home page

In primo piano in Inserto Palestina

vol56-sf-april76-na_pppa

Un altro giorno verrà, Mahmud Darwish (trad. Sana Darghmouni)

 سيجيء يوم آخر محمود درويش سيجيء يوم آخر، يوم نسائي ،شفيف الاستعارة، كامل التكوين ،ماسي، زفافي الزيارة، مشمس سلس، خفيف الظل. لا أحد يحس برغبة في الانتحار أو الرحيل. فكل ،شيء، خارج الماضي، طبيعي حقيقي رديف صفاته الأولى. كأن الوقت يرقد في إجازته… “أطيلي وقت زينتك ،الجميل. تشمسي في شمس نهديك الحريريين وانتظري البشارة ريثما تأتي. وفي ما بعد نكبر. […]

TaghriddeODzNJW

I bambini vedono buchi e notano le prigioni? (a cura di Sana Darghmouni)

Non ero sicura che i bambini prestassero attenzione ai vicoli del campo profughi, sapevo che li vedevano, ma forse non a tal punto di leggere una storia al riguardo. Le storie che essi cercavano erano diverse, come se fossero alla ricerca di un altro luogo, quindi ho posto loro la domanda durante la mia ultima lezione di arte, nel momento […]

the-soldier-1416499

Come uccido i soldati – Ahlam Bshrat

Ahlam Bshrat   Come uccido i soldati   Soldati coloniali, che cosa hanno fatto alla mia poesia in tutti questi anni quando avrei potuto facilmente ucciderli nei miei versi come hanno fatto loro con la mia famiglia al di fuori di essi?   La poesia sarebbe stata l’occasione giusta per regolare i conti con gli assassini, invece li ho lasciati […]

Wesam Almadani Friby forfatter

Ecco come la guerra mi ha lasciato in vita – Intervista di Le Ortique alla scrittrice palestinese Wesam Almadani

di Valentina Di Cesare e Viviana Fiorentino, ripreso dal sito Le Ortique, che pubblica l’intervista in italiano e inglese.   Latitudini/Latitudes Wesam Almadani è una scrittrice palestinese, originaria di Giaffa, ma cresciuta tra il Sudan, l’Egitto e Gaza. Attualmente, vive in Norvegia. Almadani ha pubblicato due libri in inglese e arabo: il romanzo The body’s schizophrenia (Arab institute for research & publishing, 2020) […]

In primo piano in Poesia

qiuyun-picun-entrance

我的青春 Il fiore dei miei anni – An Zhesi, trad. Marco Sabbatini

我的青春                                                      Il fiore dei miei anni 作者/朗诵:俺这厮                                       di An Zhesi   我的青春是一张远程的车票                        il fiore dei miei anni è un biglietto di un treno a lunga percorrenza 它载着我去寻找诗和远方                            e trasporta con sé versi e luoghi remoti […]

Mother and Child 2

67 bambini, di Ahlam Bsharat (trad. Sana Darghmouni)

67 bambini   Sette 67 elastici per capelli sono morti Sette 67 robot sono morti Sette 67 orsacchiotti sono morti Sette 67 rossetti finti sono morti.   Sette 67 frenesie da solletico sotto le ascelle sono morti Sette 67 pizzicotti tra le cosce sono morti sette 67 balzi verso l’alto sono morti sette 67 salti sulle gambe sono morti Sette […]

IMG_3586

A cogliere la coda dell’incanto – Haiku e poesie di Giuseppe Ferrara da “Raccolta differenziata”

Dalla Prefazione “NATURALESSEN” di A. Gianna   […] Giuseppe Ferrara, in questa sua Raccolta Differenziata circoscrive scientificamente il problema di una relazione uomo-natura, oggi più che mai complessa e difficile, con i primi 19 haiku e versa negli altri contenitori della raccolta argomenti, tematiche e linguaggi con una “naturalezza d’espressione” adatta ai nostri tempi. Tutto si traduce in una particolare […]

In primo piano in Narrativa

dav

La morte di James Joyce – Marijan Grakalić, traduzione e introduzione a cura di Božidar Stanišić

 Introduzione e traduzione a cura di  Božidar Stanišić Nel 2021 Marijan Grakalić ha pubblicato la raccolta La morte di James Joyce e altre storie del XX secolo, dalla quale riportiamo l’omonimo racconto nella traduzione italiana. Trentasei racconti formano un omnibus in prosa con cui l’autore, cercando di abbracciare il Novecento, soprattutto la sua prima metà, sottolinea al tempo stesso la […]

IMG_9899 (2)

Stanno uccidendo tutti i Sadeq – Mojaffor Hossain

Il racconto si è classificato tra i finalisti del Tagore Short Translated Fiction Award indetto dalla rivista The Antonym- Bridge to Global Literature, che ringraziamo per la segnalazione. La traduzione dal bengalese all’inglese è di Noora Shamsi Bahar  e dall’inglese all’italiano di Pina Piccolo.   1. Il ragazzo più ingenuo del villaggio di Dhabaldhola era stato assassinato. Il corpo decapitato […]

dav

ALLE BESTIE, cap. VIII-IX- X – Francesca Sarah Toich

Scenario e riassunto delle puntate precedenti   Parigi, Francia, in un prossimo futuro. Maya è gravida di un rinoceronte bianco: un’inseminazione imposta dal Regime. Clemente è il medico che segue la sua gravidanza. Il Regime ha preso il potere anni prima con un colpo di stato. Il governo è composto da una fazione estremista di ambientalisti. L’estremismo è radicale: l’umanità […]

1b-1-640x420

brani da Nord, di Burhan Sönmez, trad. Nicola Verderame

Burhan Sönmez, da Nord, tr. dal turco di Nicola Verderame, Edizioni nottetempo 2021.     “Quando i pastori rinvennero nel burrone il cadavere nudo di Aslem, le ultime stelle della notte si stavano ritirando. I pastori si erano svegliati di buonora ed erano in cammino verso il villaggio. I loro passi schiacciavano i fili d’erba coperti di brina e il […]

In primo piano in Interviste e recensioni

dav

Da quali profondità scaturiscono le mie Quartine?: Breve excursus nella raccolta di Jacob Israel de Haan “Quartine”, di Pina Piccolo

  Quartine I posteri leggeranno le mie quartine Tremeranno quando capiranno Con quale martirio accorato Attraversai la vita cantando (p. 56)   Uno dei contributi più interessanti della piccola editoria in Italia quest’anno è stata la pubblicazione da parte della Di Felice Edizioni delle “Quartine” di Jacob Israel de Haan , nella traduzione italiana dal nederlandese di Patrizia Filia. Pubblicate […]

263675989_1229238667565555_3467873372016413220_n

La Primavera di Cordoba di Hassan Aourid (Sana Darghmouni)

La primavera di Cordoba è un romanzo dello scrittore marocchino Hassan Aourid pubblicato nel 2017. In quest’opera, Aourid ricorre alla fiorente epoca islamica in Andalusia, usandola come espediente vincente per mettere in discussione alcune questioni di politica, congiure di palazzo e per celebrare la convivenza religiosa. Il romanzo descrive i rituali, la struttura del potere, le ossessioni del sultano e […]

9788860045836_0_536_0_75

Il lato oscuro – Recensione di “I Negativi” di Daniele Morgese, di Claudia Nastasi

Recensione – I Negativi di Daniele Morgese, Giulio Perrone Editore, 2021   Berlino, 9 Novembre 1989, un luogo e una data che di certo molti riconoscono a colpo d’occhio, impressa con forza nella memoria di ciascuno, dove molte storie hanno inizio e dove passato e presente si fondono per dare forma a qualcosa di nuovo mai visto prima. Gianluca e […]

In primo piano in Saggi

unnamed-7

Breve invito alla lettura di Carla Macoggi – Jessy Simonini

    Fare ordine nei miei pensieri. Luglio settantasette la mia prima volta in Italia. Tre mesi a casa di Terza e Astolfo. Novembre settantasette di nuovo in Africa. Nell’estate dell’anno dopo l’Occidente per sempre. Con Romana. Pochi giorni a Roma, un mesetto sull’Appennino. E poi a Bologna. Senza Romana. Nella casa di una suora vestita da monaca e una […]

1633499847-gianni-celatiDoppiozero

In memoriam Gianni Celati: Silenzio, spazio, movimento e sollievo in Narratori delle pianure – Pina Piccolo

Per  ricordare lo scrittore Gianni Celati che tanto ha contribuito alla letteratura, critica e arti visive in Italia, La Macchina Sognante propone la traduzione italiana di “Silence,  Space, Movement and Relief in Gianni Celati” un saggio di Pina Piccolo pubblicato originariamente nella rivista letteraria statunitense Gradiva , 1988, vol. IV, N. 2.   Alfredo Giuliani, recensendo Narratori delle pianure (Milano: Feltrinelli, 1985), ha evidenziato che uno dei […]

terrazza

Versi di tre stagioni: sulla poesia di Beppe Salvia – Giuseppe Ferrara

  Terrazza a Vernon è un dipinto realizzato tra il 1920 ed il 1939 dal pittore francese Pierre Bonnard ed è conservato al Metropolitan Museum of Art di New York. Per questo dipinto Bonnard ha usato colori caldi e pieni di luce: finestre e terrazze rappresentano per il pittore francese imprescindibili buchi di serratura per guardare il mondo. Esse non hanno […]

dead-tree-rabmcbridephotography

Mai fidarsi del carbone di Sergio Sichenze

Il carbone, la fonte energetica primaria che consentì l’ascesa inarrestabile dell’industrializzazione moderna, è ritornato in auge alla Conferenza delle parti sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite di Glasgow: Cop 26. Il nero combustibile fossile, nonostante la sbandierata e propugnata transizione ecologica, ha proseguito indisturbato il suo necroforo lavoro d’infallibile killer, lasciando una scia di morti a causa del suo elevato […]

In primo piano in Teatro

thinking blind -(S)BLOCCO5- quadrata

THINKING BLIND – Ivonne Capece, note di regia (Ivonne Capece) e testimonianze (Micol Vighi)

   PRODUZIONE (S)BLOCCO5   THINKING BLIND regia Ivonne Capece performer Ivonne Capece, Giulio Santolini dramaturg Walter Valeri concept visivo e foto Micol Vighi   (Finalista Biennale College Teatro 2021 – Sezione performance internazionale Under40)   L’artista poliedrico Jarman fa della cecità il suo testamento filmico: proprio durante le riprese di Blue la sua vista peggiorò a causa dell’avanzamento degenerativo della […]

foto Clitennestra-2

Profili di Clitennestra tra odio e amore (parte 2) – Caterina Barone

  Clitennestra secondo Marguerite Yourcenar   L’odio per Agamennone e l’amore, sia pure contrastato, per Egisto appaiono, dunque, punti fermi nella narrazione del mito nella storia della tradizione classica fino alla svolta sorprendente impressa alla fisionomia della Tindaride da Marguerite Yourcenar che, nella raccolta di prose liriche Fuochi del 1935, le dedica un monologo nel quale inquadra la vicenda in […]

1214-35 copia

DARIO FO: servizio fotografico inedito di Daniele Ferroni, commento di Walter Valeri

il volto, la maschera, i gesti, la storia   Pubblichiamo su questo numero di LMS parte di un prezioso servizio fotografico inedito dedicato a Dario Fo, realizzato a più riprese da Daniele Ferroni a Cesenatico. Sono istantanee in bianco e nero molto belle, gaie oppure tristi e pensose, come mai prima d’ora. Immagini che ricordano Dario in scena. Di come […]

Thinking Blind Compagnia (S)Blocco5

THINKING BLIND – Tre recensioni: Ilaria Cecchinato, Daniele Rizzo, Enrico Piergiacomi

TRE RECENSIONI     NEGLI ABISSI DEL BLU di Ilaria Cecchinato     Di fronte a una centrale nucleare nella ventosa e arida Dungeness in Inghilterra, sorge un piccolo paradiso terrestre: è il giardino attorno a Prospect Cottage, un’antica abitazione di pescatori che il regista inglese Derek Jarman acquistò nel 1986 e di cui per otto anni (fino alla morte […]

In primo piano in Sconfinanti

dav

Tempi che sono..Zeiten wie…Kohē që janë, di Gentiana Minga – Recensione di Claudia Nastasi

  Novembre 2017, un freddo treno-merci viaggia verso il Brennero portando con sé la vita del piccolo Anthony, diretto chissà dove, attraverso l’inverno, in compagnia di una borsa abbandonata. Il treno però si ferma prima del confine e la storia di Anthony apre la strada a molteplici possibilità di confronto e riflessione. Gentiana Minga, autrice e traduttrice di origine albanese, […]

dav

Il ritorno – Mahua Sen Mukhopadhyay

  I cieli sopra Calcutta sono plumbei e sprofondano rapidamente sotto il peso di nuvole gonfie di pioggia. Arse dalla calura di metà giugno, avvelenate dall’inquinamento e screpolate dall’insostenibile sete provocata dai venti secchi, ora gravide di promesse di sollievo esse si librano con tranquillità trionfante in cima agli edifici di questa giungla di cemento. Shuprobha si infila rapidamente nel […]

IMG_3769

brani da “Non dire che mio figlio cammina in paradiso” di Islam Nawwar

1 Ero nella mia camera da letto quando ho sentito la chiamata del muezzin: “La preeeeeeghiera e è meglio del sonno / la preeeeeghiera è meglio del sonno” Così sono corso verso il router per iniziare la mia adorazione quotidiana.     se fossi stato lì All’esecuzione di Lorca Non sarei stato né Lorca Né quello che brandisce la pistola […]

images (5)adelina

IN MEMORIAM ADELINA SEJDINI: Ad Adelina per Adelina, di Gentiana Minga

È dagli inizi del novembre scorso che mi sono impuntata nell’idea di scrivere un pezzo per Adelina. Un pezzo saggio, strutturato bene e della massima accuratezza possibile. Ho fallito, ma ciò non mi fa sentire in colpa. Mi è stato quasi impossibile riuscire a tirare fuori da questa storia incredibile un che di sensato. Nella mente non riuscivo ad abbozzare […]