Noi spettri (Gassid Mohamed)

orologiombratetto

Appesi al ciglio della vita

noi spettri, figliastri dell’umanità agiata

negati e abbandonati

la nostra dimora è la vostra ombra

Siamo le statuine che sorreggono il vostro candelabro

la cornice che regge il vostro specchio

il chiodo che sostiene le vostre foto incorniciate

Siamo la vostra scarpiera

il vostro attaccapanni

le vostre sedie

siamo tutto ciò che buttate

nello scantinato sotterraneo

o nel cassonetto dell’immondizia

Appesi al ciglio della vita

dalla morte alla morte

fuggiamo

e in un batter di ciglio

ci ingoia l’abisso

Siamo il filo rotto della vita

siamo i brutti sogni che ogni tanto

disturbano i vostri sonni

Siamo il peso che non sentite

sulle vostre coscienze

siamo l’immagine che non gradite

suoi vostri giornali e nelle vostre TV

allora voltate il viso

verso la vostra gatta che miagola

la accarezzate dicendo in cuor vostro

“domani ci sarà un bel sole”

e chiudete gli occhi.

G.M

19.4.2015

 

12083691_1152247891456062_2052723361_n

 

Foto in evidenza di Melina Piccolo.

Foto dell’autore a cura di Gassid Mohammed.

Riguardo il macchinista

Gassid Mohammed

Gassid Mohammed è uno dei macchinisti fondatori de lamacchinasognante.com. Ha contribuito fino al numero 4 e si è ritirato a dicembre del 2016. Un grande bambino che insegue le farfalle da una vita. È nato a Babilonia, a qualche passo dell’Eufrate. Casa sua è eretta sulle basi della Torre di Babele, nessuno ci crede ma è così. È cresciuto in un piccolo paesino in campagna, con le pecore, le mucche, le galline, le farfalle, le api e tutti gli animali e gli insetti. Tutto il suo corpo è costituito dall’Eufrate, non solo perché ci faceva il bagno ogni giorno per tante ore, ma anche perché le piante e le verdure che piantava e faceva crescere erano irrigate dall’Eufrate. Gli piace molto la natura perché ha passato la sua infanzia e l’adolescenza negli orti e nei campi. Il suo orto aveva una collina coperta di erbe e fiori, a lui sembrava fosse il resto dei giardini pensili. Ovviamente nessuno ci crede, ma c’è poco da fare. Da bambino aveva sempre inseguito le farfalle, e le insegue tuttora, e lo farà per sempre.

Pagina archivio del macchinista