home page

In primo piano in La macchina sognante num. 13

utopia-10285555

E se davvero la soluzione fosse l’utopia? di Rachele Baccichet

(per gentile concessione di Agenzia di stampa giovanile www.agenziagiovanile.it – che ha pubblicato l’articolo in data 08/10/2018) “Historia magistra vitae” scriveva Cicerone. Ma la storia può davvero insegnarci qualcosa? Una riflessione sul “moto storico”, sul suo andamento e sulle problematiche attuali partendo da dove si sono formate le radici dell’Occidente, dai classici della cultura greca e latina. Questo è ciò […]

athenes landscapes 175x210 canapa garzati pigmenti 2018

MAURO PIPANI: UN PITTORE CHE INCANTA CON TENERA MAESTRIA – Walter Valeri

La pittura di Mauro Pipani, al di là dei temi trattati, incanta, rimanda immediatamente ai riverberi brucianti del sole, alla luce maternale dell’Adriatico, all’odore salmastro e acuto delle alghe. Scorre sotto i nostri occhi e ci cattura prima ancora di esistere. Descrive con tenera maestria un sentire che appartiene intimamente alla riviera romagnola, ai i pittori che hanno attinto a […]

47369264_547073105759376_7900476303860563968_n-1140x570

CARLINO, Parte III – di Stuart Hood, traduzione di Walter Valeri e Serena Russo

Nelle colline imparammo tutto sulla raccolta delle castagne, dell’uva; imparammo ad arare e ad usare la zappa. Si può camminare lungo gli Appennini dalla pianura della Lombardia fin sotto Firenze; senza  quasi mai uscire dai castagneti. Le mulattiere, biforcandosi, s’arrampicano poi discendono tra gli alberi sdrucciolevoli a causa delle foglie lanceolate; le castane si ammucchiano sull’erba come verdi ricci di […]

In primo piano in Poesia

IMG_7761

(da) NOSTALGIA DEL PRESENTE di Walter Valeri I.C.O.N disegni di Gilda Sancisi

  I Scende la morte ogni notte sulle  mie labbra beve il latte dei baci non dati.   II S’ingolfa d’acqua nell’ala del buio affoga nelle guance  alla finestra la bracciata dove per sempre sprofonda  e chiudono le luci.   III Che ore sono?  è l’ora che segna  d’orrore le stelle se già tace l’allodola nell’impaglio del giorno ma non […]

49204625_2198673293497372_2300996310418849792_n

“Il tempo sta peggiorando” – Poesia dal carcere, di Ashraf Fayadh

  Il tempo sta peggiorando e mi assale un malessere generale. Cosa mi succede esattamente?! E perché non smettono mai tutti questi uragani?! Niente ha un colore qui, neppure un gusto … ma molti odori orribili. La mancanza di respiro… è la situazione regnante, il silenzio, mia unica scelta. Il mio petto è un vortice inesauribile di dolore. Non so […]

In primo piano in Narrativa

47369264_547073105759376_7900476303860563968_n-1140x570

CARLINO, Parte III – di Stuart Hood, traduzione di Walter Valeri e Serena Russo

Nelle colline imparammo tutto sulla raccolta delle castagne, dell’uva; imparammo ad arare e ad usare la zappa. Si può camminare lungo gli Appennini dalla pianura della Lombardia fin sotto Firenze; senza  quasi mai uscire dai castagneti. Le mulattiere, biforcandosi, s’arrampicano poi discendono tra gli alberi sdrucciolevoli a causa delle foglie lanceolate; le castane si ammucchiano sull’erba come verdi ricci di […]

tumblr_ohtev1KQtb1vmgdswo1_1280-2-350x250

Un uomo ucciso a calci, di Pablo Palacio

Un uomo ucciso a calci Pablo Palacio Traduzione di Alice Piccone Gli Eccentrici, Edizioni Arcoiris, 2018 La storiella Temi di grandissima importanza sociologica o politica sono all’ordine del giorno: la questione del Marocco, i sistemi coloniali francese e spagnolo, il grande problema della finanza, l’identità dell’Europa feudale e dell’America coloniale, la difficile questione della provenienza dei primi abitanti di questo continente, […]

COPERTINA

Brani da “La storia scartata” (Terre d’Ulivi Edizioni novembre 2018) di Bartolomeo Bellanova

  Questa giornata trascorsa a Firenze con l’amata Penelope è per me un assaggio di eterno regalatomi nel giorno del mio cinquantesimo compleanno per qualche sconosciuto merito guadagnato in questa grigia esistenza. Inizia leggera, senza parole, con la stessa tenue serenità con la quale iniziano le domeniche trascorse insieme, tutte, anche quelle domestiche. Emozionati come bambini al primo viaggio di […]

tumblr_ohs1neK1qk1vmgdswo1_1280-2-800x570

“Sogno 1”, da “La rivoluzione dei tarli” (Prospero 2018) di Lucia Grassiccia

Sogno #1 All’orizzonte compare questa torre bagnata dal mare. Bella, di sana costituzione. La pietra delinea disordinati i suoi profili, la pietra irruvidisce solo guardata. Uno strato di macerie incolori giace sul lato nord. Sono secoli che l’acqua corteggia le fondamenta di questa torre di aria spagnola, affiancando i passi degli uomini, delle donne, di bambini a caccia di giochi […]

In primo piano in Interviste e recensioni

copertina

Dimentica chi sono di Griselda Doka – Note di lettura di Bartolomeo Bellanova

Questa raccolta è per me il diario di un viaggio fisico, ancor prima che interiore, intrapreso dall’autrice che si esplora nel profondo fino a scarnificarsi l’anima a causa dell’assenza dell’amore perso, ritrovato e riperso nel continuo alternarsi di passioni corporali e mentali. L’incipit invita il lettore a partire insieme per questo cammino, per  questa ricerca tormentata di sé: “Dimentica chi […]

facebook_1530026459030

UN MONDO SENZA CONFINI: SANTIAGO, ITALIA DI NANNI MORETTI, recensione di Reginaldo Cerolini

                                                                                                                                                                                           “Ho cercato la loro umanità  e la loro emozione” Nanni Moretti   L’occasione di una visita a Modena mi permette di rivedere, dopo anni – allora era stato a Bologna- Nanni Moretti. Al Cinema Teatro Astra, segna un evento, la prima delle sale – delle tre- per grandezza è gremita, i cinquecento posti sono pieni, ed alcuni sono addirittura […]

In primo piano in Saggi

20046676_1567015536704091_3985685991256826620_n-697x570

Il neurocapitalismo e la nuova servitù volontaria – di Giorgio Griziotti

(per gentile concessione di Effimera che ha pubblicato la traduzione italiana dell’articolo di Giorgio Griziotti uscito in francese per AOC il 3/12/18). **** Vivete in modo tale che nulla più vi appartiene. Eppure questo padrone ha solo due occhi, due mani, un corpo, niente di più di quanto abbia l’ultimo abitante dell’infinito numero delle nostre città. Ciò che egli ha in […]

rangel_2

MARTÍN RANGEL: POESIA ELETTRONICA MESSICANA ATTUALE (Luis Correa Díaz)

“Soy una máquina y no puedo olvidar” di Martín Rangel: poesia elettronica [simulatamente robotica] messicana attuale1 Luis Correa-Díaz University of Georgia / Academia Chilena de la Lengua http://www.rom.uga.edu/directory/luis-correa-díaz-0 Traduzione di Lucia Cupertino Sulla base della recente comparsa dell’Antología de poesía electrónica (2018) sul sito web del Centro de Cultura Digital de México, contenente i lavori diversi e multi-modali/media di 6 […]

DOVE VA LA POESIA COP fronte ridotta

Intervento di Carla Mussi, tratto da “Dove va la poesia? – riflessioni sul presente”, a cura di Mauro Ferrari

      Dove va la poesia? A che titolo posso intervenire su “dove va la poesia”? Non sono un “letterato”, un critico, un accademico, e provo un certo imbarazzo ad autodefinirmi poeta. La modalità prevalente, anche nei lettori più accorti, mi pare che sia più condizionata dalla lettura del curriculum dell’autore che dall’attenzione alla parola poetica. Io stessa mi […]

10

Cinema, serialità e G2. Verso una nuova cittadinanza – Leonardo De Franceschi

La XVII legislatura verrà ricordata anche per essere quella in cui la maggioranza ha rinunciato ad affrontare al Senato la discussione della riforma della cittadinanza. La classe politica tutta si è assunta la responsabilità grave di rimandare il ridisegno di una normativa iniqua e inadeguata. Ancora una volta, lo Stato ha deciso che le oltre ottocentomila alunne e alunni figli […]

In primo piano in Teatro

11

FRECCE PER UNA FARETRA Parte I, Mario Eleno

    FRECCE PER UNA FARETRA 1 Il teatro è quando gli occhi ricominciano a meravigliarsi della meraviglia è  quando le orecchie sentono e finiscono per ascoltare è  quando le mani si tendono per tirare fuori dalle acque è  quando il fiuto riconosce le piste da cui lanciarsi contro i mostri inumani e abbietti è quando sulla lingua viene spalmato […]

6376805775_1bba189cc6_bnational Black Theater

50 ANNI DI TEATRO AFROAMERICANO, di Reginaldo Cerolini

Se vi trovate tra la Mr. Luther King Boulevard e Fifth Avenue, non siete giù nel gotha della chiccheria americana che vi fa ricordare con adulazione Colazione da Tiffany, ma vi trovate su, in piazza Barbara Ann Teer da dove parte la metropolitana di Dutchman, quindi vi trovate precisamente al National Black Theatre che proprio questo 2018 ha compiuto 50 […]

Impastato_3

FELICIA: I VOLTI DELLA MADRE DI PEPPINO IMPASTATO

FELICIA. FRAMMENTI DI FELICIA IMPASTATO. di Gianni Antonio Palumbo La pièce di Teodora Mastrototaro si configura come un monologo di Felicia Impastato, madre di Peppino, “militante dell’antimafia sociale”, in una riuscita tessitura di lingua e dialetto siciliano. Le oscillazioni di un’anima ferita sono sapientemente rese attraverso la continua e straniante variazione dei registri. Alla memoria della figura del figlio sono […]

4 conventillo d'epoca

I MIGRANTI ITALIANI NEL TEATRO ARGENTINO PARLAVANO COCOLICHE (MIX DI DIALETTI ITALIANI E SPAGNOLO), di Grazia Fresu

Alla fine della seconda metà del XIX secolo, una forte ondata migratoria partì dall’Italia verso l’Argentina, richiamata da una politica di popolamento delle numerose terre incolte, il cui scopo era lo sviluppo dell’attività agricola e di allevamento, per cui le braccia di coloni europei, in una terra poco popolata, erano di assoluta necessità, secondo la formula “civiltà o barbarie” di […]

In primo piano in Sconfinanti

ghiacciaio

CHIAMATEMI GHIACCIAIO – Mario Eleno

CHIAMATEMI GHIACCIAIO   SONO IL CUORE DI GHIACCIO DEL PIANETA, LA NATURA MI DIEDE DINAMICA, MOVIMENTO, IO PULSO, VIBRO, HO BATTITO E AVANZO, SONO UN BALLERINO CHE DANZA SALDATO AL PETTO ROCCIOSO DELLA TERRA, CHIAMATEMI GHIACCIAIO, SONO UN CUORE FRATERNO, LE MONTAGNE SONO IL TEATRO DOVE CRESCE IL MIO RITMO INTERIORE, LA MIA INVISIBILE CADENZA,   COME OGNI CUORE PIENO […]

47319686_290809308233499_724173310497128448_n-1140x570

Random Poetry: quando ti frizza la poesia, inediti di Lillith Cavalli

  6) Vorrei vorrei avere il permesso di sentirmi ogni tanto male. vorrei poter dire che non voglio essere una madre. vorrei gridare nella notte nel buio pesto e vorrei girare da sola, leggere in pace e tutto il resto! non è facile spiegare al mondo le cose come stanno. perché c’è sempre gente che vorrebbe dimostrare la sua abilità, […]