Sana Darghmouni

Riguardo il macchinista

Sana Darghmouni

Sana Darghmouni, Dottore di ricerca in Letterature Comparate presso l'Università di Bologna, dove ha conseguito anche una laurea in lingue e letterature straniere. E' stata docente di lingua araba presso l'Università per Stranieri di Perugia ed è attualmente tutor didattico presso la scuola di Lingue e letterature, Traduzione e Interpretazione all'Università di Bologna.

Pagina archivio del macchinista
PHOTO-2022-11-05-19-28-59

“Dalla biografia dei giorni smarriti” di Samira Albouzedi – BOLOGNA 9 Nov. ore 18,30

Presentazione del libro Dalla biografia dei giorni smarriti della poeta libica Samira Albouzedi   Bologna, mercoledì 9 novembre, ore 18,30 L’Altro Spazio da Osvaldo Via del Pratello 96A   Con la partecipazione via Zoom di  SAMIRA ALBOUZEDI della traduttrice SANA DARGHMOUNI, redattrice de La Macchina Sognante della dottoranda in lingua e letteratura araba GIULIA AIELLO del poeta e redattore de […]

٢٠٢٢٠٨١٥_١٧٢٠٣٩

Dalla biografia dei giorni smarriti di Samira Albouzedi (a cura di Sana Darghmouni)

    Dalla prefazione di Salem Alokaly “Fin dai suoi inizi, le poesie di Samira, che si attorcigliava nel calderone della poesia alla ricerca di una sua identità, hanno attirato gli osservatori della storia della poesia libica. L’osservatore vede questa forte tendenza verso un testo vivace, senza eccessi in devozione poetica ai valori elevati. Laddove la questione della libertà come […]

٢٠٢٢٠٨١٤_٢٠٢٠٣٨

Le mie metafore, immagini e metonimie a letto addormentate: Riflessioni sul grottesco nelle poesie di Najwan Darwish – Pina Piccolo e Sana Darghmouni

Ascoltare qualche mese fa dal vivo la poesia di Najwan Darwish, dalla raccolta Più nulla da perdere (Il Ponte del sale, 2021), recitata in lingua originale dall’autore e nella efficace, dinamica traduzione italiana dal traduttore Simone Sibilio è stata una esperienza di grande intensità sia dal punto di vista intellettuale che da quello emotivo. È stato anche uno stimolo a […]

15 mani

Poesie di Mubeen Kishany (trad. Sana Darghmouni)

(immagine di copertina: dalla Fotogallery di Francesca Brà e Enrica Luceri) بجعة سوداء وقوفي فوق نشرة الأخبار يمنحني حكمة راع جلس فوق ربوة متأملا هلع خرافه .من رائحة الذئب في العشب ،بعدها طرق بعصاه الأرض ،وكان نداء لأسافل الكائنات وإيذانا لهم بمشاهدة نسخة رخيصة .من الجحيم شيخوخة العالم جعلتني لا أعي خطورة أن أكون في العشرين من عمري ،رهين أربعة […]

aa

Intervista a Mazen Maarouf (Monia Zairi)

Monia Zairi: Buongiorno, Mazen Maarouf, e grazie mille per aver accettato il mio invito. Parleremo soprattutto di Barzellette per miliziani, visto che è uno dei lavori su cui sto lavorando per la mia tesi. Mazen Maarouf: Grazie mille a te.   MZ: La mia prima domanda è: cosa ha voluto esprimere nei quattordici racconti che compongono questa raccolta? MM: Prima […]

20 galleggiamento

Vuoto di Samira Albouzedi (trad. Sana Darghmouni)

(immagine di copertina: dalla Fotogallery di Francesca Brà e Enrica Luceri)   Vuoto   Ho momenti colmi di vuoto su cui piscia la noia e sulla cui testa poggiano i loro scarti gli uccelli. Dove andremo stamattina e i suoni dei missili fanno tuonare i cuori. Dicono rimanete a casa e chiudete le finestre mentre io bramo una tazza di […]

09 scheletro

Sopravvivere alla guerra, sopravvivere all’infanzia: su Barzellette per miliziani di Mazen Maarouf (Monia Zairi)

(immagine di copertina: dalla Fotogallery di Francesca Brà e Enrica Luceri)   Sopravvivere alla guerra, sopravvivere all’infanzia: su Barzellette per miliziani di Mazen Maarouf Monia Zairi     Autore in prosa, poeta e giornalista, nato nel 1978 a Beirut da profughi palestinesi e migrato come rifugiato nella città islandese di Reykjavík, Mazen Maarouf è recentemente giunto al successo internazionale grazie […]

13

Due poesie di Farah Shammah (trad. di Rabih Majeed Marì)

(immagine di copertina: dalla Fotogallery di Francesca Brà e Enrica Luceri)   Faraḥ Šammā, nata nel 1994 e cresciuta negli Emirati Arabi Uniti  ha trascorso alcuni anni  in Brasile durante l’adolescenza per poi trasferirsi a Londra per proseguire gli studi universitari. Šammā è una giovane poetessa che traspone la sua identità palestinese e la sua lingua nelle sue poesie. Scrive […]

17

Poesie di Mohamed Kheder (trad. Sana Darghmouni)

(immagine di copertina: dalla Fotogallery di Francesca Brà e Enrica Luceri) الحرية الفراشة ُالتي دخلت من نافذةِ المطبخ كانت تحومُ لأيامٍ في كلِ الغرف ترتطمُ بالسقف كلما حلمت بالهواء وتحكُ ألمها على ضوء خافتٍ للأباجورة الأصلية الفراشةُ التي نامت كثيرا على صوتِ هسيسِ الأشجار في التلفزيون وعلى حوافِ الأحلام في الأغنيات الشعبية لم تعد تذكر لون السماء تماماً ولا تفرق بين […]

TaghriddeODzNJW

I bambini vedono buchi e notano le prigioni? (a cura di Sana Darghmouni)

Non ero sicura che i bambini prestassero attenzione ai vicoli del campo profughi, sapevo che li vedevano, ma forse non a tal punto di leggere una storia al riguardo. Le storie che essi cercavano erano diverse, come se fossero alla ricerca di un altro luogo, quindi ho posto loro la domanda durante la mia ultima lezione di arte, nel momento […]