LETTURE E NOTE INSORGENTI CON BARTOLOMEO BELLANOVA E FIORE STEVOLE

gocce insorgenti

–LETTURE E NOTE INSORGENTI —

LUOGO:  AL RITROVO – Via Centotrecento 1

DATA: mercoledì 20 dicembre

ORARIO: dalle 18,30 alle 20

Al Ritrovo in Via Centotrecento 1, mercoledì 20 dicembre alle 18,30 letture dalla raccolta di poesie “Gocce insorgenti” di Bartolomeo Bellanova accompagnate dalla fisarmonica di Fiore Stevole. È un incontro tra amici che possono portare le loro speranze, le loro idee, le loro poesie se hanno piacere di condividerle. Il costo è di 15 €  compresa una copia del libro e una piccola cena. Per cortesia confermare la presenza con messaggio Facebook all’autore o sms al 338.9883340. Grazie.”

===========

Insulina1

Ho nella gola un foglio arrotolato:

c’è scritto “rifugiata siriana”,

ogni parola è terrore

ai miei occhi spalancati.

Animali con mani umane

hanno trascinato i miei capelli

d’onda marina

in una chiglia marcita.

 

Ho dieci anni,

cinque sorelle e

una compagna sola:

insulina si chiama

e non mi lascia mai.

L’hanno gettata in acqua,

povera anima liquida

e ridevano le iene,

ghignavano sui rintocchi a morte

degli occhi di mio padre

e loro ridevano più forte

e le sue lacrime si facevano di ghiaccio.

 

Ho freddo sotto questo sole

di brace, ho molto freddo.

Mamma avvolgimi con

la lana buona di casa!

Tremo come goccia d’acqua salata

trema sulla battigia molle.

La batteria del mio petto si scarica,

lo scirocco soffia via le ultime forze

e lo sciacquio stanco è la mia

ninna nanna eterna.

 

Adesso la mia miglior amica

sta nel fondo del Mediterraneo

E io sto nel fondo del cuore

di mia madre.

Nel fondo di pochi minuti

sarò tra gli angeli bambini:

mi stanno aspettando.

Giocheremo insieme:

questo mondo non ci merita.

 

1 Ispirata all’episodio reale riportato dalle principali testate giornalistiche (tra cui il Fatto Quotidiano del 17 luglio

2015) relativo alla morte durante la traversata dall’Egitto verso Siracusa di una bambina siriana diabetica perché

i trafficanti hanno buttato in mare il suo zainetto con l’insulina.

 

=====================

 

Estate – interno notte

Estate – interno notte Italia

Dalla volta celeste sanguina miele

dai tuoi ai miei occhi

dai tuoi ai miei polpastrelli

arrampicati sull’ambra infuocata

di noi uniti in un blocco solo

e la nostra pelle rovesciata

unita in una sola pelle.

 

Estate – interno notte Siria

Dalla volta celeste sanguina gas chimico

sul tuo sguardo di polvere e calce,

bambino angelo di Aleppo.

Il tuo corpo spurga latte putrido

dai polpacci teneri

dalle spalle bianche

e le tue mani tremano

a mulinare mani e unghie e tepore.

 

Estate – interno notte Italia

Bambino ignoto ti concepiamo di nuovo

qui tra le ghirlande delle nostre braccia molli

e intrecciate a culla.

Ti tamponiamo gli occhi sfatti coi sorrisi

Ti spilliamo via il veleno dalla pelle

e dal cuore.

 

Estate – esterno giorno Italia

Angelo profanato, al primo

bagliore d’alba, lava via dai nostri occhi

la sordità assassina del giorno indifferente

prima di liquefarti nel nostro oblio.

È sdrucciolevole l’aria afosa delle strade,

ci scivola tutti giù nel gorgo dell’inumano.

 

Riguardo il macchinista

Bartolomeo Bellanova

Bartolomeo Bellanova pubblica il primo romanzo La fuga e il risveglio (Albatros Il Filo) nel dicembre 2009 ed il secondo Ogni lacrima è degna (In.Edit) in aprile 2012. Nell’ambito della poesia ha pubblicato in diverse antologie tra cui Sotto il cielo di Lampedusa - Annegati da respingimento (Rayuela Ed. 2014) e nella successiva antologia Sotto il cielo di Lampedusa – Nessun uomo è un’isola (Rayuela Ed. 2015). Fa parte dei fondatori e dell’attuale redazione del contenitore online di scritture dal mondo www.lamacchinasognante.com. Nel settembre’2015 è stata pubblicata la raccolta poetica A perdicuore – Versi Scomposti e liberati (David and Matthaus). Ė uno dei quattro curatori dell’antologia Muovimenti – Segnali da un mondo viandante (Terre d’Ulivi Edizione – ottobre 2016), antologia di testi poetici incentrati sulle migrazioni. Nell’ottobre 2017 è stata pubblicata la silloge poetica Gocce insorgenti (Terre d’Ulivi Edizione), edizione contenente un progetto fotografico di Aldo Tomaino. Co-autore dell’antologia pubblicata a luglio 2018 dall’Associazione Versante Ripido di Bologna La pacchia è strafinita. È uno dei promotori del neonato Manifesto “Cantieri del pensiero libero” gruppo creato con l'obiettivo di contrastare l'impoverimento culturale e le diverse forme di discriminazione e violenza razziale che si stanno diffondendo nel Paese.

Pagina archivio del macchinista