Amazzonia

tamy-fernandes (1)

Il genocidio dei Guarani-Kaiowá (Loretta Emiri)

PRIMA PARTE (Tradotta e curata a partire da comunicati stampa del CIMI – Consiglio Indigenista Missionario) Un leader indigeno si è nuovamente rivolto agli organismi internazionali per denunciare la situazione di estrema barbarie e crisi umanitaria che il popolo Guarani-Kaiowá affronta nel Mato Grosso do Sul. Il 22 settembre 2015, durante la 30ª Sessione del Consiglio di Diritti Umani delle […]

treetriptych

Sono stata rapita dagli yanomami (Helena Valero)

Nota introduttiva di Loretta Emiri Risale al 1944 la prima spedizione scientifica realizzata in Amazzonia dal biologo italiano Ettore Biocca. Durante la missione raccolse frammentarie informazioni sugli Yanomami, che non potette visitare perché ritenuti minacciosi dalle guide locali. Seppe anche che poco tempo prima quegli stessi indios avevano rapito una ragazzina, Helena Valero, figlia di un venezuelano e di una […]

IMG_0905

Indio ha capito che il Dio dei bianchi era cattivo (Gabriel Viriato Raposo Macuxi)

Guarda, quando bianco è arrivato alla nostra terra, indio pensava che bianco era dalla parte di Dio, indio pensava che Dio era venuto a visitarlo. Infatti, bianco ha tutto e indio non ha nulla: bianco ha filo spinato, noi non abbiamo; bianco ha libro, noi non abbiamo; bianco ha accetta, noi non abbiamo; bianco ha macchina, noi non abbiamo; bianco […]

IMG_0850

Bororo (Loretta Emiri)

L’arte plumaria, cioè la confezione di artefatti a partire dall’utilizzo di penne di uccelli, è fra le manifestazioni artistiche più espressive degli indios brasiliani. Le materie prime usate sono sostanzialmente le stesse, ma ogni società indigena ha sviluppato un suo stile; tanto che attributi peculiari quali forme, associazioni di materiali, combinazioni di colori, procedimenti tecnici, ci permettono di stabilire la […]

Mount roraimaMount roraima

Sagarana (Loretta Emiri)

Per Júlio Monteiro Martins Non volevo alzarmi, ho mal di testa. Guardo dalla finestra: grigio e umido tutt’intorno, raccapricciante la voce del vento. Accendo il computer come a invocare miracolo. La lettera del direttore lì ad aspettarmi, le sue parole a resuscitarmi: pubblicato brano spedito da tempo, quello scritto senza giri di parole e di cui temevo la sorte. Cliccando […]