dalla raccolta “Prendiamo d’assalto il cielo azzurro” (Odveig Klyve, trad. Pina Piccolo)

EPSON scanner imageEPSON scanner image

 

EPSON scanner image

u  n  a

g     o    c    c  i    a

c         h         e        c     a   d  e

c       o      n        l    a       s   u   a

l            u        c      e

s  e  g  r  e t  a

 

a  f f  e r  r  a

i    l       m   o   n   d   o

n  e  l    s  u  o   r  i  v  e  r  b   e  r  o

n  e  l  l  a    s  u  a    s  f  e  ra   i  n  t  r  a  p  p  o  l  a

t   u  t   t   o                                    c    i  ò

c  h  e       n  o  n        h  a

r  i  p  o  s  o

Possiamo noi parlare del

possibile e del

l’impossibile?  possiamo noi parlare delle

gocce d’acqua   dei

gelidi venti

Possiamo noi  parlare di

chi è rimasto e

di chi viaggia

fili d’acciaio nell’aria  di

linee che attraversano il mondo

Possiamo noi parlare del

visibile dell’invisibile di

quel che è brutto o

bello vero o

traballante

possiamo noi raccogliere

scampoli di lingue

ricerche di parole

nella realtà       tra

la fede e il dubbio

il ministro riceve la chiave

saluta con la mano la folla

porta il paese protetto dentro il braccio

come una chitarra

che sta per suonare

sta in equilibrio

tra oscurità e alba

l’impossibile non ancora

radunato

che cosa c’è

tra la goccia el’ oceano

tra la particella e l’onda

che cosa c’è

tra il silenzio e le parole

tra le urla e ciò

che non si può sentire

il contadino si sveglia

si alza e

apre la finestra

nel fiordo le nuvole

fanno il primo bagno

ripulendosi della notte

sull’orizzonte ancora

ombre

la luna si arrampica

sul vecchio albero

il cielo vola

attraverso l’uccello

il ministro è svegliato

dalla propria voce

che parla dalla radio-sveglia

 gira  la manopola della doccia

e si nasconde nel caldo flusso

nel sogno che ricorda

la rapida lo trascina

via

questo ministro pensa

a Talete

pensa all’acqua

c’è qualcosa

che non cambia mai

in ciò che sta cambiando

c’è qualcosa

con cui si può fare tutto

 che si può capire

tutto

se riesci a capire l’acqua

questo contadino beve il suo caffè

e riassume il giorno

pensa alle pecore

in montagna

che vengono

quando le chiama

con il sale nelle tasche

pensa ai boschi

dove una volta con il padre

tagliava le frasche

per gli animali

tiene quell’ora

con entrambe le mani

una tazza scheggiata

Il contadino pensa

dove andiamo

ci porta la montagna

dove andiamo

le cascate ci bisbigliano

quel che eravamo

quel che siamo diventati

quel che ancora non

capiamo

i   l          m  i n i s t r o       l a     m a t t i n a      b  e   v e        i    l             c  a  f    f   é

t     e   n  e  n    d  o               l a                 t  a  z  z  a         c h e                    s c o t   t a

c    o   n                            e   n  t  r   a  m   b  e               l  e                        m   a  n   i

c  a  u  t  o                      a  s  s  a  p  o  r  a  n  d  o                         l  ‘i  s  t a n  t e

p       e  n    s      a                              a                                 T     a     l    e  t   e

c  h  e       d  i  s  s  e      c  h  e      t  u  t   t  o          è        a  c    q    u   a

p  e  n  s  a                       a                   q  u  e  l             9    7,    2  %

d    i         t  u   t   t   a        q  u  e  l l  ‘a  c q u a    s u  l  l  a

t  e  r  r  a                      e  s  i  s  t  e                      n  e  l  l ‘

o  c  e  a  n   o     c  h  e     s  o  l  o     lo   0,  0 2 %

e   s   i  s   t  e          n   e  i          f   i  u  m  i

e             n    e   i            l   a   g   h    i

il contadino

guarda               il           pero

fuori                 dalla               finestra

q  u  e  l           vecchio        albero        che

primavera    dopo   primavera    accoglie gli uccelli

che     ritornano          a        riposarsi       le       ali

dopo                             milioni                   di             miglia

fanno                 il                 nido                   e               cantano

di                    quel                     che                    hanno                visto

le                foreste                   di              acciaio         e       cemento

le              nuvole                    oscure                   e             le              albe

i              suoni            delle               onde               e        delle             faine

con         i        loro          artigli      affilati   scarabocchiano        i   canti

sulla           corteccia              del           vecchio              albero

anno                            dopo                        anno

ogni                    mattina

il        contadino

decifra

il tempo

nascosto

nell’

alfabeto

dell’uccello

di Odveig Klyve, traduzione italiana di Pina Piccolo dalla traduzione inglese di Kit Kelen, per gentile concessione dell’autrice


a

d     r     o     p

f     a     l     l     i     n     g

w i t h                   i t s

s   e   c   r   e   t

l I g h t

 

 

g r i p s

t h e         w o r l d

i n           i t s         g l a r e

c a t c h e s   i n   a   g l o b e

a l l                         t h a t ‘ s

w   i   t   h   o   u   t

r e s t

3

can we talk about
the possible and the

impossible can we talk about

drops of water about
chilly winds

 

can we talk about
those who stay and

those travelling
wires of steel in air about

lines through the world

 

4

can we talk about

visible invisible about

what is ugly or

beautiful true or

teetering

 

can we collect

remnants of languages

searches for words
in the real between

faith and doubt

 

5

the minister receives the key

he waves to the crowd
he carries his country
in a crook of the arm

like a guitar
he is going to play

 

balances between

darkness and sunrise

the impossible not yet

rounded up

 

6

what is there
between drop and ocean

between particle and wave

what is there
between silence and words

between the shouting and what

can not be heard

.

 

7

the farmer wakes up

he rises and
opens the window

 

in the fjord clouds take

their first bath
washing the night away

on the horizon still

shadows

 

the moon climbs

in the old tree

the sky flies

through the bird

 

8

the minister wakes

to his own voice
in the clock radio

 

he turns up the shower

hides in the warm flow
in the dream he remembers

white water tears him
away

 

9

this minister thinks
of Thales
thinks of water
there is something
that never changes
in what is changing
there is something

everything can be made of

that you can understand

everything

if you can understand water

 

10

this farmer drinks his coffee

and collects the day
he thinks of the sheep
in the mountains

that they come
when he beckons
with salt in his pockets
he thinks of the woods

where with his father
he once cut leafy branches

for the animals
he is holding the hour
with both hands
a cracked cup

11

the farmer thinks

where we go
the mountain carries us

where we go
waterfalls whisper

about what we were

what we become
what we do not yet

understand

 

12

EPSON scanner image

13

EPSON scanner image

 

ODVEIG KLYVE (Norvegia) è poetessa, scrittrice, traduttrice e regista. Autrice di nove raccolte poetiche e otto libri per bambini. La sua poesia è tradotta in diverse lingue asiatiche, compreso il cinese, l’arabo, il Punjabi, il Malayam e numerose lingue europee. Ha tradotto in norvegese le poesie dell’iraniana Forugh Farrokhzad, della palestinese Fadwa Tuqan e delle inglesi Sarah Maguire e Gerda Mayer. Ha scritto e diretto cortometraggi selezionati per festival internazionali in Europa, Stati Uniti e India. Attualmente vive a Stavanger, Norvegia.

 

 

Immagine in evidenza dal libro “Let’s Storm the Blue Sky”.

Foto dell’autrice a cura di Odveig Klyve.

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista