poesia

imgp4274

“O POETA ENCLAUSURADO” poesie di JOSÉ CRAVEIRINHA parte I (introduzione di Anna Fresu)

  José Craveirinha (Lourenço Marques/Maputo1922-2003), di padre portoghese e madre ronga (la popolazione del sud del Mozambico), considerato uno dei più grandi poeti di lingua portoghese, ha contribuito con la sua poesia alla costruzione dell’identità nazionale. In Italia è stato tradotto per la prima volta da Joyce Lussu nell’antologia poetica “Cantico a un Dio di catrame”, Lerici, Roma, 1966 e […]

img_2016

Per Paola Deffendi, madre di Giulio Regeni: Questa madre (Benedetta Davalli)

Paola Deffendi, madre di Giulio Regeni, ci ha fatto dono della sua profondità materna, sia con le sue dichiarazioni essenziali sul riconoscimento del figlio, sia con la sua forza civile nella lotta che ha intrapreso perchè si sappia la verità. Lotta che noi della Macchina sognante non solo condividiamo ma anche sosteniamo.   Questa madre che ha ingoiato un calice […]

15676064_389910351348231_5914928274495064107_o

ATTRAverso l’Italia, poesie dal carcere (a cura di Griselda Doka)

ATTRAverso l’Italia   Poesia come riscatto, poesia come consolazione, poesia come sfogo dell’anima, poesia come dialogo prima di tutto con il proprio essere, poesia come semplice segnale di esistenza… Tutto ciò appare con evidente vitalità nei versi qui proposti. Si tratta di alcuni componimenti (quelli ritenuti meritevoli) che hanno partecipato alla terza edizione del Concorso Letterario Internazionale di Poesia della […]

15780663_10154686746506259_4381484812772976227_n

“Due farfalle che entrano piano nella fiamma” – poesie inedite di Fawzi Karim (trad. di Fawzi Al Delmi)

  Adorazione   Oggi ha piovuto tutto il giorno, non ha smesso un solo attimo i contorni di questa città svanivano ai miei occhi ma le case a me vicine sembravano, alla mente, non alla vista specchi incrinati dove si intravedevano volti di pietra che parevano parlare. Vedo un rivolo sul marciapiede che raccoglie quel che i rami degli alberi […]

14639690_10208985957859735_3000880756952576097_n-2

Storia e guerre del mio popolo (Ferreira Gullar)

Per ricordare Ferreira Gullar, considerato tra i più grandi poeti del Brasile contemporaneo, scomparso il 4 dicembre 2016, riprendiamo uno dei suoi scritti selezionati diversi anni fa da Julio Monteiro Martins  e pubblicati su Sagarana.  STORIA E GUERRE DEL MIO POPOLO Ferreira Gullar   Accanto alla vecchia staccionata crescevano le erbacce come un incendio, di fuoco morbido e feroce: l’ […]

15109572_10209023908768484_2566826606282789081_n

“La capitale” di Ghayath Almadhoun ( a cura di Pina Piccolo)

La capitale   -Qual è la capitale della Repubblica Democratica del Congo? -Antwerp   In questa città che si nutre di diamanti Il filo spinato cresce nei versi dei poeti Gli appuntamenti muoiono nel calendario Le mie mani smettono di toccare le tue labbra I poliziotti non ridono più Un taxi il cui autista è stato ucciso dalla pallottola di […]

14993396_10208993641931832_3578110818700776088_n

Lettura delle migrazioni attraverso i testi poetici – Parte 2 (Samuele Rizzoli)

Rilanciamo altri due capitoli dalla tesi di Italianistica di Samuele Rizzoli. Potete trovare alcuni capitoli precedenti della tesi nel numero zero del contenitore  al seguente link http://www.lamacchinasognante.com/lettura-delle-migrazioni-attraverso-i-testi-poetici/   3.2.6 I lager dei migranti    Sono quattro i componimenti presenti in Maremarmo nei quali la poetessa F. Ferraresso si sofferma a raccontare i luoghi in cui il migrante viene a trovarsi, fermo […]

15625939_389919588013974_5261794511137946036_o

“Vigilia” e “In treno”, poesie di Julio Monteiro Martins

VIGILIA Una domanda scomoda. Avrei preferito non farla e voi non ascoltarla: come mai due o tre giorni prima della loro morte abbandoniamo quelli che amiamo, mentre ci viene una irrefrenabile vitalità prima del crollo?   A cosa corrisponde quest’inaudita, bizzarra felicità?   Se è vero che l’intuizione avrà già colto la vicinanza della morte, allora come mai produce solo […]

15027746_10209023808125968_5999108760147768471_n

“Nel balzo in avanti del tempo” – Poesie di Fabia Ghenzovich

* Sono la nomade notturna il piede che danza sul ciglio di una parola la zampa che scava la sua tana fino alla radice primitiva delle ossa – un covo – la fossa che sconfina però nel bianco – a specchio – un aperto forse dove a ben guardare il fondo fa capolino dietro al rigo un’anima come all’inizio e […]

lanceblog

Water is life, medley per Standing Rock (Lance Henson, Joy Harjo, Echola Cheyenne Killsnight)

3 poesie di Lance Henson   pesante è il silenzio   Pesante è il silenzio Che porta con sé tutti i suoi cari   Il silenzio di alcuni dimora nell’acqua E la voce di altri è sin dall’inizio lingua Che  dobbiamo ancora imparare   Canta tra i respiri del neonato   Piange con chi è di cuore e che come […]