tempo

55680202_10218099054535258_9199089236655996928_n

“Qui insegna la forma naturale del lago, a fare raccolta del tempo”, da “Salita al lago Padre” di Guido Cavalli

Salita al lago Padre   « È questo, una torbiera, il lago Padre, un campo di canne, stretto tra ripide pareti, sempre imbevuto di acque che dalle cime alte intorno scendono nella roccia, al disgelo delle nevi. Già si raccolgono e dei sedimenti fossili e minerali si arricchisce le nuova vena che poco più sotto dalla sorgente nascerà in rivo. […]

13-1140x570

La tempesta si fiuta da lontano, poesie edite ed inedite di Anna Lombardo

Questa Poesia   Questa poesia è per chi non si è spenta nelle squadrature di case, nei sentieri di ragnatele   Per chi non è più tornata e per chi dal fondo degli oceani non offre lacrima o dolore agli accesi schermi attraccati alle pupille   Questi stanchi versi sono per chi è allegra con un rosso vivo di mare […]

IMG_6809

Versi scelti da “Darkana” di Davide Cortese (a cura di Pina Piccolo)

*** Non è solo una rosa di maggio il fiore che ti dono adesso. Nasconde tra i petali di velluto paesi incantati che ho abitato, grandi un granello di sole. Parla i profumi del mio arcano popolo che ti dice “ti amo” da troppo lontano perché tu lo possa sentire. Parla il profumo di un silenzio che è solo il […]

IMG_0500

Come lo spazio dell’effimero diviene luogo del permanente – Matilde Sciarrino intervista Mia Lecomte

  Considerata la Sua intensa e ricca attività in diversi ambiti è opportuno iniziare chiedendole qual è il filo rosso che lega le Sue diverse forme espressive e quale di queste Lei predilige, se è il caso.   Guardando indietro, alle risposte che nel tempo mi sono trovata a fornire a domande come la sua, mi sono accorta della mia […]

FOTO HAJDARI A FROSINONE DAVANTI LA SUA VECCHIA ABITAZIONE

‘Ora il tempo dimora nel tempo’ poesie da “Stigmate” di Gëzim Hajdari

                                    I testi sono tratti dalla raccolta “Stigmate / Vragë» di Hajdari pubblicato in Inghilterra da Shearsman, 2016. Traduzione di Cristina Viti.   Gëzim Hajdari, uno dei più importanti poeti italiani dei nostri tempi, canta l’esilio come condizione politica ed esistenziale dell’uomo moderno. Nato […]

IMG_7349

Tre poesie di Michela Zanarella

  I fiori hanno tempo (a Sylvia Plath)   I fiori hanno tempo come il cielo e ti guardano e fanno caso come il mondo alle stagioni. È di vetro la campana che suona il tuo addio nell’alba precoce. Non hai deluso le stelle nella tua smania di male senza direzione. Si sono frantumate parole sotto il peso dei giorni […]

IMG_0899

“Ancora primavera” e altre poesie di Alex Caselli

  Ancora primavera     Vista una seconda volta la schiusa non perde d’innocenza: il fiore che esce dalla terra velenoso dispiega il suo mistero. Così il prato, già nuovo, più verde nella svolta collinare di una via. Così il sole, tornato in pieno volto quando la lingua bianca di un sentiero porta fuori dal bosco. Tutto è vero come […]

20150707_165405

La macchina sognante di Julio Monteiro Martins (Lucia Cupertino)

“Gli scrittori sono gli unici esseri umani che fissano tra di loro un appuntamento tra duecento anni per discutere di un argomento in sospeso”. La macchina sognante di Julio Monteiro Martins di Lucia Cupertino     La macchina sognante, opera postuma di Julio Monteiro Martins con introduzione di Rosanna Morace è un libro necessario per riflettere sulla letteratura mondiale del […]

imolacafes

Tempo (Rina Xhihani)

Questa non è una poesia amico né un testamento né una preghiera forse solo uno sproloquio del padre insonne della cameriera che finisce il turno dello spazzino che saluta la notte del contadino che si accarezza le ossa dell’insegnante che rammenda le speranze dell’ubriaco che barcolla verso un nessun-dove delle paure mai confessate di un orfano ormai uomo. E’ il […]