poesia argentina

Armando Tejada Gomez mural

ARMANDO TEJADA GOMEZ, CANTORE D’AMERICA (di Anna Fresu)

Il mio sogno è che un giorno, camminando per queste strade, un altro uomo passi, con una mia canzone nella voce e sulle labbra. Allora sentirò di aver assolto al mio compito di tenerezza e amore per la gente. Quest’uomo non camminerà da solo. Forse io sì, ma lui no, perché camminerà cantando… E questa… questa è la gloria. Armando […]

IMG_6766-1

La figlia minore, selezione poetica di Marìa Laura Decésare, trad. a cura di Maria Rossi

La hija menor / La figlia minore  María Laura Decésare Ediciones del Dock, 2017   Retrato   El espejo se rompe y avanza la imagen de lo pequeño que olvidamos hace tiempo. Con asombro vemos unos ojos de mirada limpia que casi no podemos reconocer. Ha pasado tanto sobre nuestras cabezas que el claro de esos ojos nos toca y […]

IMG_6459

SUSANA SZWARC: TRA ARGENTINA E POLONIA, NEGLI INTERSTIZI DELLA STORIA (a cura di Lucia Cupertino)

Susana Szwarc. L’occhio poetico che ricuce Nota di lettura di Lucia Cupertino     La raccolta “L’occhio di Celan” di Susana Szwarc (Edizioni Fili d’Aquilone, 2016, traduzione di Alessio Brandolini) è dominata dal sensoriale. Chi legge i suoi versi li sente sulla pelle, nulla lascia indifferenti. Ci si può scottare in “Bruciature”, ci si può sentire smarriti nei meandri dei molteplici […]

2.

Ruta Dos di Daniel Calabrese

  LA DELICATA DISTRUZIONE E I CERCATORI lungo la Ruta Dos di Daniel Calabrese         Selezione e introduzione di Lucia Cupertino Traduzioni di Alessio Brandolini da Ruta Dos, Edizioni Fili d’Aquilone, 2015 Poco più di un anno fa qualcuno ha bussato alla mia porta per recapitarmi un pacco proveniente dal Cile, piuttosto eccitata l’ho scartato e, sin […]

IMG_0166

Poesia argentina. Bárbara Belloc

Il fiume e il sogno d’emanazioni. La voce di Bárbara Belloc.     Da: Ira (Buenos Aires, Nusud, 1999) FIUME IPOH (Frammenti) fiume dei misteri, fiume sovrano come un ciclo caduto, divori la terra come avvertimento: è inutile afferrarsi, il mondo non ti appartiene. ma ricevi nel tuo alveo i fiori con il candore di una bambina, e li porti […]