home page

In primo piano in La macchina sognante num. 13

47369264_547073105759376_7900476303860563968_n-1140x570

CARLINO, Parte III – di Stuart Hood, traduzione di Walter Valeri e Serena Russo

Nelle colline imparammo tutto sulla raccolta delle castagne, dell’uva; imparammo ad arare e ad usare la zappa. Si può camminare lungo gli Appennini dalla pianura della Lombardia fin sotto Firenze; senza  quasi mai uscire dai castagneti. Le mulattiere, biforcandosi, s’arrampicano poi discendono tra gli alberi sdrucciolevoli a causa delle foglie lanceolate; le castane si ammucchiano sull’erba come verdi ricci di […]

DSC_1023

ASPETTO CHE GLI ANIMALI PREISTORICI MI SBRANINO, SONO IL CIBO – Alessandra Gasparini

ASPETTO CHE GLI ANIMALI PREISTORICI MI SBRANINO, SONO IL CIBO Parte prima SCENA 1 MUSICA. RAGAZZA ESPONE AL PUBBLICO UN CARTELLONE CON SOPRA SCRITTO: ASPETTO CHE GLI ANIMALI PREISTORICI MI SBRANINO POI LO APPOGGIA PER TERRA E MOSTRA UN ALTRO CARTELLONE CON SOPRA SCRITTO: SONO IL CIBO UOMO:   (PRONUNCIA LA FRASE MOLTO VELOCEMENTE, RENDENDOLA QUASI INCOMPRENSIBILE, COME NELLA PUBBLICITA’ […]

47236641_2227166654194740_6515789941530689536_n-1140x570

“Mobral” racconto di Julio Monteiro Martins, trad. Reginaldo Cerolini, con commento sulla Nuova Destra Brasiliana

Il 28 ottobre del 2018 Jair Bolsonaro è stato eletto presidente del Brasile e proprio da oggi, primo gennaio 2019, prenderà posto alla direzione della nazione. Quest’uomo, ex militare di estrema destra, definito a buon titolo Trump do Brazil (Trump brasiliano), non ha mancato di palesare le sue riserve sull’omosessualità, che detto per un paese dove la libertà di genere […]

athenes landscapes 175x210 canapa garzati pigmenti 2018

MAURO PIPANI: UN PITTORE CHE INCANTA CON TENERA MAESTRIA – Walter Valeri

La pittura di Mauro Pipani, al di là dei temi trattati, incanta, rimanda immediatamente ai riverberi brucianti del sole, alla luce maternale dell’Adriatico, all’odore salmastro e acuto delle alghe. Scorre sotto i nostri occhi e ci cattura prima ancora di esistere. Descrive con tenera maestria un sentire che appartiene intimamente alla riviera romagnola, ai i pittori che hanno attinto a […]

In primo piano in Poesia

ashraf-color

“Il tempo sta peggiorando” – Poesia dal carcere, di Ashraf Fayadh

  Il tempo sta peggiorando e mi assale un malessere generale. Cosa mi succede esattamente?! E perché non smettono mai tutti questi uragani?! Niente ha un colore qui, neppure un gusto … ma molti odori orribili. La mancanza di respiro… è la situazione regnante, il silenzio, mia unica scelta. Il mio petto è un vortice inesauribile di dolore. Non so […]

IMG_7761

(da) NOSTALGIA DEL PRESENTE di Walter Valeri I.C.O.N disegni di Gilda Sancisi

  I Scende la morte ogni notte sulle  mie labbra beve il latte dei baci non dati.   II S’ingolfa d’acqua nell’ala del buio affoga nelle guance  alla finestra la bracciata dove per sempre sprofonda  e chiudono le luci.   III Che ore sono?  è l’ora che segna  d’orrore le stelle se già tace l’allodola nell’impaglio del giorno ma non […]

In primo piano in Narrativa

47369264_547073105759376_7900476303860563968_n-1140x570

CARLINO, Parte III – di Stuart Hood, traduzione di Walter Valeri e Serena Russo

Nelle colline imparammo tutto sulla raccolta delle castagne, dell’uva; imparammo ad arare e ad usare la zappa. Si può camminare lungo gli Appennini dalla pianura della Lombardia fin sotto Firenze; senza  quasi mai uscire dai castagneti. Le mulattiere, biforcandosi, s’arrampicano poi discendono tra gli alberi sdrucciolevoli a causa delle foglie lanceolate; le castane si ammucchiano sull’erba come verdi ricci di […]

COPERTINA

Brani da “La storia scartata” (Terre d’Ulivi Edizioni novembre 2018) di Bartolomeo Bellanova

  Questa giornata trascorsa a Firenze con l’amata Penelope è per me un assaggio di eterno regalatomi nel giorno del mio cinquantesimo compleanno per qualche sconosciuto merito guadagnato in questa grigia esistenza. Inizia leggera, senza parole, con la stessa tenue serenità con la quale iniziano le domeniche trascorse insieme, tutte, anche quelle domestiche. Emozionati come bambini al primo viaggio di […]

tumblr_ohs1neK1qk1vmgdswo1_1280-2-800x570

“Sogno 1”, da “La rivoluzione dei tarli” (Prospero 2018) di Lucia Grassiccia

Sogno #1 All’orizzonte compare questa torre bagnata dal mare. Bella, di sana costituzione. La pietra delinea disordinati i suoi profili, la pietra irruvidisce solo guardata. Uno strato di macerie incolori giace sul lato nord. Sono secoli che l’acqua corteggia le fondamenta di questa torre di aria spagnola, affiancando i passi degli uomini, delle donne, di bambini a caccia di giochi […]

In primo piano in Interviste e recensioni

utopia-10285555

E se davvero la soluzione fosse l’utopia? di Rachele Baccichet

(per gentile concessione di Agenzia di stampa giovanile www.agenziagiovanile.it – che ha pubblicato l’articolo in data 08/10/2018) “Historia magistra vitae” scriveva Cicerone. Ma la storia può davvero insegnarci qualcosa? Una riflessione sul “moto storico”, sul suo andamento e sulle problematiche attuali partendo da dove si sono formate le radici dell’Occidente, dai classici della cultura greca e latina. Questo è ciò […]

Copertina Gli Angoli della Notte

“Angoli della Notte” di Hilal Karahan (trad. dall’inglese all’italiano di Claudia Piccinno)

Angoli della Notte” di  Hilal Karahan  (trad. dall’inglese all’italiano di Claudia Piccinno) Edizioni Associazione Culturale “Il cuscino di stelle” 2018   La raccolta di Hilal Karahan si divide in sette gruppi di poesie che presentano temi, stili, intonazioni e ritmi diversi. Il filo conduttore comune che sorregge la complessa costruzione poetica dell’autrice è, a mio avviso, la ricerca di un […]

In primo piano in Saggi

DOVE VA LA POESIA COP fronte ridotta

Intervento di Carla Mussi, tratto da “Dove va la poesia? – riflessioni sul presente”, a cura di Mauro Ferrari

      Dove va la poesia? A che titolo posso intervenire su “dove va la poesia”? Non sono un “letterato”, un critico, un accademico, e provo un certo imbarazzo ad autodefinirmi poeta. La modalità prevalente, anche nei lettori più accorti, mi pare che sia più condizionata dalla lettura del curriculum dell’autore che dall’attenzione alla parola poetica. Io stessa mi […]

agrupacion afroxango

IL POPOLO “INVISIBILE”: GLI AFRODISCENDENTI D’ARGENTINA (Anna Fresu)

“TANGO NEGRO, TANGO NEGRO / I TAMBURI HANNO SMESSO DI SUONARE” STORIA DEGLI AFRODISCENDENTI IN ARGENTINA a cura di Anna Fresu Con la risoluzione 68/237, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato il periodo 2015-2024 Decennio Internazionale degli Afrodiscendenti nel mondo (Popolo di discendenza africana: riconoscimento, giustizia e sviluppo), “come necessità di rafforzare la cooperazione nazionale, regionale e internazionale in […]

26231250_10210551317160458_4864529115856534125_n-646x570

L’Islam e i diritti delle donne: il nuovo Codice di Famiglia marocchino – Martina Melis

Quando si deve rappresentare il mondo arabo-islamico, la narrazione che prevale nei media occidentali è quella di un mondo statico, fermo al passato, imprigionato in una religione che impedisce qualsiasi progresso e che nega alle donne ogni diritto. Questa visione appare, per chi abbia una conoscenza un po’ più approfondita della storia e della cultura islamica, se non distorta quantomeno […]

In primo piano in Teatro

20160425_121115

MESSICO: NELLA SELVA DI OAXACA UNA STORIA DAL FINALE APERTO

“LOS CAMINANTES”: I camminanti, un work in progress. Testo e foto di Eugenia Galeano Inclán Traduzione di Lucia Cupertino Abbiamo tutti accolto con favore i progressi della scienza e della tecnologia occorsi. Tuttavia, non tutte le invenzioni sono buone. Ad esempio, le droghe hanno causato gravi danni. Le armi chimiche e nucleari causano disastri di grande entità. La plastica che […]

11

FRECCE PER UNA FARETRA Parte I, Mario Eleno

    FRECCE PER UNA FARETRA 1 Il teatro è quando gli occhi ricominciano a meravigliarsi della meraviglia è  quando le orecchie sentono e finiscono per ascoltare è  quando le mani si tendono per tirare fuori dalle acque è  quando il fiuto riconosce le piste da cui lanciarsi contro i mostri inumani e abbietti è quando sulla lingua viene spalmato […]

Impastato_3

FELICIA: I VOLTI DELLA MADRE DI PEPPINO IMPASTATO

FELICIA. FRAMMENTI DI FELICIA IMPASTATO. di Gianni Antonio Palumbo La pièce di Teodora Mastrototaro si configura come un monologo di Felicia Impastato, madre di Peppino, “militante dell’antimafia sociale”, in una riuscita tessitura di lingua e dialetto siciliano. Le oscillazioni di un’anima ferita sono sapientemente rese attraverso la continua e straniante variazione dei registri. Alla memoria della figura del figlio sono […]

4 conventillo d'epoca

I MIGRANTI ITALIANI NEL TEATRO ARGENTINO PARLAVANO COCOLICHE (MIX DI DIALETTI ITALIANI E SPAGNOLO), di Grazia Fresu

Alla fine della seconda metà del XIX secolo, una forte ondata migratoria partì dall’Italia verso l’Argentina, richiamata da una politica di popolamento delle numerose terre incolte, il cui scopo era lo sviluppo dell’attività agricola e di allevamento, per cui le braccia di coloni europei, in una terra poco popolata, erano di assoluta necessità, secondo la formula “civiltà o barbarie” di […]

In primo piano in Sconfinanti

47319686_290809308233499_724173310497128448_n-1140x570

Random Poetry: quando ti frizza la poesia, inediti di Lillith Cavalli

  6) Vorrei vorrei avere il permesso di sentirmi ogni tanto male. vorrei poter dire che non voglio essere una madre. vorrei gridare nella notte nel buio pesto e vorrei girare da sola, leggere in pace e tutto il resto! non è facile spiegare al mondo le cose come stanno. perché c’è sempre gente che vorrebbe dimostrare la sua abilità, […]

49790928_302987386990991_4145321993933160448_n

Selezione da “Ponti di corda” – Anna Fresu (Temperino rosso edizioni 2018)

MIA MADRE   Di mia madre è rimasto il suo sorriso, il canto del mattino, l’arma bianca della parola contro l’ingiustizia, il racconto di maggio: di un vestito fatto di seta di paracadute, il viaggio di nozze su un carretto, il tempo lento e lieve in riva al mare appeso a un filo in una cruna d’ago.   Mio padre […]

tumblr_owh3v6KfbC1vmgdswo1_1280-1140x570

LETTERA DI BUON ANNO: SOLO UN RAGAZZO, di Reginaldo Cerolini

Da qualche tempo mi interesso ad un giovanissimo ragazzo nigeriano, che incontratomi su un treno, io in chiacchiere divertite con un’amica lariana al cellulare, lui zoppicante ed insanguinato in un treno che andava verso Chiasso, mi ha tenacemente- giacché le prime due volte l’avevo volutamente ignorato- scelto come suo interlocutore per chiedermi come raggiungere la Svizzera. Ora siccome, il fato […]