Narrativa

20160905_082302

APPELLO (racconto della scrittrice argentina Susana Szwarc)

APPELLO Susana Szwarc (traduzione di Lucia Cupertino)   A causa di un brutto colpo di equilibrio, lui, il professore, mi fece incespicare. La sua uscita mi scosse. Ero magra io, ancora, per la fame. Non da adesso, ma da quando ero Stachka, bambina, puttana orfana, fragile nuvola. È per questo che mi è rimasta l’abitudine di -gettata ovunque, su una […]

IMG_5325-L

“Lina e la sua famiglia”, dalla raccolta “Storie dal pianeta Veronetta” di Marina Sorina

  Lina è un angioletto con il naso arrossato e gli occhi azzurri segnati dal pianto. La porto fuori dall’aula, verso la coppia definita dal giudice “le persone che ti hanno accompagnato qui”, e da lei “papà e mamma”. Nel corridoio si butta fra le braccia di sua madre, la seconda che la vita le abbia concesso. Suo padre, l’unico […]

Photo 06-08-2018, 1 24 34 AM

“Mele – un’esperienza vissuta”, racconto di Mario Eleno

1. Lavorare nei campi è massacrante, non potevo crederlo prima, ora ci sono andato, lo so, ora posso dire che amo i piccoli contadini senza nome, ai quali grandina sul viso ad agosto per un cesto di pomodori, che vogliono bene ai campi come ai figli, che accroccano un povero banchetto sulla piazza e vendono una cassetta di ciuffi di […]

Photo 10-08-2018, 7 45 07 PM

Dal blog di Carla Macoggi, post su potere, gravitas e asimmetrie nei rapporti uomo -donna

La compianta autrice Carla Macoggi è stata tra le scrittrici ospitate nel numero 0 de La Macchina Sognante, ad ottobre di tre anni fa. Volentieri riprendiamo a divulgare il suo lavoro facendo conoscere ai nostri lettori e alle nostre lettrici un aspetto in apparenza più mondano della sua scrittura, ma non per questo più dimesso o meno attento. cioè i […]

IMG_5910

Marasma a Milano, da “L’amore scritto” di Julio Monteiro Martins

MARASMA A MILANO   – Sai chi è stato beccato stavolta? – Dimmi. – disse Toni, dopo un leggero sussulto. – Il ragazzino figlio di Silvia. Ti ricordi? Un biondino. Aveva una dozzina di bustine nello zaino quando l’hanno portato via dal treno. – I treni sono una fregatura. Se ti beccano lì, sei incastrato, sepolto vivo. Non puoi nasconderti, […]

Photo 31-08-2018, 6 51 15 AM

I Sangurima, di José De La Cuadra (trad. Raul Schenardi)

I Sangurima José de la Cuadra Traduzione di Raul Schenardi, postfazione di Federica Arnoldi Gli Eccentrici, Edizioni Arcoiris, 2018 L’origine   Nicasio Sangurima, il nonno, era di razza bianca, quasi pura. Era solito dire: «È che io sono figlio di un gringo». Aveva una chioma simile a quelle dei mulatti, con ricci scuri intricati, come se la testa fosse sempre sconvolta da un […]

IMG_5867

Oltre le etichette – Loretta Emiri

  A determinate epoche storiche corrispondono specifiche forme di espressione. Ad esempio, la parola “trovatore” ci porta al cospetto dei poeti lirici in lingua d’oc che, a partire dalla seconda metà del secolo XI, diedero vita a una grande produzione letteraria legata alle corti. Invece il termine “verismo” ci ricorda il movimento letterario fiorito in Italia nell’ultimo trentennio del XIX […]

Ogniluogoètaksim

Brani dal romanzo “Le sue mani” di Amira Dridi (a cura di Sana Darghmouni)

  […] Una musica leggera proveniva dal vicino di casa, ormai era diventata un’abitudine piacevole per molti inquilini nei palazzi accanto. L’uomo del terzo piano si esercitava ogni mattina con il suo pianoforte, e in tutto il quartiere, non si udiva altro che questa sinfonia malinconica. Il fruscio del vento aveva scosso le foglie degli alberi che danzavano lentamente una […]

taxy alluvione

Bisogni fisiologici, racconto di Monica Dini

Bisogni fisiologici   È stato all’improvviso. La chiamano bomba d’acqua. Una rivincita sui mesi cocenti trascorsi. Piove ancora ma non c’è paragone. Il peggio è già capitato, il fiume è straripato portando fango e ranocchi morti nelle cassette della posta, anche altri schifi ma tutti si sforzano di non pensarci mentre ci mettono le mani e i piedi dentro cercando. […]

loto

Il naso triste di Bartali – di Tullio Bugari

    Ho amato questa canzone di Paolo Conte fin dalla prima volta che l’ho ascoltata. Anche il naso di mio padre mi sembrava triste come una salita, e anche le sue pedalate erano una specie di gara, ma con la vita, quella vita che da sempre reclama la sua fatica: infiniti saliscendi dentro le polverose strade di sassi, che […]