yanomami

Sônia Bone Guajajara

Amazzonia – Il piromane ha nome e cognome (di Loretta Emiri)

Amazzonia – Il piromane ha nome e cognome Loretta Emiri, 10-09-19 Ciclicamente, il mondo intero parla dell’Amazzonia brasiliana. Lo ha fatto in occasione delle epidemie introdotte tra gli yanomami dagli operai della strada e dai cercatori d’oro, in occasione dell’assassinio di leader indigeni e difensori dei diritti civili, lo fa oggi per gli incendi dolosi che stanno distruggendo ciò che […]

yano48.LMS

UTU, spirito nella cultura yanomami. Testo e foto di Loretta Emiri

  Utu significa ombra, ma è anche il corrispettivo di spirito. Nella cultura yanomami ogni cosa possiede uno spirito, quindi anche gli oggetti, gli animali, gli elementi della natura. Animata, o inanimata come una pentola, ogni forma possiede uno spirito che ha le fattezze della forma stessa. Per estensione, il termine è passato a significare fotografia, diapositiva, immagine riprodotta. Nella […]

5-lms

“Frammenti” dall’inedito “Romanzo indigenista” (Loretta Emiri)

  Ma se è tutto qui il male! Nelle parole! Abbiamo tutti dentro un mondo di cose; ciascuno un suo mondo di cose! E come possiamo intenderci, signore, se nelle parole ch’io dico metto il senso e il valore delle cose come sono dentro di me; mentre chi le ascolta, inevitabilmente le assume col senso e col valore che hanno […]

loretta2

Una scimmietta dispettosa* (Loretta Emiri)

  Nonostante la scacciasse, l’idea di scrivere un romanzo continuava a saltarle addosso come fa una scimmietta dispettosa. Per decenni ha preso tempo, definendo altre priorità e forgiando scusanti. Prima che la scrittrice avvii un’opera, di solito, il titolo si è già messo insieme da solo. Questa volta è diverso. L’ho vista grattarsi con furia la testa come quando, in […]

treetriptych

Sono stata rapita dagli yanomami (Helena Valero)

Nota introduttiva di Loretta Emiri Risale al 1944 la prima spedizione scientifica realizzata in Amazzonia dal biologo italiano Ettore Biocca. Durante la missione raccolse frammentarie informazioni sugli Yanomami, che non potette visitare perché ritenuti minacciosi dalle guide locali. Seppe anche che poco tempo prima quegli stessi indios avevano rapito una ragazzina, Helena Valero, figlia di un venezuelano e di una […]