Paolo Polvani

IMG_0054

La bufera che viene. Note di lettura a “Stranieri” di Francesco Sassetto

a cura di Paolo Polvani         L’ultimo libro di versi di Francesco Sassetto scandaglia la cronaca, pubblica e privata, e ce la restituisce sotto forma di piccole storie, ballate in cui riverbera il fuoco del quotidiano, di quelle minime vicissitudini che ci vedono testimoni degli accadimenti che riguardano un’umanità spicciola, marginale, frettolosa, sospinta alla periferia della storia. […]

IMG_3213

Una nuova missione per l’arte – appunti di Paolo Polvani su “L’anima al lavoro” di Franco Berardi, alias Bifo (Derive approdi 2016)

  A volte i libri sono come le persone, s’incontrano al momento giusto, quando quella sottile vibrazione elettrica che è l’attesa raggiunge la perfetta intensità; così a me è capitato di imbattermi in un bellissimo libro, L’anima al lavoro, di Franco Berardi Bifo, edito da Derive approdi nel febbraio del 2016. Un libro che in realtà cercavo da tempo, c’erano […]

15626523_389910968014836_6827300866783572666_o

IL FARMACO CHE SI CHIAMA POESIA – di Paolo Polvani

Nota di lettura a Cielo e terra, di Daniele Giancane, Genesi editrice, 2016     Non ero nuovo a rapide incursioni nelle riflessioni intorno alla poesia di Daniele Giancane, e neanche alla forma del diario. Questo ultimo libro, Cielo e terra, si affida a una forma di diario ancora più intima se possibile, si tratta di un dialogo interiore, di […]

elodie-2

La casa di Alì. Un racconto di Paolo Polvani

҉ Non è una vera casa. All’idea di casa si associa uno spazio che comprende cucina, camera da letto, bagno, balconi, finestre, ascensori. O almeno uno spazio minimo. Ha visto un terreno vicino alla spiaggia. Al riparo di grandi palme messe in cerchio. Le chiome maestose, una capigliatura arruffata. Un ostacolo ai venti che spirano dal mare, alle piogge che […]

IMG_4980

“La macchina sognante” di Julio Monteiro Martins, note di lettura (Paolo Polvani)

   Questo libro è stato scritto per alcune categorie ben precise: per quelli che si sentono debitori nei confronti della grande letteratura per aver consentito loro di salire a bordo della macchina sognante e aver viaggiato attraverso i secoli, aver conosciuto Don Chisciotte e le sue strampalate imprese, per essere stati presenti quando Achille ha trascinato il cadavere di Ettore […]