“Il tiglio al principio è solo un profumo” cinque poesie in romagnolo con versione italiana – Laura Turci

GC61377445_10217022955038940_4777116738351267840_n

 

 

FEBRÈR

L’ è invéran.

C’ sa vut cmandè a st’ èlbur insticlì.

T’ è fâm?

U t’ avreb da dè

chi du zarmòj d’ un ètar culor,

dulz cum’ i bis d’ un babìn,

chi scapa fura

da i râm gris?

 

L’ è invéran.

Nânca i babìn i l’ sa

ch’ u bsògna stè d’ astè,

i babìn ch’ i magna

dal radisi e da e’ sol.

 

Mo se l’ invéran

u và trop dalong

u j arvenza la fâm

e quânt i crès,

dal vôlti,

i s’ scôrda du ch’ u d’ ven che pân

e i t’ è cmanda a tè,

nânca s’ l’ è invéran,

e, dal vôlti,

j à e’ curàg

ad ciamèl amor.

FEBBRAIO

È inverno.

Cosa vuoi chiedere a quest’ albero stecchito.

Hai fame?

Dovrebbe darti

quei due germogli di un altro colore,

dolci come i baci di un bambino,

che escono fuori

dai rami grigi?

 

È inverno.

Anche i bambini lo sanno

che bisogna aspettare,

i bambini che mangiano

dalle radici e dal sole.

 

Ma se l’ inverno

dura troppo a lungo

gli resta la fame

e quando crescono,

a volte,

dimenticano da dove viene quel pane

e lo chiedono a te,

anche se è inverno,

e, a volte,

hanno il coraggio

di chiamarlo amore.

 

 

 

MÈRZ

Tot u nas znin,

u l’ dis nânca i cinìs.

E’ tej a e prinzìpi

l’ è sol un profòm,

la néva ch’ la ciutarà

tot al ròbi

l’ è un tarmòn dl’ aqua,

l’ aqua l’ è la voja de zil

dl’ umòr dla tëra,

una cà l’ è un svuit ad èria

pin ad lus, la lus

l’ è la fama d’ j élbur,

l’ amor l’ è la ludla

d’ un sas contr’ un sas,

e mè,

sânza bà, né mà,

sânza fiul, amìg, fradél,

zânza vòj, né pavuri

a sareb sol un quèl

ch’ u vò dvintè…

 

À j o bsògn ad do ròbi:

dasìm da bé,

dasìm da magnè.

MARZO

Tutto nasce piccolo,

lo dicono anche i cinesi.

Il tiglio al principio

è solo un profumo,

la neve che coprirà

tutte le cose

è un brivido dell’ acqua,

l’ acqua è la voglia del cielo

del sapore della terra,

una casa è un vuoto d’ aria

pieno di luce, la luce

è la fame degli alberi,

l’ amore è la scintilla

di un sasso contro un sasso,

ed io,

senza padre, né madre,

senza figli, amici, fratelli,

senza desideri, né paure

sarei solo un qualcosa

che vuole diventare…

 

Ho bisogno di due cose:

datemi da bere,

datemi da mangiare.

 

ABRÌL

À j o vést i murùs

a e’ prinzìpi.

I arluséva,

cum’ i sânt int i quedar

de tarsent, glupé d’ ôr,

int un mond sanz’ ombri

parchè i l’ à fat ló,

d’ arnôv,

e i l’ à rimpì d’ amor.

E j aveva d’ atònd

Cum’ un’ èria d’ abril,

un vent ch’ u cantéva,

cum’ un’ aqua alzira

ch’ la piôv e ch’ la n’ ariva

a tuchè tëra,

de tânt ch’ la j è fena,

e ch’ la s’ fa int un vapor

ad stêla.

Int e’ su paradis

I sent cun la boca

E cun al mân,

e tot quèl ch’ i tóca

u s’ fa bon,

tot quèl ch’ i dis

u s’ avéra.

APRILE

Ho visto gli amanti

al principio.

Risplendevano,

come i santi nei quadri

del trecento, avvolti d’ oro,

in un mondo senza ombre

perché lo hanno fatto loro,

di nuovo,

e lo hanno riempito d’ amore.

E avevano attorno

Come un’ aria d’ aprile,

un vento che cantava,

come un’ acqua leggera

che piove e non arriva

a toccare terra,

da tanto che è fine,

e che si disfa in un vapore

di stella.

Nel loro paradiso

Sentono con la bocca

e con le mani,

e tutto quello che toccano

si fa buono,

tutto quello che dicono

si avvera.

 

LÒJ

T’ à m’ e scrét cun un did

parôli d’ èria sóra la mân:

“ vén parchè a j so mè”.

E inveci ad èria

a m’ so sintìda foja, èlbur, pré,

un pëz ad mond

che s’ un gnè, u s’ véd.

L’ è st’ amor ch’ u m’ met

la chèrna sóra a gl’ osi

e u m’ fa s-cien,

e e’ bus ch’ a las,

me ch’ an végn,

u m’ insègna e’ post

dù ch’ a voj stè.

 

LUGLIO

Mi hai scritto con un dito

parole d’ aria sulla mano:

“ vieni perché ci sono io”.

E invece di aria

mi sono sentita foglia, albero, pietra,

un pezzo di mondo

che se non c’ è, si vede.

È questo amore che mi mette

la carne sulle ossa

e mi fa umana,

e il buco che lascio,

io che non vengo,

mi indica il posto

dove voglio stare.

 

NUVÈMBAR

Al badânti

a-l s’aramàsa

int i zardên de cumôn.

Insdé int al panchini,

cum’ i usél int i fil dla lus,

a-l gonfa i capót,

e al parédi d’èria giaza

a-l custudés i scurs

cumpagna la tèvla dla cusêna.

Par scaldès a-l bé.

Mo u-n s’ bé par scaldès,

e gnânca par scurdè,

u-s bé par murì,

e nânca par murì

a gl’ha da cuntintès

d’un liquor da du bajòc.

Intânt, i fiùl i crès,

luntân, e i fiùl di fiùl,

e lô a-l va drì

a la mörta di nost’ vécc,

ch’la pèga, s’la pèga,

tot ca gl’ètri

ch’ u-n s’ pò dì.

NOVEMBRE

Le badanti

si radunano

nei giardini del comune.

Sedute sulle panchine

come gli uccelli sui fili della luce,

gonfiano i cappotti,

e le pareti di aria gelida

custodiscono i discorsi

come il tavolo della cucina.

Per scaldarsi bevono.

Ma non si beve per scaldarsi,

e nemmeno per dimenticare,

si beve per morire,

e anche per morire

devono accontentarsi

di un liquore da due soldi.

Intanto, i figli crescono,

lontano, e i figli dei figli,

e loro seguono

la morte dei nostri vecchi,

che paga, se paga,

tutte le altre

che non si possono dire.

 

 

1440845439-e1522083143888

Laura Turci è nata e vive a Meldola (FC), nel 1971. Suoi versi sono apparsi sulle riviste: «Confini», accompagnata da una nota di A. Brigliadori; «La Ludla»; «Tratti»; e nell’antologia Poets from Romagna (cura di G. Bellosi, traduzioni in inglese di A. Bianchi, J. Fortune e S. Silviero, Cinnamon Press, Blenaug Fflestiniog -U.K.- 2013). Ha esordito con la raccolta Al carvaj (Il Ponte Vecchio, Cesena 2006; seconda edizione, 2013).

 

 

 

 

 

 

 

Immagine di copertina: Disegno di Giacomo Cuttone.

Riguardo il macchinista

Walter Valeri

Walter Valeri, MFA, MAXT/ART Institute at Harvard University in drammaturgia. Ha fondato nel 1973 a Cesenatico la rivista Sul Porto, del fare cultura in provincia. È stato assistente personale di Dario Fo e Franca Rame dal 1980 al 1995. Nel 1981 con Canzone dell’amante infelice (Guanda) ha vinto il premio internazionale di poesia Mondello. Nel 1985 a Londra ha fondato e diretto la rivista indipendente Il Taccuino di Cary. Nel 1990 ha pubblicato Ora settima (Corpo 10) con la presentazione di Maurizio Cucchi. Ha scritto vari saggi fra cui Franca Rame: a woman on stage (Perdue University Press,1999), An Actor’s Theatre (Southern Illinois University Press 2000), Donna de Paradiso (Editoria & Spettacolo 2006), Dario Fo’s Theatre: The Role of Humor in Learning Italian Language and Culture (Yale University Press, 2008). Ha fondato e diretto dal 2000 al 2007 il Cantiere Internazionale Teatro Giovani realizzato dalla Città di Forlì e Università di Bologna. Nel 2005 ha pubblicato l’antologia di versi Deliri Fragili (BESA). Ha tradotto vari testi di poesia, prosa e teatro, tra cui RequiemTedesca di James Fenton, Carlino di Stuart Hood, Adramelech di Valére Novarina, I Ciechi di Maurice Maeterlinck, Knepp e Krinski di Jorge Goldemberg, Nessuno Muore di Venerdì di Robert Brustein. Nel 2006 ha fondato il Festival internazionale di poesia Il Porto dei Poeti. Ultimi versi pubblicati Visioni in Punto di Morte (Nuovi Argomenti, 54, 2011), Another Ocean (Sparrow Press, 2012), Ora settima (seconda edizione, Il Ponte Vecchio, 2014), Biting The Sun (Boston Haiku Society, 2014), Haiku: Il mio nome/My name (qudu edizioni, 2015; Parodie del buio (Il Ponte Vecchio, 2017); Parodie del buio (Il Ponte Vecchio, 2018)., Collabora alla rivista Teatri delle diversità e Sipario. È membro della direzione del The Poets’ Theatre di Cambridge.

Pagina archivio del macchinista