Sulla punta della sua voce una biblioteca vivente – Poesie di Gonca Özmen, trad. di Nicola Verderame

Untitled-3-1024x570

Da Bile İsteye (“Con intenzione e consapevolezza”)

 

Nero

Ecco, guarda questa pioggia, ha dormito sul mio petto
Ai miei seni ha allattato Ada
Ecco, il mio ventre s’è gonfiato, gonfiato, poi è crollato
Eccomi immobile davanti all’incendio
Eccomi tornata dopo aver fissato un’emozione che lievitava
Senza timori, coi sogni lacerati, tutto invecchiato
Così a capo chino col disastro nella bocca e la lotta intiepidita
Eccomi distesa nelle piane ad asciugarmi
Se le scosti appena un po’, così pieno di desiderio
E accorri traversando mille fiumi
Eccomi stremata nelle lenzuola in cui sei venuto.

 

Kara

Bak bu yağmurun göğsümde uyumuşluğu var
Adanın süt içmişliği var memelerimden
Karnımın şişip şişip inmişliği var
Gidip bir yangının önünde durmuşluğum var
Öyle gözü kara, düşü yırtık, eskisi çok
Kabaran bir duyguya bakmaktan dönmüşlüğüm var
Eğik başım öyle, sözüm perişan, kavgam ılık
Uzanıp da kırlara kurumuşluğum var

Aralasan şimdi aralasan öyle iştahlı
Geliversen bin dereden
Geldiğin çarşaflarda yorgunluğum var

 

 

 

Più sottile di un filo

Abbiamo perso dice Zeynep abbiamo perso
Sulla punta della sua voce una schiuma da smentire
Sulla punta della sua voce una biblioteca vivente

Dall’abisso – la sua voce
Dal dolore – la sua voce
Dal gelo – la sua voce

Sulla punta della nostra voce si stende un santuario
Sulla punta della voce un antico canto di fantasia

Dal profondo – le nostre voci
Dalle braci  – le nostre voci
Più sottili di un filo – le nostre voci

Le mattine frenetiche come tè non bevuti
E poi il gusto persistente di mela amara, formiche volanti
Le nostre stanze, i nostri respiri, i nostri delitti sono una cosa sola

 

A volte il mondo scade ai miei occhi

 

İplikten İnce

Biz kaybettik diyor Zeynep, biz kaybettik
Sesinin ucunda yalanası bir köpük
Sesinin ucunda bir diri kütüphane

Dipten – sesi
Kederden – sesi
Ayazdan – sesi

Sesimizin ucunda uzun bir yatır
Sesimizin ucunda eski hayal söylencesi

Derinden – seslerimiz
Kordan – seslerimiz
İplikten ince- seslerimiz

Sabahları içilmemiş çaylar kadar telaşlı
Nasılsa hep bir acı elma tadı, kanatlı karıncalar
Odalarımız bir, soluklarımız, suçlarımız

Dünya bazen düşüyor gözümden

 

 

 

Luna

per “occhi di minerale”

 

I

Questo l’ho detto parlando alla donna con la stella sulla fronte, non a voi
Noi una volta eravamo reciproche, simmetriche
Avevamo sciolto le sue parole che mi legavano le ginocchia
Eravamo persino sullo stesso ramo come ciliegie
Ci siamo stese e svegliate in un bagno di sudore nel mausoleo delle nostre voci
Abbiamo fatto scorrere il sangue da questo o quel punto di noi
Siamo persino comparse in tribunale, voi non ci crederete
Verdetto in nome del Popolo Turco:
La vostra esistenza non sia dono per nulla

 

II

Questo l’ho sentito non da voi, ma da una donna di tante spezie
Eravamo calorose tra noi come intimo appena tolto

 

III

Questo io l’ho fatto leggere a quella donna strabica di là, non a voi
Ci siamo persino allineate fianco a fianco a formare un verso
Risentite come gatti che hanno versato il latte,
Mentre si leccavano rumorosamente le ferite
E infestavamo persino il bosco

 

IV

Noi di notte eravamo due foglie vicine, non ci crederete
Noi dentro di noi sotto una vigna, il piacere della pergola, un recinto di lutto
Calza bucata, bottone staccato, pantalone rotto
Noi dentro di noi eravamo il fato di un giardino mai aperto
La consistenza delle mele asprigne, non ci crederete
C’è più forza nel nostro restare in noi che per voi fare lo stesso

 

Ay

“gözleri maden”e 

I

Ben bunları -sizinle değil- alnı akıtmalı bir kadınla söyleşmiştim
İşteştik bir zaman birbirimize bakışımlıydık
Onun sözleri çözdüydük dizlerimin bağıydı
Bir dalda iki kiraz olmuşluğumuz bile var
Terli rüyalara yatmış kalkmıştık sesimizdeki yatırla
Kan akıtmıştık oramızdan buramızdan
Mahkemeye inanmazsınız çıkmışlığımız bile var
Türk Milleti Adına Karar:
Varlığınız armağan olmasın hiçbir şeylere

 

II

Ben bunları -sizden değil- baharatı çok bir kadından dinlemiştim
Az önce çıkarılmış atletler kadar ılıktık birbirimize

 

III

Ben bunları -size değil- ötedeki o şehla kadına okuttum
Yan yana durup bir dize olmuşluğumuz bile var
Sütünü dökmüş kediler kadar dargın
Gurultularla yalarken yaralarımızı
Bir ormana dadanmışlığımız bile var

 

IV

Biz gecede inanmazsınız yakın yaprak
Biz bizde asma altı, çardak keyfi, yas çiti
Delik çorap, kopuk düğme, yırtık paça
Biz bizde açılmamış bahçenin yazgısı
Mayhoş elma kıvamı inanmazsınız

Bizim bizde kaldığımız sizin sizde durduğunuzdan esaslı

 

 

 

 

Ombra

A volte si guarda una pazienza ingiallita
Per quanto umana sia una pazienza ingiallita

A volte si va verso gli uliveti
Si dà da mangiare ai cavalli, si carezzano le tende

A volte accade che una lingua muoia
Che una formica sorrida, anche questo accade a volte

Una parola va a trovarne un’altra
La noce si ritira nel suo guscio
Un insetto dimentica di colpo il suo verso

La sera in segreto nel giardino nascosto
Ma così in segreto nel giardino nascosto

L’infinito cresce e cresce
Il mondo non è nostro, è delle ombre
Gölge

Sarı bir sabıra bakar insan bazen
Sarı bir sabır ne kadar insansa

İnsan bazen zeytinlere gider
Atları doyurur, perdeyi eller

Bazen olur bir dilin de öldüğü
Karıncanın güldüğü bazen olur

Bir sözcük diğerini gider bulur
Kabuğuna çekilir ceviz
Bir böcek sesini birden unutur

Akşam gizliden arka bahçede
Arka bahçede gizliden
Bir sonsuz büyür durur

Bizim değil gölgelerindir dünya

 

 

 

Da Belki Sessiz (“Silenzioso, forse”)

 

Silenzioso, forse
il bosco si prepara alla notte
il verde si spoglia lentamente

il sogno dell’uccello mescolato alla nube

il vento ancora e ancora parla di rocce
e dei luoghi che ha visto in volo

mi dico – forse questa volta le parole scorreranno
la pioggia placherà il desiderio della pelle

forse i morti e il canto dei minareti inganneranno il tempo
il braccio monco di un bambino sboccerà in fiore nuovo

tu, Terra, ti sei rimpicciolita in noi sempre di più

senza sosta la parola accumula il sedimento
sul fondo del lago

perde voce ogni cosa senza sosta
Belki Sessiz

 

geceye hazırlanıyor orman
yavaş yavaş soyunuyor yeşili

bir kuşun bir buluta karışmış düşü

rüzgâr yine kayalardan söz ediyor
rüzgâr gezip gördüğü yerleri anlatıyor

bu sefer akar belki sözcükler diyorum
yağmurla boşanır tenin arzusu

belki şaşırır vaktini ezanlar ve ölümler
nasılsa çiçek açar bir çocuğun kesik kolu

ey dünya, küçüldükçe küçüldün içimizde

durmadan birikiyor söz balçığı
gölün dibinde

durmadan sesini yitiriyor her şey

 

 

Da Kuytumda (“Nel mio rifugio”)

 

Ferita

– perché l’amore s’è zittito –
Andiamo a fondo… nel fondo del pozzo
Dov’è buio, quiete e l’acqua ha paura
Ha quella profondità che la parola non può raggiungere

Come se mi fossi sparsa su una tela
sono scivolata in quella sinfonia amara
E adesso tu non sei che un gemito nella mia voce

– perché il sogno è scomparso –
Andiamocene lontano… Nella lontananza d’amore
Dov’è cenere, ricordo e sedimento di morte
E il silenzio selvaggio dei monti

Ma tu non dimenticarlo
Ogni pozzo vive nella sua solitudine
Ogni uccello
Col suo canto
Saluta il mattino

 

 

Yara

 

-cunku aşk sustu-
Dibe inelim …kuyunun dibine…
Orda karanlık,sessizlik ve suyun korkusu
Ve sözun ulaşamadığı derinlik

Sanki bir tuvale dağıttım kendimi
O buruk senfoniye sızdırdım
Yorgun iniltisin artık sesimde

-çunku düş öldü-
Uzağa gidelim…aşkın uzağına…
Orda kül, anılar ve ölümün tortusu
Ve dağların yabanıl suskunluğu

Sen yine de unutma
Her kuyu kendi yalnızlığını yaşar
Her kuş
kendi sesiyle
karşılar sabahı

 

 

Per gentile concessione dell’autrice e del traduttore, Nicola Verderame.

 

 

download (1)Gonca

Gonca Özmen nasce nel 1982 a Burdur, nel sud della Turchia. Si laurea in Lingua e Letteratura Inglese all’Università di Istanbul nel 2004. Pubblica le prime poesie nel 1997 all’età di 15 anni e nello stesso anno le viene conferito il premio Yaşar Nabi Nayır come migliore esordio. Nel 1999 vince il premio di poesia Ali Rıza Ertan e l’anno seguente pubblica la sua prima raccolta Kuytumda (“Nel mio ritiro”) immediatamente insignita del premio Orhon Murat Arıburnu. Seguono numerosi premi e onorificenze, tra i quali il premio Homeros nel 2005 per il saggio Edip Cansever. Nel 2008 pubblica la seconda raccolta, Belki Sessiz (“Silenzioso forse”) e, dopo una lunga parentesi, Bile Isteye (“Sapendo e volendo”, 2019, già più volte ristampato). Collabora con innumerevoli testate giornalistiche e riviste letterarie ed è traduttrice dall’inglese. Ha curato il carteggio tra i poeti Ilhan Berk (del quale Versi ha ospitato quattro poesie) ed Enis Batur (2014). Dal 2000 vive a Istanbul, dove insegna nel prestigioso liceo Terakki.

 

 

 

 

maxresdefault (1)verderame

Nicola Verderame (1984) è docente di Lingua turca all’università del Salento. Nel 2018 ha conseguito il dottorato di ricerca in storia contemporanea presso la Freie Universitaet Berlin. Ha pubblicato in italiano numerose traduzioni da poeti turchi viventi. Cura la sezione “Versi” della rivista online Kaleydoskop – Turchia, cultura e società (www.kaleydoskop.it) e il blog Defter – Poesia turca contemporanea (defterpoesiaturca.wordpress.com). Nel 2016 ha curato la raccolta di poesie di Tuğrul Tanyol Il vino dei giorni a venire (Ladolfi ed.), insignita del premio Benno Geiger 2017 e del Premio nazionale di traduzione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali nel 2018. Nel 2020 ha pubblicato la selezione di poesie di Haydar Ergülen La casa nella melagrana, con testo turco a fronte e prefazione di Milo de Angelis, Premio Ciampi, Valigie Rosse Edizioni.

Tra le opere di narrativa tradotte: Selahattin Demirtaş, Alba, Feltrinelli, 2018; Burhan Sönmez, Labirinto, nottetempo, 2019; Azra Kohen, PHI, Mondadori, 2019. Di prossima pubblicazione: Ahmet Altan, Signora vita, E/O Edizioni, 2021; Burhan Sönmez, Nord, nottetempo, 2021; Zülfü Livaneli, La casa di Leyla, Altano, 2021.

 

 

 

Foto di copertina: Foto realizzata da Sumana Mitra.

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista