RAZZISMO, XENOFOBIA, COLONIALISMO, MISOGINIA: PER UN NUOVO LESSICO, NUOVI COMPORTAMENTI, NUOVE RESISTENZE! (redazione de lamacchinasognante.com in collaborazione con Candice Whitney)

IMG_3257

RAZZISMO, XENOFOBIA, COLONIALISMO, MISOGINIA: PER UN NUOVO LESSICO, NUOVI COMPORTAMENTI, NUOVE RESISTENZE!

 

Sono profondamente convinta che la lingua e il suo utilizzo determinino il nostro comportamento

e che quest’ultimo, a sua volta, determini le nostre vite e le vite degli altri.” 

Ntozake Shange

 

Per contribuire a riflessioni, dibattiti e svolte che molti macchinisti, collaboratori, e lettori de lamacchinasognante.com ritengono ora più che mai necessari, a partire dal prossimo, in ogni numero LMS offrirà spazio a una rubrica che aiuti a definire ed aggiungere voci che mancano a un lessico di base per affrontare oggi, nel 2017, nel contesto nazionale e mondiale in cui ci troviamo, le questioni che riguardano il razzismo, la migrazione, la xenofobia, il colonialismo e la misoginia nelle sue varie forme e interconnessioni.

Questa nostra attenzione non è nuova, anzi è testimoniata dal grande numero di articoli dedicati a questioni che riguardano tali argomenti ed è purtroppo convalidata dai fatti di cronaca che registrano un numero sempre crescente di aggressioni verso chi viene percepito come “Altro”. Tutto questo mentre anche a livello internazionale sono in crescita il razzismo e l’avversione ai migranti/profughi/rifugiati sia a livello istituzionale che popolare.

In ogni numero vorremmo che fossero proposti almeno 5 termini nuovi da aggiungere o vecchi che vanno rivisti alla luce della situazione attuale. Per ogni voce sarebbe importante avere una motivazione per la necessità dell’aggiunta o della revisione, un tentativo di definizione, un’individuazione delle tematiche scottanti ad essa legate. Ci appelliamo in particolare alle organizzazioni ed associazioni presenti ed attive sul territorio, particolarmente quelle composte da immigrati, migranti, figli e figlie di immigrati nati in Italia o cresciuti qui, con le quali abbiamo collaborato, agli scrittori e alle scrittrici che in passato hanno contribuito saggi, analisi o articoli, o semplicemente ai lettori e alle lettrici che si sentano stimolati a partecipare a questa iniziativa collettiva.

Si prega di inviare i suggerimenti e le proposte di definizione alla redazione all’indirizzo info@lamacchinasognante.com e in ogni numero pubblicheremo le vostre proposte e i nostri suggerimenti.

(La redazione de la macchina sognante.com , al momento  composta da Bartolomeo Bellanova, Lucia Cupertino, Sana Darghmouni, Pina Piccolo, Maria Rossi, Walter Valeri.

 

Candice Whitney: Laureata in antropologia e lingua italiana nella prima università per donne degli Stati Uniti, Mount Holyoke, è attualmente impegnata in un progetto di ricerca sovvenzionato dalla Commissione Fulbright, che svolge con l’appoggio dell’Università di Bologna e l’International Women’s Forum di Bologna. Il progetto riguarda le strategie imprenditoriali messe a punto da imprenditrici africane immigrate in Emilia Romagna: come hanno superato gli ostacoli incontrati e come definiscono il loro successo. Lo studio è svolto applicando una prospettiva fondata sull’intersectionality, definita per la prima volta da avvocato Kimberlè Crenshaw e qui applicata per render conto del modo in cui le istituzioni e i discorsi politici beneficiano dalla co-costruzione di differenti strutture storiche e attuali di oppressione (ad esempio colonialismo, patriarchia) e come questi processi di ineguaglianza, che si rinforzano reciprocamente, vengono vissuti dagli individui.

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista