Due poesie di Helene Paraskeva – dalla silloge “L’odor del gelsomino egeo” (La vita felice, 2014)

helene2

IL MONDO NEL  XXI  SECOLO

 

Non lo cercare

il mondo che tu conoscevi,

non c’è più.

Ti sfugge, corre, scorre,

vola via, evapora.

Né quella vecchia

divisione regge più,

sembra un’idea romantica.

 

Faccendieri e trafficanti

hanno spartito il mondo adesso.

E se non investi, non acquisti,

non esisti.

Sei un oppositore ottuso,

dissidente eliminabile,

in un gioco di guerra

“virtuabile”.

 

TI RICONOSCO

 

Ti riconosco

dai riflessi azzurri,

d’oro o meglio ancora platino

della carta di credito.

Dai multi-liberatori-creditori

e dai procacciatori-profittatori.

 

Ti riconosco

dal marchio commerciale

sull’aria respirata

e sull’acqua avvelenata

a liberazione ultimata.

 

Dalle vacanze da trascorrere

a inquinare luoghi intatti

e scorrazzare al sole,

prima di rincasare

nelle periferie sterminate,

nidi di sogni e fantasie sbagliate.

 

 

silvia-balossi-e-helene-paraskeva

 

Nata ad Atene, Helene Paraskeva vive a Roma da anni. Il suo percorso di immigrata ed extracomunitaria “ante litteram” la spinge a confrontarsi con la precarietà quotidiana pur trovandosi adesso a far parte dei cittadini dell’Unione Europea. Oltre all’insegnamento curriculare nel Liceo Linguistico, ha portato avanti progetti interculturali collaborando con ONG, Enti Locali e Università. Autrice di poesie, ha scritto anche teatro e prosa (numerosi racconti e un romanzo). Una certa “teatralità mediterranea”, dicono, non la abbandona mai. Ultimamente è tornata a scrivere e pubblicare poesie anche in greco. Fa parte della Compagnia delle Poete. 

 

Riguardo il macchinista

Bartolomeo Bellanova

Bartolomeo Bellanova pubblica il primo romanzo La fuga e il risveglio (Albatros Il Filo) nel dicembre 2009 ed il secondo Ogni lacrima è degna (In.Edit) in aprile 2012. Nell’ambito della poesia ha pubblicato in diverse antologie tra cui Sotto il cielo di Lampedusa - Annegati da respingimento (Rayuela Ed. 2014) e nella successiva antologia Sotto il cielo di Lampedusa – Nessun uomo è un’isola (Rayuela Ed. 2015). Fa parte dei fondatori e dell’attuale redazione del contenitore online di scritture dal mondo www.lamacchinasognante.com. Nel settembre’2015 è stata pubblicata la raccolta poetica A perdicuore – Versi Scomposti e liberati (David and Matthaus). Ė uno dei quattro curatori dell’antologia Muovimenti – Segnali da un mondo viandante (Terre d’Ulivi Edizione – ottobre 2016), antologia di testi poetici incentrati sulle migrazioni. Nell’ottobre 2017 è stata pubblicata la silloge poetica Gocce insorgenti (Terre d’Ulivi Edizione), edizione contenente un progetto fotografico di Aldo Tomaino. Co-autore dell’antologia pubblicata a luglio 2018 dall’Associazione Versante Ripido di Bologna La pacchia è strafinita. È uno dei promotori del neonato Manifesto “Cantieri del pensiero libero” gruppo creato con l'obiettivo di contrastare l'impoverimento culturale e le diverse forme di discriminazione e violenza razziale che si stanno diffondendo nel Paese.

Pagina archivio del macchinista