Pina Piccolo

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista
50ridotto

Non dirmi di tutti i tuoi bambini fantasmi – Poesie per la Siria, di Valentina Meloni

Supplica   dirò quello che mi hanno fatto lo dirò a Dio – quando lo vedrò – lo so che gli sto andando incontro e allora lui saprà che la mia casa è crollata sotto il peso delle bombe che mia sorella è morta prigioniera che mia madre ha pianto tutte le lacrime del mondo che mio padre ha giurato […]

114ridotto

‘Come raccontare la guerra in Siria?’ – Matilde Sciarrino intervista Yousef Wakkas

  MATILDE SCIARRINO:  Con l’ultimo romanzo “Sulla via di Berlino. La marcia” Lei sembra voler comunicare il Suo bisogno di elaborare la drammatica guerra che da quasi nove anni attanaglia la Siria. Alla base della Sua scrittura ci sono degli obiettivi ben precisi, consapevoli o non? Quali effetti pensa che possa avere sul lettore questo romanzo complesso, contorto eppure così […]

Opere grafiche di Irene de Matteis

Turn off for: Italian
Per molti anni il mio approccio all’immagine é stato estremamente purista. Scattavo in analogico, sviluppavo le foto in camera oscura e rifiutavo ogni tipo di intervento digitale in post produzione. In questo periodo ero affascinata dalla possibilità di giocare con elementi fisici (luce, prospettive, riflessi) per creare immagini oniriche. Poi, in un momento in cui non avevo accesso alla camera oscura mi sono trovata ad utilizzare programmi digitali in funzione di questa. É dunque grazie ad un ostacolo che sono nate le sperimentazioni successive. Di base utilizzo le immagini scattate in analogico, ma a queste ne sovrappongo altre. Le immagini che presento qui in bianco e nero si ispirano ai Tarocchi, ai loro elementi grafici e ai loro fondamenti quali la ripetizione dei simboli, la progressione, l’antitesi, il dualismo, la complementarietà, la contemplazione. Sono tratte dal mio libro, dove le immagini si relazionano alla parte narrativa creando una storia parallela, tutta visuale. Nelle immagini a colori ho sovrapposto prevalentemente altre foto, interventi grafici, collage. Quello che accomuna le immagine da me realizzate nei vari periodi creativi è l’avvicinarsi alle visioni che ho nei sogni.

a ridotto 7

“Il mio cuore sedizioso” di Arundhati Roy (Parte Prima) – Recensione di Maria Zappia

“Il mio cuore sedizioso” di Arundhati Roy edito da Guanda qualche mese fa raccoglie tutti gli scritti dell’attivista indiana pubblicati in riviste online, blog e carta stampata, negli ultimi venti anni e costituisce un preziosissimo testo per comprendere l’India del nostro tempo. E’ recentissima la presa di posizione della famosa scrittrice sulle nuove leggi sulla cittadinanza approvate dal parlamento nel […]

Picun reading1568115394853-1080x570

Poesie di Li Ruo e Xiao Hai del Gruppo letterario di Picun (a cura di Federico Picerni)

Per inquadrare meglio l’importanza del gruppo letterario di Picun, ascoltare l’intervista a Federico Picerni all’interno del programma radiofonico Il cielo sopra Pechino a cura di Marco Magnano.   LI RUO 脱光了,睡你   床,你幸苦了 今天休息 赖了你一天 一直睡到头昏脑胀 四肢无力   床,谢谢你 不管我得意失意 你总是 毫无怨言的 在背后默默地支持我 从不冷眼 从不势利 不管我是胖是瘦 从不嫌弃   床,你是我的自知己 你懂我无助的叹息 你抚慰我暗夜的哭泣   床,不知道你爱不爱我 我一如既往的爱着你 不管愿不愿意 今夜 我要脱光了 睡你     svestita, […]

Picture 8 part 2

“Il Quarantenne”: Un viaggio nell’immaginario dei giovani (Parte II) – di Paola Rizzo

  La prima parte dell’articolo, uscita nel numero 16, la trovate qui   Quello che i poteri forti non dicono: GOMBLOTTO!!111 Una fake news che diventa virale, che si radica profondamente in un immaginario, in fondo non è qualcosa di molto distante da una teoria del complotto: la tendenza, antica come il mondo, ad aggrapparsi acriticamente a fanaticamente a una […]

a luna cyber

“Nel profondo sognavo mute parole altrui”, poesie di Nenad Šaponja tradotte da Mia Lecomte e Anastasija Gjurcinova

Nenad Šaponja   dalla raccolta SLATKA SMRT (Dolce morte)   traduzione di Mia Lecomte e Anastasija Gjurcinova     Siamo dove siamo   Nel profondo sognavo mute parole altrui. Emersi dalla lacrima. Affiorai dall’assenza. Dimorai nella penuria, nell’universale mancanza del mondo, nella falsa solidità del corpo.   Spogliai la pelle in cui non stavo.     Il sogno da cui […]

Caravaggio1200px-Conversion_on_the_Way_to_Damascus-Caravaggio_(c.1600-1)

“La giacca di Vermeer” e altre poesie pittoriche di Helen Wickes, traduzione di Marina Romani

Per  le tre poesie in lingua originale inglese, vedere articolo in The Dreaming Machine n. 4 La giacca di Vermeer Non sarebbe meraviglioso rannicchiarsi dentro quell’oro seducente? Avvolgersi nella veste frusciante e vellutata di charmeuse, decorata con un manicotto d’ermellino, abbellita con denti minuti e artigli luccicanti. Quella donna sulla tela, potremmo definirla il pretesto di Vermeer per un’immersione nel […]

IMG_0853

da Sagarana “Una fiaba d’inverno”, di Antonello Piana

Per festeggiare il ritorno di Sagarana in rete, proponiamo un racconto di Antonello Piana.    UNA FIABA D’INVERNO Antonello Piana   Tutto ebbe inizio quando improvvisamente venne meno il professor Rosenstein. Non che fosse stato molto anziano – era andato in pensione da poco – o particolarmente malato, ma quell’inconfondibile naso solcato da venuzze sul punto di scoppiare, oltre al […]

102ridotto

“Slittamenti, precarietà, provincia e crimine”, recensione del romanzo di Iuri Lombardi “I banditori della nebbia (Pina Piccolo)

Autore: Iuri Lombardi Titolo: I banditori della nebbia Editore: LFA Publisher Anno edizione: 2019 Pagine: 146 p. Già a partire dall’intrigante titolo, questo ultimo romanzo di Iuri Lombardi presenta al lettore un terreno scivoloso, caratterizzato da una superficie di apparente noiosa solidità storica e sociale quale potrebbe possedere una ricca città di provincia come Lucca, città cinta da mura, esclusione e benessere di […]