Book Tour di Ahmed Masoud- “Scomparso: La misteriosa sparizione di Mustafa Ouda” (Lebeg Edizioni 2019) 22-25 Ottobre Bologna, Napoli, Roma, Venezia

Copertina - L'ULTIMA PELLE - 13 aprile

Siamo lieti di annunciare il book tour dello scrittore palestinese/inglese Ahmed Masoud, in questo primo round di incontri per la penisola italiana in cui presenterà il suo romanzo “Scomparso – La misteriosa sparizione di Mustafa Ouda”, tradotto dall’inglese da Pina Piccolo, edito da Lebeg, nella collezione I venti. Ci saranno le seguenti tappe:

 

22 ottobre – BOLOGNA

ore 13,30-17,00, sede di via Filippo Re. Conferenza universitaria presso il Dipartimento di lingue e letterature dell’Università di Bologna , a cura della  docente Sana Darghmouni e de La Macchina Sognante, in dialogo con l’autore e la traduttrice.

Ore 19,30 -21,00, L’ALTRO SPAZIO, via Nazario Sauro, 24F. Presentazione del romanzo e dialogo con l’autore e la traduttrice, condotto da Sana Darghmouni. Con la partecipazione ed interventi musicali del gruppo Hudud (Confini)

 

23 ottobre – NAPOLI

Ore 18,30- 20,00 LIBRERIA TAMU, Via Santa Chiara, 10h presentazione del romanzo, in dialogo con l’autore e la traduttrice.

 

24 ottobre  – ROMA

Ore 18,30 – 20,00    LIBRERIA GRIOT,  Via di S.Cecilia 1/A, conduce Chiara Comito del blog  editoriaraba  in dialogo con l’autore e la traduttrice.

 

25 ottobre – VENEZIA

Ore 14, 00- 15,30, sede di Ca’ Cappello, Conferenza universitaria presso il Dipartimento di lingue e letterature dell’UniversitàCa’ Foscari,, a cura della  docente Sana Darghmouni e de La Macchina Sognante, in dialogo con l’autore e la traduttrice.

Ore 18,00 – 19,00 MICROMEGA, ARTE E CULTURA, Campo San Maurizio 2758,  presentazione del romanzo, in dialogo con l’autore e la traduttrice, conduce  Anna Lombardo, direttrice de La Palabra en el Mundo, Venezia.

 

Per un assaggio della prosa di Ahmed Masoud, vi consigliamo di leggere il secondo capitolo del romanzo, pubblicato nel numero 16 de La Macchina Sognante, che potete trovare qui  o in Frontiere news qui con ulteriori consigli di lettura.

“Mio padre non c’era più. Ero troppo piccolo per capire
il perché, e nessuno era in grado di spiegarmelo, nemmeno
mia madre. Quando glielo chiedevo, mi rivolgeva un sorriso
triste, ben diverso da quello solito da un orecchio all’altro.
Non lo sopportavo. Mi spaventava. C’era pericolo in quel
sorriso, cose che non capivo, una storia nascosta che volevo
disperatamente svelare. Ma non me l’ha mai detto, nonostante
i miei sforzi immani per farla parlare. Forse fu proprio
questo che mi spinse a proclamarmi, all’età di otto anni, il
più giovane detective del campo profughi di Jabalya.”

 

AMtour71887430_2429243044031905_1149559326898126848_n

scomparso

Mac, Lombardo, Mamoud, 25 ottobre(1)Tamuposter73105942_2462485117299929_7876537882729512960_n

ScomparsoBologanloc

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista