“Quando il mondo così come lo conoscevamo cessò di esistere” e altre poesie, di Joy Harjo (trad. Pina Piccolo)

emergence-emily-brunner-300x200

Per festeggiare l’incarico  di National Poet Laureate  degli USA (cioè Ambasciatrice della Poesia, funzione ben lontana da quella di ‘poeta laureato’ di montaliana memoria) assegnato per la prima volta nella storia degli Stati Uniti alla poeta indigena Joy Harjo che abbiamo pubblicato in precedenza nel contenitore, propongo tre sue poesie da me tradotte nei primi anni del 2000  e inserite nell’antologia Not in Our Name- Poeti statunitensi contro la guerra, a cura di Pina Piccolo, pubblicata nel 2013 dalla Libro Aperto Edizioni, per la serie  delle exosphere plaquettes curate da Simonetta Sambiase. Le tre poesie appartengono alla raccolta di Joy Harjo How We Became Human: New and Selected Poems 1975-2001, W.W. Norton and Company, NY. 2002.

 

 

 

 

 

emergence1

 

 

 

 

 

NO1

 

 

 

NO2

 

 

whentheworld1

 

 

emergence2

Le poesie  tradotte, con l’originale a fronte, sono tratte dall’antologia  Not in Our Name: poeti statunitensi contro la guerra, Libro Aperte Edizioni, 2013, per gentile concessione dell’autrice.

 

Dalla pagina di Academy of American Poets

JoyHarjo_NewBioImage_Credit-KarenKuehn

Joy Harjo è nata a Tulsa, in Oklahoma nel 1951 e fa parte della nazione Mvskoke/Creek. E’ fra le più importanti voci della poesia contemporanea statunitense e ha ricevuto numerosi premi a livello nazionale. Nel giugno del 2019 ha ricevuto l’incarico di Poet Laureate nazionale degli USA, cioè ambasciatrice per la Poesia.  Le sue raccolte di poesia comprendono Conflict Resolution for Holy Beings (W. W. Norton, 2015);  How We Became Human: New and Selected Poems (W. W. Norton, 2002); A Map to the Next World: Poems (W. W. Norton, 2000); The Woman Who Fell From the Sky (W. W. Norton, 1994) In Mad Love and War (Wesleyan University Press, 1990); Secrets from the Center of the World(University of Arizona Press, 1989); She Had Some Horses (Thunder’s Mouth Press, 1983); and What Moon Drove Me to This? (Reed Books, 1979). Ha anche scritto un libro di memorie, Crazy Brave (W. W. Norton, 2012), che descrive il suo percorso nel divenire poeta e che nel 2013 ha vinto il premio letterario  PEN Center USA per la narrativa creativa nonfiction. E’  anche performer, è apparsa nel canale HBO nella serie Def Poetry Jam e in spazi statunitensi e internazionali. Suona il sassofono con la sua band Poetic Justice e ha lanciato 4 CD di musica originale. nel 2009 ha vinto il Native American Music Award (NAMMY) come migliore artista femminile.

 

Foto dell’autrice: Karen Kuehn.

Immagine di copertina di Emily Brunner.

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista