“Smorzate per sempre il mio organo della parola” – Poesie di Sanghamitra Halder

Fondazione Museo Pino Pascali_Premio Pino Pascali 2020

Smorfia

 

Non sei ricordata nella tua interezza, sei nel muscolo, in tutto il corpo

O sei lì che aspetti come onda o fosso in una qualche piega?

Se le foglie sono agitate da un vento assente

e non da uno spettro, mi sento leggenda

O Assente! Grande è il mio desiderio di adattarti!

 

La gente se ne va in giro per mercati, perde borse

Appena svoltato l’angolo vedo qualcuno che imita la tua camminata

 

Arrivo a una distanza nominale per seguire, non vedo originali da nessuna parte

Non c’è alcun te in te

È dal muscolo che veniva la tua smorfia solo per mettere al mondo questa scrittura

 

 

La scuola dei bravi

 

Con spirito di maratoneta e lunga preparazione

sono arrivata a questo punto senza ritorno

Tutti mi consigliano – fa la brava

Ma brava quanto?

Chi è brava?

 

Un bambino ancora in panni infantili è contento se recupera biglie perse

Pronuncia il suo nome – “Bravo”

Occorrerebbe cancellarlo dal registro della scuola dei bravi

prima ancora che gli altri se ne accorgano.

 

 

Esilio

 

Lasciatemi appesa

alla luce dell’autopsia, in segreto, in pubblico

Prima saccheggiate il mio cuore

 

Smorzate per sempre

Il mio organo della parola – le mie macchine del Si e del No

 

Lasciate che sanguini il mio desiderio di alberi

mentre cerco l’acqua nel deserto

 

Lasciate che sia bandita lontano, così lontano

da scordare per sempre il ritmo di Sì nel sì, e di No nel no.

 

Sì, sono pericolosa. Mandatemi in un esilio così lontano

da dimenticare per sempre il suono dell’acqua

 

 

La novella della luce -1

 

Sei un uccello perché torni a casa al crepuscolo

La palma sembra tanto antica quando è sola

 

A testa in su, un cane la legge da allora

 

Il cuore trema a tale vista

Un cane tutto solo e il suo pianto si smorza

come se in paese non vi fossero inganni

come se nessun insulto da ora in poi fosse lì ad inseguire

 

Come se non dovessi superare questa vista per arrivare da qualche parte.

 

 

 

La novella della luce -2

 

Hai fatto occhiolino in questa meravigliosa luce e mi hai letto il cuore

Il cuore si è spezzato in tanti pezzi

Il dolore intorpidisce

Hai trascinato nell’ombra ogni cura

lasciando una novella di luce

 

Non c’è neo sul labbro, tutti i sorrisi sono inzuppati d’acqua

Sono un umano più nuovo, dopo i lunghi viaggi

Sbircio da dietro la novella della luce per vedere

se qualcuno mi riconosce

 

 

 

Una brutta scrittura

 

Vedo che di me si spettegola

nella colonia delle parole

La misura del confine e dei vizi

che si profilano nella cartografia del carattere

qua e là, appiccicosi

 

Le parole al mio fianco sono sospettose

A prescindere dalle cancellature

 

Quante promesse in una brutta scrittura

Non lo capisce nessuno fin quando non osservi i suoi movimenti

Non capisci quanto fiato esali

nel muro delle parole accanto

 

 

 

Un gesto assente e solitario

 

Sembra essere un villaggio sgraziato di una vita passata

Scorgendolo mi è venuto un sogno

come fossi accarezzata da un sole festivo

 

Cosa mi rende così felice, tanta luce vedere chi

non posso ricordare

Così, lo sguardo esteso alla noce di areca, gialla matura attraverso la finestra

 

Che luce è questa, quali foglie tramontano su una melodia così armoniosa?

Cercando di pensare a questo

divento gesto di risveglio

Il mondo è stato colpito da troppa meraviglia per accorgersene

 

In questa storia non era ancora arrivato il corvo

 

Nessuno ci ha creduto – che una persona possa svegliarsi in una storia come questa

 

 

 

Troppe menti

 

Albero dalle foglie scisse, sembri risalire a prima di Cristo

La tua casetta è persa dentro un tramonto

E la faccia di Gesù il Nazareno aveva ancora il mento imberbe

Il nemico era ancora di cattivo umore. Diritto al punto

Risultava disinvolto mescolare il veleno al bere

Nel cuore non c’erano ancora tutti quegli strati di detriti

Non era ancora raro

finire in luogo altro pur avendo il desiderio di arrivare altrove.

 

Stasera

la mia mente è diventata così tante

che sono sospettosa di chiunque mi trovi accanto

 

 

Irragionevole

 

Da tanto tempo ‘irragionevole’ se ne sta lì

seduto fisso dentro la nostra salvezza

che si potrebbe dire sia un uccello. Gli si potrebbe dire “vola,

tessi canti lacustri dedicati alla nostra remissione”

 

Sarebbe facile dirlo

e per questo non lo dico.

 

Non c’è nessuno a cui importi

 

Non proferire parola

proferisci solo uno sguardo fisso

 

 

 

 

Questo lato, solo

 

La melodia ti fa sospettare

che si tratti di qualcosa d’inquietante

I famigliari la canticchiano

E io dispongo il dibattito in cima all’albero

 

Ed è così che diventa fruttuoso

 

Poesie inedite tradotte da Pina Piccolo, per gentile concessione dell’autrice, presentate nel seguente video (in Bangla con sottotitoli in italiano) all’evento “Sulle ali della poesia da Kolkata alla Palestina”, serata nell’ambito della Scuola Popolare tenutosi presso Villa Romana, Firenze, il 7 luglio 2020, in collaborazione con La Macchina Sognante.

 

Sanghamitra Halder è una poeta bengalese e prosatrice nata a Kolkata nel 1984. Ha conseguito la laurea di Master in Lingua e Letteratura Bengalese.  La sua prima poesia è stata pubblicata nel 2004 e finora ha pubblicato cinque raccolte di poesia in bengalese — NAAMAANO RUCKSACK (2010), DEERGHO-EE (2014), HEY EKTI SAMBODHAN (2016), ANUPOSTHITIR SHABDO (2017), EKA EK UJHYO MUDRA (2019) e una raccolta di scritti in prosa – RANDHANSHALAR SHIS (2017).  Sue poesie sono apparse in un gran numero di riviste letterarie e commerciali come pure in antologie, e sono state tradotte in inglese, spagnolo e italiano. Ha partecipato a vari progetti letterari collettivi sia in India che all’estero.  Con Animikh Patra è co- fondatrice e co-direttrice della rivista Duniyaadaari, con la quale La Macchina Sognante e The Dreaming Machine hanno instaurato un partneriato, con scambi di traduzioni.  Nel numero 6 di The Dreaming Machine trovate un’intervista con  i due co-direttori di Duniyaadaari.

 

Immagine di copertina: Foto a cura della Fondazione Pino Pascoli, Premio-Pino Pascali, Zhang Huan, 2019.

 

 

 

 

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista