guerra

A Seguimos Caminando- sketch for animation

Tre poesie inedite di Zineb Saaid, tradotte da Dalila Menacer

               DOVE MI PORTA QUESTO VENTO?   Un filo bianco e un altro nero; una notte in pieno splendore un punto in terra e tanti cerchi in mare e balli della morte in giro non hanno legami né con la terra né con il mare ma sono proprio umani   Il dolore del cuore ha soffocato la speranza e  l’amante […]

Intifada_Butterfly_PPPA-700x494

Due poesie di Ahlam Bsharat, dedicate alla bambina Remas di Gaza (trad. Sana Darghmouni)

قصيدة الدموع    وجد الشعر  ليحتال على العجز  في كتابة الدموع    شاهدت فيديو الطفلة ريماس  وهي تتحدث عن أختها الشهيدة رفيف  لم أفكر في كتابة كلمة واحدة  كنت أريد أن أبكي على الصفحة فقط  ثم يقرأ القراء دموعي  ويقولون:  هذه قصيدة  هنا قصيدة  إنها قصيدة من الدموع    وجد الشعر   ليحتال على العجز  في كتابة الدموع    La poesia […]

WhatsApp Image 2021-05-24 at 20.09.13

Senza pietà di Mourid Barghouti (a cura di Sana Darghmouni)

    Una dolce musica la cui dolcezza non ti consola. I giorni ti hanno insegnato: in ogni lunga guerra un soldato, con volto smarrito e canini ordinari, siede vicino alla sua tenda abbracciando un’armonica dal suono brillante che ha protetto dalla polvere e dal sangue, e come un passero estraneo al conflitto, canta per sé stesso una canzone d’amore […]

WhatsApp Image 2021-05-26 at 09.10.05

Due racconti di Wesam Almadani (a cura di Sana Darghmouni)

Lo scialle del mare   Erano passati venti minuti da quando me n’ero andata, le mie gambe continuavano a correre inconsciamente, la mia mente a impastare pensieri. Non riuscivo più a distinguere tra il mio respiro e il rumore del bombardamento, frammenti di corpo e di sangue sconosciuto mi attraversavano lungo una strada che aveva perso il suo volto, soltanto […]

WhatsApp Image 2021-05-26 at 09.10.03 (1)

Mio padre disse – Ghada Nabil (a cura di Sana Darghmouni)

Mio padre disse Ghada Nabil   Quando gli ho chiesto se avrebbe curato un israeliano che entrava nella sua clinica, ha risposto che il dottore fa il giuramento di salvare ogni vita.   Ricordo la mano di mio padre chirurgo, pittore e musicista.   Vita e morte due stanze con una parete comune. Mi hai detto: “non temere mai nulla!” […]

CHILE 2013

2 poesie di Samira Albouzedi (a cura di Sana Darghmouni)

Dalla fotogallery di en nico 1 Sono solo una ragazza di Tripoli ingenua e talvolta malvagia Ho lasciato metà dei miei amici bruciare nella memoria Ogni giorno scrivo questa è la mia unica conoscenza Avvicino i vulcani e nel testo rendo fratelli i nemici Li faccio brindare e morire senza combattere Ho lasciato un tempo pesante e costruisco il mio […]

oggetti

Poesia e nomenclature: “I nomi delle cose” di Giancarlo Baroni, recensito da Pina Piccolo

  L’ultima raccolta di versi di Giancarlo Baroni “I nomi delle cose” (Puntoacapo, 2020) si assume il difficilissimo compito di scandagliare e conferire unità poetica a una mansione che miti e religioni in molte parti del mondo hanno assegnato nei millenni all’essere umano: quella di dare il nome alle cose e agli altri esseri viventi. In tutto il Novecento, con […]

DSC_4511

Come se non fosse passato di Remah Boubou (a cura di Sana Darghmouni)

Come una donna ubriaca di canzoni di miele ondeggia la sera La città del dopoguerra sbadiglia lancia il suo miagolio senza timidezza dalle macerie più vicine. Getto sulla spalla la mia tristezza Ed esco verso la poesia. Stese sul filo storie bagnate E sul balcone del vicino, sangue congelato Sono sicura che il sole è una spia nascosta che non […]

10

FACCIA A FACCIA (Parte II, Scene 2 – 7) di Patrizio Cigliano

SCENA 2 Luce. Salèm è solo. Consulta un dossier che ha in mano. Si legge 4723. Prende un walkietalkie. SALÈM (al Walkie-Talkie) Colonnello Salèm. Portate alla stanza 7 il 4723. Grazie. (attacca) …4723… Continua a leggere. Si ferma. Riprende il walkie-talkie. SALÈM …Colonnello Salèm. Chi si occupa del 4724? … Farìd Atràsh? …Mi sembra un po’ esagerato! … Bene. (interrompe […]

50ridotto

Non dirmi di tutti i tuoi bambini fantasmi – Poesie per la Siria, di Valentina Meloni

Supplica   dirò quello che mi hanno fatto lo dirò a Dio – quando lo vedrò – lo so che gli sto andando incontro e allora lui saprà che la mia casa è crollata sotto il peso delle bombe che mia sorella è morta prigioniera che mia madre ha pianto tutte le lacrime del mondo che mio padre ha giurato […]