“Non rimane che ascoltare le urla delle aragoste”, poesie di Sara Comuzzo

DSCF2954 1gc

 

Da Una Bellezza Lontana (Gnasso Editore, 2018)

 

ARAGOSTE

 

Cosa ne sanno i bambini del nostro dolore

quando l’unico problema è una palla bucata?

 

Non rimane che ascoltare le urla delle aragoste,

guardare l’acqua della pentola tingersi arancione.

Voler chiedere loro se si innervosiscono

poco prima di essere bollite.

 

 

BURATTINO    

 

Rimane seduto il tuo fissarmi

dall’unica fotografia che conservo

come un burattino a cui hanno tagliato i fili,

vorrebbe andarsene ma non può,

colto dagli spasmi

nell’epilettico abbandono.

 

Se ne va invece, la voglia di incontrarsi

nel suo improvviso calcolo

di ciò che deve sopravvivere e

ciò che deve dissolversi.

 

Ci allontaniamo come gatti

feriti da uno scontro con il topo.

 

 

IL PESO  

 

Se non compaio nelle foto è perché sono quella

che le scatta, quella che scappa.

 

La lotta tra me e le stagioni.

 

Puoi passare l’anno a contare le foglie che cadono.

Oppure osservare le persone allontanarsi come pezzi di domino

staccati e riconnessi,

poi riposti nella scatola.

 

Ci appoggiamo alle nuvole, nella nostra leggerezza,

colpevoli solo di non avere calcolato bene il peso.

 

È una primavera che fatica ad uscire,

un po’ come le nostre parole, le scuse,

le cose che cambiano.

 

Viverti è un divieto senza pene,

la sottile linea tra le labbra

che non si capisce se sia sbocciata

per ridere

 

o respirare.

 

da Invecchiano Anche Le Rose (Il Rio Edizioni, 2014)

TRAMONTARE

 

Vuoi dei figli

e senza accorgertene ti risvegli

nonna.

 

SO

 

Le piccole cose.

L’aria sul collo dell’alfabeto

muove lettere incomprensibili.

È un apparire fugace

poi andarsene

e non tornare indietro.

Non ti volterai, lo so,

per questo ti sto avanti.

 

 

 

 

 

da Siamo Sopravvissuti A Un Altro Inverno (Thauma Edizioni, 2014)

FLOWERS. WHAT ELSE?

I

Capire attraverso le rose

che si può ferire

anche con il profumo.

II

Assaggiare i petali.

Fermarsi sugli scogli.

Da qualche parte

le colline sono grigie.

Da qualche parte

le conchiglie sono in mare.

Da qualche parte i matrimoni son reali.

Da qualche parte

la persona giusta

aspetta quella sbagliata.

III

Una spilla sul cuore: farà sanguinare,

ah, ma ne rideremo, un’estate.

 

 

RICORDO

 

Permettimi di abbracciarti

un’ultima volta

prima di sbiadire

 

594876723957702-2

Sara Comuzzo (Udine, 1988) ha vissuto in Canada, Scozia, Australia, Nuova Zelanda, Africa, Irlanda e Inghilterra. Ha vinto il Premio ‘Valerio Gentile’ con la raccolta di racconti Dove Nessuno può cadere (Schena Editore, 2014). Alcune sue poesie e recensioni sono comparse su riviste online e siti come Versante Ripido, Iodio, unarosainpiú, IoSoffoco, Literary.it e Lo spazio rubato e Stampa2009Una Bellezza Lontana edita da Gnasso (2018) è la sua quarta raccolta di poesie. Sta attualmente completando un master a Brighton in letteratura moderna e studi di genere con una tesi sul teatro di Sarah Kane.

Immagine in evidenza: Tessuto ricamato. dell’artista iraniano Seyed Mojtaba Vahedi.

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista