coscienza

Mural develado-0960

LIFE/VITA – Poesia di Ali Moshtaq Askari, poeta hazara

VITA È come una montagna tanto alta che nessuno può vedere Che sorge con il sole da lontano in mezzo al mare. Le sue grotte, dipinte sulla roccia scolorita dal sole, Dicono ciò che è stato e cosa ancora deve accadere E alla città in ascolto narrano la storia Da quella grotta scolpita, a forma di pagliaccio, dal lavorio del […]

OSLO Norway 2007

UNA PIENA SOLITUDINE: POESIE DI EDGARDO MARANI (Parte II)

 Per la Prima Parte della selezione, cliccare qui.   * Lavorare per obliare la vita: entrare nel tunnel buio dell’incoscienza. Va il treno Fischiando, urlando, scuotendo la montagna, ma non vede luce. Solo il ruggito interno e l’ira immensa che la fa continuare nel cammino.   * È difficile la vita come una battaglia. È difficile la morte come una […]

bn time _13

da Racconti italiani – Il materiale scenico del ricordo, di Julio Monteiro Martins

  IL  MATERIALE  SCENICO  DEL  RICORDO     E anche l’oblio è ricordo, e lagune di sonno                                                                              sigillano col loro negrume  ciò […]

6

OCCULTAMENTO – Atto unico di Julio Monteiro Martins

  Personaggi:   Ugo Ivo L’estremità sinistra del palcoscenico è l’unica parte illuminata, la luce debole e bianchiccia come il chiar di luna proviene da un canone di luce (effetto torcia). Il luogo è vuoto, c’è soltanto un piccolo cumulo di terra alto mezzo metro, parzialmente ricoperto d’erba. Ugo, sporco di terra, compare sotto la luce, portando con sé una […]

marketmorocco20191103_220438-e1575040096707-1140x570

“Ora la mia voce smarrita attira i lupi”, poesie di Mohamed Chouchane, trad. Sana Darghmouni.

  Infanzia   Padre… Sono la tua bambina cresciuta, tra il tuo prendermi per mano e le tue caramelle, e ora la mia voce smarrita attira i lupi e i vili del rione. Padre… Sono cresciuta E non sono più la sorella minore di mia madre e non credo più al gioco del nascondino nella lunga notte invernale né che […]

orologiombratetto

Noi spettri (Gassid Mohamed)

Appesi al ciglio della vita noi spettri, figliastri dell’umanità agiata negati e abbandonati la nostra dimora è la vostra ombra Siamo le statuine che sorreggono il vostro candelabro la cornice che regge il vostro specchio il chiodo che sostiene le vostre foto incorniciate Siamo la vostra scarpiera il vostro attaccapanni le vostre sedie siamo tutto ciò che buttate nello scantinato […]