Mediterraneo

15723720_1628525720782375_6338099386707780730_o

Dedicato ai morti per Acqua (Vincenzo Consolo)

Non si finisce più di contare i morti, i clandestini annegati che giorno dopo giorno emergono dai fondali renosi del mare che bagna le coste meridionali di Sicilia, i cadaveri che le onde ributtano sulle spiagge dai nomi di una classicità scaduta da tempo immemorabile – Porto Empedocle, Baia Dorica, Costa Ellenica – cadaveri sulla sabbia come detriti di un’immane […]

fuocoammare3

FUOCOAMMARE: CONSIDERAZIONI DEL COLLETTIVO ASKAVUSA

  Il film di Rosi ha vinto il Festival di Berlino. E lo ha fatto meritatamente. Il film di Rosi è infatti indubbiamente un gran bel film. Cinematograficamente parlando è un’opera molto ben costruita. Montaggio e fotografia sono magistralmente gestiti e sanno dare corpo alle poetiche di cui il film è organica e armonica espressione. Il curriculum del regista e il […]

shell_of_an_empire_by_bricksandstones-d6x82iu-2

Alì il Calabrese- parte prima (Daniele Natali da Caminia)

    Guardarono le loro catene per l’ultima volta. Era l’anno in cui regnava Selim II, Sultano sfortunato. Costantinopoli era appena sveglia, che già una nave che batteva la bandiera verde con mezzalune d’argento, era attraccata nel porto e tra tutto l’equipaggio, solo un uomo, ben vestito, era sceso a terra. Il Sole si levava come un uomo in preghiera […]

IMG_9654

Tre poesie (Giovanni Perrino)

ALKAID *   Non toccarlo quel fiore non schiuso e già morente Sul ciglio dove neanche la notte porta refrigerio e i randagi mugolano in cerca di sonno e fantasie Un dirupo il confine fra il mare e il profilo dei monti Si frange la storia su isole gioco di nuvole smunte Perenne travaglio per avventurieri e trafficanti Pupi di […]

lavandaefarfalla

La guerra ancora (Flore Murard-Yovanovitch)

La guerra ancora L’invisibile diventa palese nelle ore della fine di Mare Nostrum, l’omissione di soccorso è stata decisa a tavolino. Ripresa dei respingimenti collettivi. Emersione della Frontex – Frontiera. La logica della negazione è la guerra. E come da buona logica, la negazione dell’invisibile, si concretizza nella violenza. Annullare psichicamente l’altro sfocia nell’aggressione manu militari. Il punto cieco, il […]

IMG_0513

Ho freddo (Jacopo Maria Genovese)

Ho freddo   Ho freddo. Le raffiche di vento colpiscono il mio corpo facendomi tremare dalla testa ai piedi. I miei vestiti sono completamente fradici, si sono incollati alla pelle e non fanno altro che aumentare la sensazione di freddo. Indosso solo una t-shirt e un paio jeans consumati. Quando mi hanno svegliato ho dovuto lasciare il giubbotto a terra, […]

12031515_10207790834919758_22255264332631044_o

ESSERE UOMO SULLA TERRA, LA VOCE DI 61 POETI PER I MIGRANTI (a cura di Lucia Cupertino)

SOTTO IL CIELO DI LAMPEDUSA II. Nessun uomo è un’isola (Rayuela edizioni, 2015) Introduzione e selezione di Lucia Cupertino Il Mediterraneo, poi per i Romani Mare nostrum, è etimologicamente “il mare in mezzo alle terre”, crocevia tra tre continenti e una miriade di popoli, archivio di memorie di secolari guerre, riconciliazioni, scontri e tolleranze. In arabo il Mediterraneo è “il […]

ciotolimaresfuocato

Quello che non vogliamo vedere (Christian Jacob, a cura di Maria Grazia Patania)

Ho deciso di tradurre questo articolo appena ne sono venuta a conoscenza. Con la speranza di ridare una dignità a questi corpi dimenticati e con l’auspicio di generare senso critico in chi legge. Questo articolo offre uno spunto di riflessione che va ben oltre la vicenda su cui si concentra. Offre anche uno sguardo sulle cose. Una prospettiva e racconta […]

orologiombratetto

Noi spettri (Gassid Mohamed)

Appesi al ciglio della vita noi spettri, figliastri dell’umanità agiata negati e abbandonati la nostra dimora è la vostra ombra Siamo le statuine che sorreggono il vostro candelabro la cornice che regge il vostro specchio il chiodo che sostiene le vostre foto incorniciate Siamo la vostra scarpiera il vostro attaccapanni le vostre sedie siamo tutto ciò che buttate nello scantinato […]

ondariva

Mediterraneo: corpi, numeri, vergogne e falsità (Bartolomeo Bellanova)

Mediterraneo: corpi, numeri, vergogne e falsità   Barroso e la sua compagnia cantante l’avevano giurato sulle bare dopo la mattanza del 3 ottobre 2013: “mai più queste tragedie” e l’eco si era velocemente dispersa nei fondali dove i senza bara giacevano, ma erano dei bari a giurare sui morti. Inizia subito dopo l’operazione “Mare nostrum”, salvataggi tanti, morti sempre troppi, […]