Lucia Cupertino

Riguardo il macchinista

Lucia Cupertino

LUCIA CUPERTINO (1986, Polignano a Mare). Scrittrice, antropologa culturale e traduttrice. Laureata in Antropologia culturale ed etnologia (Università di Bologna), ha conseguito un Master in Antropologia delle Americhe (Università Complutense di Madrid) con tesi sulla traduzione di fonti letterarie nahuatl. Vive da tempo tra America latina e Italia, con soggiorni più brevi in Australia, Germania e Spagna, legati a progetti di ricerca, educativi e di agroecologia. Scrive in italiano e spagnolo e ha pubblicato: Mar di Tasman (Isola, Bologna, 2014); Non ha tetto la mia casa - No tiene techo mi casa (Casa de poesía, San José, 2016, in italiano e spagnolo, Premio comunitarismo di Versante Ripido); il libro-origami Cinco poemas de Lucia Cupertino (Los ablucionistas, Città del Messico, 2017). Suoi lavori poetici e di narrativa sono apparsi in riviste e antologie italiane e internazionali. Parte della sua opera è stata tradotta in inglese, cinese, spagnolo, bengali e albanese. È curatrice di 43 poeti per Ayotzinapa. Voci per il Messico e i suoi desaparecidos (Arcoiris, Salerno, 2016, menzione critica nel Premio di traduzione letteraria Lilec – Università di Bologna); Muovimenti. Segnali da un mondo viandante (Terre d’Ulivi, Lecce, 2016) e Canodromo di Bárbara Belloc (Fili d’Aquilone, Roma, 2018). Membro della giuria del Premio Trilce 2018, Sydney, in collaborazione con l’Instituto Cervantes. Cofondatrice della web di scritture dal mondo www.lamacchinasognante.com, con la quale promuove iniziative letterarie e culturali in Italia e all’estero.

Pagina archivio del macchinista
20200711-Cleanse_LW-0551

TRE POESIE DI MANUEL CUAUTLE (MESSICO)

Esiste un corridoio di mattoni rossi dove nelle notti piovose le lumache corrono nel tempo   sono fedeli allo spostamento le eccita   ricordano che sono ermafrodite   si guardano le antenne e si burlano dei vecchi che sfilano accanto   hanno un guscio pieno di tuoni   che viene rilasciato e penetra nelle profondità delle orecchie   eterna vendetta […]

Jamaal and son

NEL CUORE DELLE PROTESTE COLOMBIANE – POESIA DI ASTORQUIZA

CALI: CITTÀ CAOTICA Oggi mi sono azzardato a percorrere luoghi già battuti Che non sono già più gli stessi   Giovani con i pugni alzati reclamano “abbattere la riforma tributaria dello Stato” Che arricchisce i ricchi e impoverisce i poveri   Trincerati dietro barricate di auto e pneumatici in fiamme incappucciati lanciano bombepatata[1]   Il rosso tramonto di Cali è […]

IMG_8052

CREATORI TZOTZIL DEL CHIAPAS: UN LAVORO DELLA E PER LA COMUNITÀ (XIMENA SOZA)

di Ximena Soza     Juan Javier (Xun) Pérez e Alberto López sono due creatori indigeni del Chiapas, entrambi indigeni tzotzil, nativi della lingua tzotzil, cresciuti in diverse comunità dello stato messicano, il primo di Zinacantan e il secondo di Aldama. Il loro lavoro, rispettivamente nel cinema e nel design tessile, ha trasgredito lo spazio assegnato alle comunità indigene dalla […]

20200711-Cleanse_LW-0633

Testimonianza di Furugh da Kabul, in attesa di essere salvata

A cura di Domenico Arturo Ingenito, professore di Iranistica presso l’UCLA, California. Ho tradotto in Italiano dal Persiano la testimonianza di una ragazza che è rimasta per giorni in attesa nel canale-fogna che porta all’aeroporto di Kabul. Forse non ci sarà salvezza per lei. Conosco il suo nome, ho visto la sua foto. La chiamerò Forugh per proteggerla da ritorsioni. […]

Esse est percepi

COMUNA BAIRES: TEATRO ANTROPOLOGICO E POLITICO (di GRAZIA FRESU)

“C’era un tempo in cui Danza, Teatro, Musica, Pittura, Scultura, Narrativa, Poesia non esistevano ancora come discipline autonome,  linguaggi clericali o minacce per analfabeti, ma continuavano ad essere elementi organici di un’unica Grande Orchestra che eseguiva la Totalità ​​​di un gesto ​​Umano​” Renzo Casali​ (fondatore della Comuna Baires)     a cura di Grazia Fresu I miei primi contatti con la Comuna Baires sono avvenuti negli anni ’70, durante una tournée che […]

FOTO 16

NORAH ZAPATA-PRILL (BOLIVIA-SVIZZERA): VITA E POESIA CHE MIGRANO

(Foto: dalla fotogallery di Nicoletta Lofoco) RIFLESSIONI SU EMIGRANTE DI NORAH ZAPATA-PRILL a cura di Raffaele Urraro  (da Capriccio umano, Gattomerlino, Roma – pp. 17-19)      La poesia di Norah Zapata-Prill nasce da radici cui la poetessa è legata da un cordone affettivo che non è destinato a scomporsi: la sua condizione di “emigrante”, non per motivi economici, come […]

FOTO 11

IL CODICE SEGRETO PER ROMPERE LA TERRA CON LA PENNA: POESIE DI VIVIANA FIORENTINO

(Foto: dalla fotogallery di Nicoletta Lofoco) Tra i denti Io ti racconto e ti racconto così il tempo passa, e ti piace, perché poi c’è voglia anche di questo, di lasciarsi come squagliare del gelo, come qualcosa di dolce rappreso lì tra i denti.   Io lo so che il vento le spore e altro e poi altro ancora trasporta. […]

EIDSVOLL Norway 2014

I NOMI DELLA STORIA: POESIE DI GRAZIA FRESU

(Foto: dalla fotogallery di en nico) I NOMI DELLA STORIA I nomi della storia non sono quelli dei vincitori, il tempo si mangiò i carri da guerra del faraone le insegne di Cesare le armate di Napoleone i cosacchi dello zar la matematica delittuosa di Hitler – tutto fu sepolto e rinominato- solo i nomi dei vinti restano nelle opere […]

i soldi non puzzano125982963_3847214405330390_6008768362536027006_n

PIOGGIA DORATA / Un racconto di Paolo Polvani

Via Nazareno Della Rocca è lunga e trafficata. Sono pochi quelli che percorrendola alzano gli occhi verso gli anonimi palazzi, a scrutare chi si nasconda dietro quelle finestre chiuse, ad ammirare la cascata di verde che qualche balcone lascia penzolare verso la strada, e in quella giornata di fine estate, domenica, chi avrà visto ad un secondo piano una finestra […]

chiocciola1

MICRORACCONTI DI SILVIA FAVARETTO

Cos’è un microracconto (a cura di Silvia Favaretto) In un’epoca come la nostra, abituata ad una cultura e paracultura del “mordi e fuggi”, per il frenetico modus vivendi in cui l’immediatezza si configura sempre più come necessità, pare che spesso l’uomo moderno non abbia più voglia né tempo di leggere i romanzi, che richiedono tempi lunghi e rilassati di assimilazione […]