Poesia

PORTADA LIBRO XTÁ RÍDÀ-GENTE PIEL_ridimensionata

I VERMI DELLA MEMORIA: POESIA INDIGENA E LAVORO COMUNITARIO IN MESSICO, CON ALCUNE POESIE DI HUBERT MATIÚWÀA

Nel 2010 è nato presso La Montaña (Guerrero, Messico) il seminario Jùmà mè’phàà, promosso da un collettivo di giovani interessati alla sistematizzazione della memoria orale, che ha avuto come obiettivo principale la mappatura dell’oralità a partire da elementi filosofici della lingua mè’phàà. A livello comunitario, il seminario ha formato gruppi di riflessione all’interno delle comunità di questa regione messicana e […]

DSC_4511

Come se non fosse passato di Remah Boubou (a cura di Sana Darghmouni)

Come una donna ubriaca di canzoni di miele ondeggia la sera La città del dopoguerra sbadiglia lancia il suo miagolio senza timidezza dalle macerie più vicine. Getto sulla spalla la mia tristezza Ed esco verso la poesia. Stese sul filo storie bagnate E sul balcone del vicino, sangue congelato Sono sicura che il sole è una spia nascosta che non […]

hdrhdr

Poesie inedite di Fadiola Golloberda

ECCO COSA DIVENTERESTI Ecco cosa diventeresti una foglia gialla di un autunno all’avvenire se ti dicessi di non vedere più i miei occhi verdi cerulei. Scenderesti come una stella abbracciando l’aria riusciresti a incrociare il mio sguardo come una formica gira intorno alla Terra. Ecco cosa diventeresti sabbia per il mare Io sale per il tuo corpo l’Universo si sposta […]

Relitto

LE PARTITURE DELLA MEMORIA: QUATTRO POEMI, NUOVO LIBRO DI RAÚL ZURITA IN ITALIA (nota di lettura di Lucia Cupertino)

Raúl Zurita, Quattro poemi, Valigie Rosse, 2019 (a cura di Lorenzo Mari, traduzione di Alberto Masala)   NOTA DI LETTURA A CURA DI LUCIA CUPERTINO   Gli scrittori, i poeti in particolar modo, nel loro costante lavoro di riscrittura, riordinamento e ripubblicazione danno spesso filo da torcere ai posteri, ancor più se filologi e studiosi della loro opera. Questo nuovo […]

WhatsApp Image 2020-04-23 at 12.14.26

Il poeta può trasformarsi in lupo, di Ghayath Almadhoun

Lei disse loro: guardate la montagna e mi potrete vedere E loro guardarono lei così che avrebbero potuto vedere la montagna E Damasco sembrava più vicina ogniqualvolta te ne parlavo In quanto i corpi visti allo specchio appaiono più vicini di quanto in realtà non siano E i custodi delle nostre anime se ne sono andati molto lontano e ora […]

WhatsApp Image 2020-04-18 at 17.10.28

Testi da PLANETARIA – 27 poeti del mondo nati dopo il 1985, TAUT EDITORI Milano, selezione di Alberto Pellegatta

  Ella Frears (Truro, Regno Unito 1991)     I ASKED HIM TO CHECK THE ROOF, THEN TOOK THE LADDER AWAY   All night I enjoyed the lie: not feeling well, upstairs in bed but sends his love.   I could feel his frustration above me, through the ceiling; could feel it so strongly that it was as though my […]

IMG_4606

MING DI: QUANDO LA PIOGGIA ERA UN UCCELLO, POESIA TRA L’ANTICA CINA E LA LINEA DI FRONTIERA (a cura di Lucia Cupertino)

TRE POESIE DI MING DI Traduzione italiana di Lucia Cupertino (a partire dalla versione di Radina Dimitrova) APRILE Presto verrà la stagione delle piogge, di nuovo mi assale l’angoscia. Nella remota antichità, la pioggia era un uccello; a volte volava oltre il cielo e più lontano andava, più vasto diveniva il firmamento e si perdeva nell’infinito, ma l’uccello tornava sempre […]

20

Segnando i confini dell’orma che siamo – Poesie di Dorys Contreras

A MARIO E ANNA (versione italiana) Ci sono incontri che ti segnano, incontri tra anime, dove le parole diventano carezze e i cuori si riconoscono mettendo da parte barriere e certezze. Mario, poeta della parola incarnata. Dimmi chi rende forti le tue braccia per scavare profondo in quegli inferni dell’oblio alla ricerca di un po’ di quella pace oltraggiata. Ana, […]

ridotto 1

Poesie inedite di Giulia Tenenti – selezione a cura di Bartolomeo Bellanova

Il motivo che ricopre come edera ogni componimento è la visione di un soggetto (una donna, una ragazza, una compagna, un amante e un’insoddisfatta guerriera del mondo, una metamorfosi) che tenta e cerca di delineare un proprio corpo che si adagia e contrasta il mondo circostante. Sono ripetuti e quasi furiosi i collegamenti al mondo naturale, oggetti di correlazione che, […]