Pina Piccolo

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista
IMG_0015

Newsletter n.1 de La macchina sognante n.10

In questa prima newsletter del numero 10, contenente 42 testi (link all’indice), vi proponiamo la lettura di 12 articoli dalle varie sezioni. I contenuti spaziano dalla poesia dei Mapuche a quella di poeti del Rojava,  da vari pezzi provenienti dall’America Latina dedicati alla figura di Marielle Franco, a saggi e recensioni che riflettono sull’aggravamento del razzismo in Italia e la […]

Reading di poesia a Berkeley

Nonni

Racconto in mezz’ora, Davide Sani

La nostra storia inizia in una di quelle valli della Romagna, stretta e breve, con un torrente fancazzista nel fondo che d’estate smette di averne voglia e non tira più. È aprile, e nonostante sul calendario sia segnato che la primavera iniziava dieci giorni fa, il tempo, come le persone, fa il chissenefrega ed oggi fa un freddo bestia. Io sono nato […]

IMG_4695

Kayo Chingonyi, poesie da “Kumukanda” (Chatto& Windus 2017) a cura di Alessandro Brusa

  25 October, 1964 “Recently, a very close friend of mine declared it would take us another twenty years to be really independent. Was he right? I am afraid there is a lot of truth in this.” – Dr Kenneth Kaunda, 1966 We danced like Celts the day the news of it kicked the District Commissioner’s fat rump. Teachers who […]

IMG_0021

“Dove i pendolari gettano la fame ai gatti”, poesie da “Enclave”, La Vita Felice 2017, di Bruno Brunini

dalla Prefazione a cura di Bruno Brunini: La raccolta si concentra su campi diversi di osservazione della realtà contemporanea che condensano marginalità, frustrazione, alienazione, disagio. La periferia, determinati ambienti di lavoro, esperienze di naufragio e sradicamento definiscono le sezioni della raccolta, e sono luoghi e situazioni reali della società, anche se spesso “invisibili” o non sufficientemente considerati, ma al contempo […]

29344931_10213407805904109_102098715_n

“Le Pupazze” sincretismo religioso nella Calabria grecanica – di Maria Zappia

  Il sincretismo religioso così presente tra i popoli sudamericani ed africani, trova nella Calabria di lingua greca una importante manifestazione la domenica delle Palme e si esprime in un rito in cui sacro e profano si fondono in una commistione di gesti ed immagini in cui il folklore lascia il posto alla riflessione antropologica sulla stratificazione di popoli e […]

IMG_0042

L’ultimo amore di Aristotele, di Paolo Zardi

    L’avevo conosciuto più di quarant’anni prima, quando entrambi eravamo ospiti in un collegio per studenti universitari indigenti, un luogo un po’ tetro gestito da un’associazione benefica a sfondo religioso che consentiva a ragazzi come noi, orfani, diseredati, esuli o figli di operai, di arrivare a laurearsi. C’erano persone da tutta Italia, tutte brillanti, e tutte intenzionate a riscattare, […]

abreu

Grazie Maestro Abreu! Omaggio di Antonio Nazzaro al grande musicista appena scomparso

Quando vedi i barrios di questo Paese aggrappati alla terra con le unghie e con i denti, dove la speranza sembra solo sopravvivenza e di colpo da una finestra dai vetri di cellophane senti uscire un suono di violino e da una casa mai finita risponde un corno inglese e vedi le strade-sentieri muoversi al ritmo di un metronomo che […]

sophiecalle

Voci dalla Francia: Gabriel Meshkinfam- La traversée des regards, recensione di Jessy Simonini

  Uscita a dicembre per l’editore Pont 9 la raccolta La traversée des regards di Gabriel Meshkinfam è il lavoro d’esordio di un giovanissimo poeta francese che, come ci ricorda la corta nota biografica in quarta di copertina, « scrive da molto tempo » ma « è la prima volta che si imbarca su un libro ». Una voce particolarmente promettente, che, alternando versi […]

IMG_2486-1

Anche la democrazia ha le sue ragioni che la ragione non conosce Gaius Tsaamo)

    Ho sempre pensato che il dubbio fosse quella cosa che esiste tra la certezza e l’incertezza; quella cosa che ci permette sempre di cercare di migliorare; quella cosa che ci fa dire, anche quando pensiamo di aver fatto tutto bene: “mi viene un dubbio”. Non in senso negativo, ma in senso positivo; nel senso della ricerca della perfezione. […]