Bologna

DSC_2284

Nella Nobili, riscoperta di una poeta di frontiera (Jessy Simonini)

Da poco meno di due mesi, un’edizione di Poèmes di Nella Nobili trova spazio sugli scaffali delle librerie francesi. È un nome che pochi conoscono, quello di Nella Nobili. Il nome di una poetessa che, del resto, difficilmente trova spazio nel canone novecentesco italiano, da cui, come tante altre donne, è tagliata fuori. Nata a Bologna nel 1926, Nella si trasferisce […]

IMG_4999

“Lontana m’attende la Sorella paziente” – 3 poesie di Nella Nobili (a cura di Jessy Simonini)

  * Bologna antica così ti lasciavo Ogni mattina dopo aver toccato Con la punta delle dita le tue albe rose perla Perla per la mia adolescenza austera Tesoro che portavo con me fino all’ingresso Della fabbrica con le sue luci elettriche Accese per l’eternità.   da Quaderni della fabbrica (1948)   * La ballata   Madre – voglio ballare ! […]

12031515_10207790834919758_22255264332631044_o

Anteprima bolognese del festival “L’orecchio di Dioniso” e presentazione delle motivazioni (Walter Valeri)

Mercoledì 21 giugno ore 19,00 – 21,00 Libreria Ubik Irnerio, via Irnerio 27 Bologna  Poeti al solstizio” Anteprima bolognese de “L’Orecchio di Dioniso” Festival Internazionale di Poesia e Arti Visive (23-24-25 giugno Forlì/ Cesenatico)   Approfittando della gentile ospitalità della Libreria Ubik Irnerio, per il solstizio d’estate, che quest’anno ricorre proprio il 21 giugno, offriamo al pubblico bolognese un’anteprima della […]

ali2

Alì il calabrese Intrighi, Magàre ed Intrugli. (Daniele Natali)

  “Buongiorno!” “La Pace sia su di voi!” Stretta di mano. Il tizio che ha parlato per ultimo, si porta la mano sul petto, ha uno strano turbante gonfio sulla testa. Rimane in piedi, aspettando che dall’altro parta il formale: “prego, si accomodi” “Grazie” “Allora…” dice la voce dell’uomo arrivato in fretta. “Allora, caro Dottore, Vi ho portato, tè di […]

shell_of_an_empire_by_bricksandstones-d6x82iu-2

Alì il Calabrese- parte prima (Daniele Natali da Caminia)

    Guardarono le loro catene per l’ultima volta. Era l’anno in cui regnava Selim II, Sultano sfortunato. Costantinopoli era appena sveglia, che già una nave che batteva la bandiera verde con mezzalune d’argento, era attraccata nel porto e tra tutto l’equipaggio, solo un uomo, ben vestito, era sceso a terra. Il Sole si levava come un uomo in preghiera […]