Presentazione de La macchina sognante in Messico (19-21 aprile)

Tula

Convinti della necessità di moltiplicare gli spazi d’incontro a differenti latitudini, La macchina sognante approda in Messico.

All’interno di Aires del Festival, iniziativa che apre le porte al VII Festival Internacional de Poesía Ignacio Rodríguez Galván, la nostra rivista di scritture dal mondo entra in dialogo con i giovani dell’Universidad Autónoma del Estado de Hidalgo (19 e 20 aprile) e il pubblico di Città del Messico (21 aprile).

Non molto distante dagli Atlantidi di Tula, luogo della mitica fondazione di Quetzalcoatl, l’iniziativa avrà carattere itinerante, toccando tre istituti e un centro culturale. É prevista la presentazione dell’opera letteraria di Lucia Cupertino, letture poetiche di Hugo De Mendoza Gutierrez e Jorge Contreras Herrera e un approfondimento sui numeri finora pubblicati de www.lamacchinasognante.com cosí come sulle iniziative che si stanno promuovendo in Italia e a livello globale. Ringraziamo per la volontà di creare spazi di lettura e discussione cosí vivaci il coordinatore del festival, il poeta messicano Jorge Contreras Herrera che nel 2016 ha ricevuto il “Riconoscimento Universitario di Promozione della Lettura, Professore Rafael Cravioto, della Fiera Universitaria del Libro, edizione XXIX dell’ Universidad Autónoma del Estado de Hidalgo” e un grazie anche a Corina Martínez García, direttrice del settore di Promozione della Lettura dell’UAEH.

Nel prossimo numero offriremo un resoconto e fotografie degli incontri. A presto o…hasta pronto!

 

 

festival Rodriguez Galvanlogo LMS

Riguardo il macchinista

Lucia Cupertino

LUCIA CUPERTINO (1986, Polignano a Mare). Scrittrice, antropologa culturale e traduttrice. Laureata in Antropologia culturale ed etnologia (Università di Bologna), ha conseguito un Master in Antropologia delle Americhe (Università Complutense di Madrid) con tesi sulla traduzione di fonti letterarie nahuatl. Vive da tempo tra America latina e Italia, con soggiorni più brevi in Australia, Germania e Spagna, legati a progetti di ricerca, educativi e di agroecologia. Scrive in italiano e spagnolo e ha pubblicato: Mar di Tasman (Isola, Bologna, 2014); Non ha tetto la mia casa - No tiene techo mi casa (Casa de poesía, San José, 2016, in italiano e spagnolo, Premio comunitarismo di Versante Ripido); il libro-origami Cinco poemas de Lucia Cupertino (Los ablucionistas, Città del Messico, 2017). Suoi lavori poetici e di narrativa sono apparsi in riviste e antologie italiane e internazionali. Parte della sua opera è stata tradotta in inglese, cinese, spagnolo, bengali e albanese. È curatrice di 43 poeti per Ayotzinapa. Voci per il Messico e i suoi desaparecidos (Arcoiris, Salerno, 2016, menzione critica nel Premio di traduzione letteraria Lilec – Università di Bologna); Muovimenti. Segnali da un mondo viandante (Terre d’Ulivi, Lecce, 2016) e Canodromo di Bárbara Belloc (Fili d’Aquilone, Roma, 2018). Membro della giuria del Premio Trilce 2018, Sydney, in collaborazione con l’Instituto Cervantes. Cofondatrice della web di scritture dal mondo www.lamacchinasognante.com, con la quale promuove iniziative letterarie e culturali in Italia e all’estero.

Pagina archivio del macchinista