poesia di Erri De Luca, dedicata a un prigioniero. E, come se stesse guardando dalla finestra nella sua cella, fuori da giorni e luoghi reali, lo vede toccare un pezzo di legno, dell’unghia e del tempo.   Nessuna finestra aperta permetterebbe di vedere Ashraf Fayadh Grattare […]

Copertina Maria Rosaria

Poesie inedite di Maria Rosaria Deniso

La mia somma coincide sempre con l’esistenza di qualcun altro: un calcolo aritmetico che pende tutto da un lato.   Dove io manco manco per poca parte, forse la tua stessa mancante che a me pare intera, finita nella sua natura parziale che risponde a un tutto.   Dov’è questo tutto – mi domando. Perché questa luce non sale da […]

118653505_229540231786014_7286068803284686083_n

Senza acquistare nulla dall’emporio dei tuoi sogni – Poesie di Stavros Girgenis, trad. di Paolo Sartiano

    FUOCO SVUOTATO   Quando il vento si ritira, gli alberi rivelano il loro intrinseco movimento. Ti entrano dentro, portando con sé la loro antichissima, flessibile natura. Invasione nera, una serie di ricordi, istanti che hai vissuto e dimenticato, quando ancora vivevi sospeso tra mare e terra, tra Paradiso e Inferno – spettri di ascendenti o discendenti archetipi. Donna […]

DSC_4111

“Mi sono inoltrato troppo dentro un sogno” – Poesie di Animikh Patra

Questi versi   Cade la sera estinguendo il fuoco della mia mente Presto sarà sera, e non devo diventare nulla Non è questo in sé meraviglia? Il peso dell’esagerazione è diventato montagna e la sera è uccello incapace di appollaiarsi sul ramo della vita Anche tu sei un poggio a forma di coscienza ripida Non poteva esserci concordia tra di […]

Dialoghi 3.0 Pino Pascali e Claudio Cintoli

Amavo il filo d’erba tramutato in ferita – Poesie di Stelvio Di Spigno da “Minimo umano”

Sprezzature   Non rispondo a nessuna domanda. Per esempio: cosa cercano gli uccelli profetici nei nostri quartieri famelici e ribelli? Cosa vuole da me l’incanto della sera oscillante tra i convegni delle spiagge? Appartenevo agli umani, il ceppo impervio, l’avida razza. Questo lo ricordo. Ogni abisso di luce che mi strappa la ragione, ogni anima buona come un pane spezzato, […]