Saggi

images-2

Quando il salario della libertà è la morte – Il caso di Ashraf Fayad (Sana Darghmouni)

    La storia della letteratura araba, come altre, è colma di esempi di casi di censura, data la società conservatrice e tradizionalista in questione, a volte dominata da regimi totalitari o dittatoriali. La censura in suddetta società può scaturire da motivazioni di ordine religioso, politico o quando si toccano argomenti considerati tabù come l’emancipazione femminile o l’omosessualità ecc. Infatti […]

even-the-night_orig

Appunti sul social-fascismo. La condivisione delle idee “senza parole” – di Alberto Prunetti

L’articolo che proponiamo, ripreso da Giap il blog di wumingfoundation.com (sotto licenza Creative Common), è tratto dal n. 4 di Nuova Rivista Letteraria, semestrale di letteratura sociale fondato da Stefano Tassinari e pubblicato dalle Edizioni Alegre – a cura di Bartolomeo Bellanova Le retorica teatrale di Mussolini ̶ perentoria, decisionale, volontaristica, carica di iperboli e di allitterazioni ̶ non doveva […]

PAGU 9!

BRASILE. MOLTO PIÙ CHE PAGU. L’altra biografia di Patrícia Galvão (di Alessia Di Eugenio)

Patrícia Galvão: voci, storia e militanza di una scrittrice femminista brasiliana di Alessia Di Eugenio   Patrícia Galvão (1910-1962) è stata una femminista, scrittrice, traduttrice, disegnatrice, critica letteraria e teatrale, giornalista, militante comunista e prima prigioniera politica donna del Brasile. La sua straordinaria biografia e le sue opere sono mal conosciute in Brasile e praticamente ignorate altrove. Ripercorrendo la sua storia, […]

IMG_3258

L’armonia nascosta, la libertà (Giorgio di Maio)

  Nel mondo greco la parola eleuteria/libertà aveva un significato in sede prevalentemente politica: un uomo libero era un uomo non nato da genitori schiavi e non asservito ad uno straniero o ad un tiranno. L’idea di libertà in senso universale ed astratto nasce nel mondo moderno, nel 1690 con il Secondo trattato sul governo di Locke ove la libertà […]

IMG_3641

Dei soviet/’17, il tempo che resta! (Antonino Contiliano)

    Il 2017 nel suo calendario storico ha in programma la festa per rivitalizzare un evento particolare, il centenario della rivoluzione comunista e sovietica del 1917, mentre il suo numero sette ci richiama il bicentenario, la ricorrenza di un’edizione indimenticabile e in cammino, la data del 1867. L’anno della pubblicazione de Il Capitale di Karl Marx. Il richiamo, per […]

la ginestra 2

Giulio Regeni: note per un esercizio radicale della memoria – di Franco Palazzi e Michela Pusterla

  Quasi un anno fa, veniva ritrovato al Cairo il corpo di Giulio Regeni, verosimilmente torturato e ucciso dalle forze di sicurezza locali. Oggi, dopo dodici mesi di indagini e depistaggi, la richiesta di verità e giustizia rimane dolorosamente inevasa. Con questo articolo, vogliamo rimettere in discussione le responsabilità di quanto è successo e dello stallo delle indagini, inserendole in […]

imgp4311

Le “Quattro novelle” di Celati- sui concetti di ‘vacillamento’ e ‘sospensione’ (Pina Piccolo, trad. di Maria Pia Arpioni)

    Nell’ultima immagine che qualcuno avrà di loro, essi saranno in un grande pianoro tra le montagne, entrambi  in costume da alpinisti e con bastone da alpinisti, in procinto di avviarsi verso le montagne innevate sul fondo.  Cammineranno di buon passo e sempre con espressioni di lieta attesa, per andare dove? Dove?   Ma chi può dirlo dove un uomo sta andando?Spesso […]

rendon_sketch-marie-le-glatin-keis

I mai conquistati. Ayuuk ja’ay – di Ana Matías Rendón (a cura di L. Cupertino)

Pillole di storia mixe (popolo nativo messicano), ricostruita da una giovane mixe Traduzione di Lucia Cupertino     È esistito un gruppo di indigeni che gli spagnoli non hanno mai potuto conquistare, anche se non sono stati gli unici a provarci, lo avevano fatto altri senza lo stesso risultato; né mexica, né zapotechi o mixtechi sono riusciti a vincerli. Più tardi, […]

15698231_389910491348217_8277732723794709310_n

Radici – l’antenato come fondamento (Toni Morrison, trad. Franca Valsania)

Tra vita pubblica e vita privata esiste un conflitto, ed è un conflitto che penso debba rimanere tale. Perché sono due modi di vivere che tendono ad escludersi e annullarsi a vicenda. E’ un conflitto che andrebbe mantenuto ora più che mai perché il meccanismo sociale di questo paese, oggi, non consente armonia in una vita che presenti ambedue questi […]

15230755_10209160746389339_2272695845595531117_n

Omaggio a Fidel (Lia De Feo)

Io non ho amato Cuba, nei tre anni trascorsi a studiare lì. Tanto è vero che mi spostavo in Messico ogni volta che potevo, e alla fine a Cuba ci avrò trascorso un anno e mezzo in totale. Non l’ho amata perché amo poco le isole, in generale, e perché i cubani mi davano sui nervi, parecchio. E la pativo: […]