morte

davdav

Il ritorno – Mahua Sen Mukhopadhyay

  I cieli sopra Calcutta sono plumbei e sprofondano rapidamente sotto il peso di nuvole gonfie di pioggia. Arse dalla calura di metà giugno, avvelenate dall’inquinamento e screpolate dall’insostenibile sete provocata dai venti secchi, ora gravide di promesse di sollievo esse si librano con tranquillità trionfante in cima agli edifici di questa giungla di cemento. Shuprobha si infila rapidamente nel […]

terrazza

Versi di tre stagioni: sulla poesia di Beppe Salvia – Giuseppe Ferrara

  Terrazza a Vernon è un dipinto realizzato tra il 1920 ed il 1939 dal pittore francese Pierre Bonnard ed è conservato al Metropolitan Museum of Art di New York. Per questo dipinto Bonnard ha usato colori caldi e pieni di luce: finestre e terrazze rappresentano per il pittore francese imprescindibili buchi di serratura per guardare il mondo. Esse non hanno […]

IMG_9890

Nel tuo stordito pellegrinaggio verso la scomparsa – Cinque poesie di Pushpanjana Karmakar Biswas, trad. di Pina Piccolo

Terrazza   Il corvo se ne sta appollaiato sull’albero della terrazza navigando nelle acque del mio grembo.   I vestiti sbattuti dal vento ondeggiano sui fili del bucato È così che l’aria digerisce il vento.   Le autocisterne dell’acqua blu e gialle sono francobolli di case raccolti dagli occhi telescopici di un filatelico.   È da qui che si sprigionano […]

Te Amo 1- Photo Credit Steve Weinik

Estratti dal libro inedito El caballo del malo – José Antonio Pérez-Robleda

Estratti dal libro inedito: El caballo del malo (Il cavallo del cattivo)       DISSOLVENZA IN ENTRATA. Prefazione DISSOLVENZA IN USCITA.   Si sente la musica di Morricone. FISCHI.   Un cavallo trotta attraverso il deserto.   Niente spari, solo un certo profumo di terra pronto a penetrare e prenderti il naso, un certo sapore di pietra, la bellezza travolgente […]

Detail Epifania hands lightbox

Poesia sul letto di morte, di Saadi Youssef (trad. Sana Darghmouni)

Poesia trovata a Londra sul letto di morte del poeta Saadi Youssef, considerata a pieno titolo l’ultima poesia da lui scritta.     Quando ogni sera nella sua stanza regna la calma e nei corridoi si ferma il rumore, mio nipote Chihab ripete la sua frase: “Nessuna casa che abbiamo costruito dura e la farfalla muore poco dopo aver lasciato […]

unnamedfree clipart

Brucio il tempo – Maya Abu al-Hayyat

Maya Abu al-Hayyat Brucio il tempo   come pneumatici a un checkpoint, da sola soffoco, da sola inquino l’aria.   Gli incubi stanno ancora germogliando impigliati nelle reti e penso al mio bisogno impellente di svuotare la vescica.   Anno dopo anno si muore ogni volta in maniera diversa E quest’anno penso alla tua pancia enorme   quanta fatica annodare […]

WhatsApp Image 2021-05-26 at 09.10.04 (1)

MI SENTITE? – Shahd Safi, dal sito di Gaza We are not numbers

  La lingua di Israele persevera nel raccontare menzogne su menzogne. E per parte sua, il mondo si convince che io sarò disposta a tollerare ogni cosa assalti, insulti, ignoranza, fregandomene di me e della mia gente. Non sono che una Gazawi, seduta al suo posto, dopo tutto– perdo le staffe mentre riverso su carta queste righe. Prima che essi […]

oggetti

Poesia e nomenclature: “I nomi delle cose” di Giancarlo Baroni, recensito da Pina Piccolo

  L’ultima raccolta di versi di Giancarlo Baroni “I nomi delle cose” (Puntoacapo, 2020) si assume il difficilissimo compito di scandagliare e conferire unità poetica a una mansione che miti e religioni in molte parti del mondo hanno assegnato nei millenni all’essere umano: quella di dare il nome alle cose e agli altri esseri viventi. In tutto il Novecento, con […]

SIAMOTUTTIANIMALI BASSA

UN SCIAMANA SUPERBAMENTE ADIRATA E GIUSTAMENTE INCAZZATA: APPUNTI DI CRITICA ED IMPRESSIONI SU I CANTI DELL’INTERREGNO DELLA POETESSA PINA PICCOLO, di Reginaldo Cerolini

UN SCIAMANA SUPERBAMENTE ADIRATA E GIUSTAMENTE INCAZZATA: APPUNTI DI CRITICA ED IMPRESSIONI SU I CANTI DELL’INTERREGNO DELLA POETESSA PINA PICCOLO   PREMESSA Io non sono amante del familismo cameratista[1] con cui accrocchi di élite culturali se la cantano e se la raccontano nel panorama blasonato di chi per meriti, onori, doveri ed oneri è entrato nel mondo del Pensiero Dominante […]

Nawal Soufi118159912_1204314953259327_1501693328031754213_o

Fino a quando dobbiamo morire per farvi sapere che siamo malati di Moria? – Lettera di Majeda Al Hakam, a cura di Nawal Soufi

 Tramite Nawal Soufi, pubblicata sul suo profilo Facebook il 13-8-2020 1h · Lettera dall’inferno di #Moriacamp. Una carissima amica che vive dentro il campo di Moria, mi ha scritto queste parole dopo che un uomo ha fatto irruzione nella sua tenda ieri sera. Non racconterò i dettagli di cosa  è successo, ma mi limiterò a pubblicare la lettera che mi ha scritto. Ogni […]