amore

Photo 19-08-2018, 12 16 10 AM

L’aria ricamata dai pistilli, poesie di Patrizia Laquidara

SEGNI D’ACQUA “oggi abbiamo mangiato i nostri parenti” mi sussurri all’orecchio mentre pensi alla tua immortalità dopo una cena di vino bianco e gamberi e  ci avvinghiamo su lenzuola umidiccie di alghe e larve di insetti rotolando e avviluppandoci tra piccoli pesci intrappolati quaggiù nelle  reti del materasso Sai tu quali notturni richiami e segrete danze produciamo? con lo sbattere […]

IMG_5299-L

da “Orme di piedi nudi nell’anima”, di Monica Amaducci

  Me ne vado Me ne vado davvero questa sera. Ti lascio il tuo giornale e i tuoi silenzi.   Mi riprendo quelle mie sciocche, inutili, farfalle colorate che volavano al soffitto e che tu, nei giorni, schiacciavi contro il muro come fossero zanzare.     Il pesco è fiorito E non mi lascerò scivolare via, no, neppure ieri, neppure […]

AshrafFotoElogiodella mitezza

Semi finale – poesia dal carcere di Ashraf Fayadh

Semi finale il nostro discorso sull’amore è arrivato troppo tardi come due giocatori ritirati che parlano di campionati mai vinti nei loro anni di attività. La giovinezza.. è il momento ideale per perdere tutto! Poi arriva il momento del rimorso. Il rimorso continua ad accumularsi fino a seppellire completamente le nostre rovine e l’esplorazione diventa compito di altre persone … […]

IMG_5910

Marasma a Milano, da “L’amore scritto” di Julio Monteiro Martins

MARASMA A MILANO   – Sai chi è stato beccato stavolta? – Dimmi. – disse Toni, dopo un leggero sussulto. – Il ragazzino figlio di Silvia. Ti ricordi? Un biondino. Aveva una dozzina di bustine nello zaino quando l’hanno portato via dal treno. – I treni sono una fregatura. Se ti beccano lì, sei incastrato, sepolto vivo. Non puoi nasconderti, […]

Simbala pyramids

Il cerchio è la figura geometrica più generosa, da “Viaggiatori” poesie di Aritra Sanyal

Viaggiatori 1 Era ancora in procinto di divenire da allora nessuna salvezza dalla memoria Anche se il tutto dovesse crollare sopravviverà un inquietante senso di esserci vissuto qui, mattone per mattone.   Questa familiarità con te è una vita − quasi  ergastolana Nessun mistero laggiù a controllare la mia esperienza mi  minaccia di cadere preda a me stesso, a rischio. […]

Fayadh art work

A Fayadh – Maria Cristina Vannucci e Un’altra forma del cuore – Ashraf Fayadh

A Fayadh‎ Chiama il sole, chiama fuori. La Clematis allunga nelle foglie il pantone dei fiori. Un telaio di rami la sostiene. La ringhiera di fronte sfoglia rugginosa. Fa la sua muta incompleta. Smaschera l’osso, la nuda verità del ferro. L’alloro si è alzato. Ha messo tenere le foglie. Il timo a cespuglio butta inesausto spettinati i suoi germogli. Li […]

IMG_6809

Versi scelti da “Darkana” di Davide Cortese (a cura di Pina Piccolo)

*** Non è solo una rosa di maggio il fiore che ti dono adesso. Nasconde tra i petali di velluto paesi incantati che ho abitato, grandi un granello di sole. Parla i profumi del mio arcano popolo che ti dice “ti amo” da troppo lontano perché tu lo possa sentire. Parla il profumo di un silenzio che è solo il […]

mririda2

“Dei miei ‘zezarit’ si parla in tutta la valle” poesie di Mririda N’ait Attik, trad, Rachid Faggioli (a cura di S. Darghmouni)

I tre ucelli            Sono stata al campo d’erba verde Nei pioppi cantavano tre uccelli Li ascoltava la vecchia pastoressa E mi disse la vecchia pastoressa: « Se ascolti la gazza che stridula Litigiosa e mai è in riposo, Diventerai cattiva e pazza di testa Quindi chi vorrà farti compagnia ? …Se dai retta al triste picchio verde, Nell’ombra fitta del fogliame, […]

IMG_5386

da “L’azzurro e l’obliquo” di Maria Luisa Colosimo, con prefazione di Giovanni Perrino

  Le liriche di Maria Luisa Colosimo sono il frutto di una lunga elaborazione contenutistica e formale che via via ha affinato il dettato poetico limandolo al punto da abolire quasi del tutto la versificazione fino a farla coincidere, a volte, con un articolo o con una preposizione. Tale scelta accentua la teatralità e la tensione vocale del testo poetico […]

CIMG6581

Poesie di Dunya Mikhail, Parte I, “Tavolette I” (traduzioni a cura di Sana Darghmouni)

Tavolette 1 1 Ha appoggiato l’orecchio contro la conchiglia voleva sentire tutte le parole che non le ha mai detto. 2 Un solo centimetro separa i loro corpi uno di fronte all’altro nella foto: un sorriso incorniciato sepolto sotto le macerie. 3 Ogni volta che lanci pietre nel mare sono io ad essere attraversata dalle le sue increspature. 4 Il mio […]