Pina Piccolo

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista
image (5)

La poesia è essenzialmente la mia religione: Andrea Garbin intervista Neeli Cherkovski, tre poesie da “Elegy for My Beat Generation”

Conobbi Neeli Cherkovski nel mese di settembre del 2010. Fu uno di quegli anni in cui abbandonavo la provincia per recarmi a Mantova per tutta la durata del Festivaletteratura. Seppi che l’amica poetessa Anna Lombardo doveva recarsi in città per accompagnare un poeta statunitense: Neeli, appunto. Il giorno che me lo presentò, Luigi Ballerini e Paul Vangelisti presentarono il loro […]

Screen Shot 2020-04-30 at 23.22.05

Poesie dal laboratorio del Premio Lighea, per giovani poeti, a cura di Maria Grazia insinga

Il Premio Lighea – ideato da Maria Grazia Insinga con l’obiettivo di promuovere la poesia contemporanea e il fare poetico, organizzato dalla Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella con il sostegno dell’Assessorato per i Beni Culturali e l’Identità Siciliana – nasce in Sicilia, a Capo d’Orlando, di fronte all’arcipelago eoliano proprio dove è nata la poesia di Lucio Piccolo. Per due […]

Figura-3-Abu-Qadim-Haqq-dipinto-preparatorio-per-The-Book-of-Drexciya-Vol.-1

da Roots&Routes, “Genealogie dell’Afrofuturismo: la black sci-fi per finirla con l’Umanesimo”, di Claudia Attimonelli

Prima pubblicazione in Roots & Routes, nell’ambito del ricco  numero di gennaio 2020  dedicato all’Afrofuturismo. Una tempesta contemporanea: l’Angelus Novus Afrofuturista Nato nell’alveo della diaspora africano-americana degli anni Novanta, l’Afrofuturismo parte da alcuni assunti fondamentali che si possono sintetizzare nell’omologia tra schiavo, alieno e robot e nell’esclusione dei neri dall’ordine del discorso sul futuro e sullo sviluppo tecnologico, tanto che […]

14

LACRIME DI LATTE, di Tullio Bugari

  “Il mio bambino piange, devo allattarlo” implora Cesira ai fascisti che l’hanno catturata all’alba ma quelli non cedono fanno gli spavaldi vogliono terrorizzare quei contadini figli della terra, prima i Carbonari, riva destra del Musone, ignari sulla porta è ora di colazione hanno già governato le bestie e guardano in cielo una pioggerella fitta e fastidiosa che inzuppa la […]

20

Segnando i confini dell’orma che siamo – Poesie di Dorys Contreras

A MARIO E ANNA (versione italiana) Ci sono incontri che ti segnano, incontri tra anime, dove le parole diventano carezze e i cuori si riconoscono mettendo da parte barriere e certezze. Mario, poeta della parola incarnata. Dimmi chi rende forti le tue braccia per scavare profondo in quegli inferni dell’oblio alla ricerca di un po’ di quella pace oltraggiata. Ana, […]

digdig

Identità plurime e dinamiche, Africa e Europa oggi: Lo scrittore Kossi Komla-Ebri intervistato da Matilde Sciarrino

  ‘Perché lasciare la propria terra se si potesse restare?’   MS: Lo scrittore brasiliano Julio Monteiro Martins propose la distinzione fra scrittore-migrante e migrante-scrittore, fra autori che decidono di migrare e migranti che decidono di scrivere. Al di là delle etichette, Lei di quale dei due gruppi sente di far parte? KKE: Julio Monteiro Martins aveva ragione; lui scriveva […]

50ridotto

Non dirmi di tutti i tuoi bambini fantasmi – Poesie per la Siria, di Valentina Meloni

Supplica   dirò quello che mi hanno fatto lo dirò a Dio – quando lo vedrò – lo so che gli sto andando incontro e allora lui saprà che la mia casa è crollata sotto il peso delle bombe che mia sorella è morta prigioniera che mia madre ha pianto tutte le lacrime del mondo che mio padre ha giurato […]

114ridotto

‘Come raccontare la guerra in Siria?’ – Matilde Sciarrino intervista Yousef Wakkas

  MATILDE SCIARRINO:  Con l’ultimo romanzo “Sulla via di Berlino. La marcia” Lei sembra voler comunicare il Suo bisogno di elaborare la drammatica guerra che da quasi nove anni attanaglia la Siria. Alla base della Sua scrittura ci sono degli obiettivi ben precisi, consapevoli o non? Quali effetti pensa che possa avere sul lettore questo romanzo complesso, contorto eppure così […]

Opere grafiche di Irene de Matteis

Turn off for: Italian
Per molti anni il mio approccio all’immagine é stato estremamente purista. Scattavo in analogico, sviluppavo le foto in camera oscura e rifiutavo ogni tipo di intervento digitale in post produzione. In questo periodo ero affascinata dalla possibilità di giocare con elementi fisici (luce, prospettive, riflessi) per creare immagini oniriche. Poi, in un momento in cui non avevo accesso alla camera oscura mi sono trovata ad utilizzare programmi digitali in funzione di questa. É dunque grazie ad un ostacolo che sono nate le sperimentazioni successive. Di base utilizzo le immagini scattate in analogico, ma a queste ne sovrappongo altre. Le immagini che presento qui in bianco e nero si ispirano ai Tarocchi, ai loro elementi grafici e ai loro fondamenti quali la ripetizione dei simboli, la progressione, l’antitesi, il dualismo, la complementarietà, la contemplazione. Sono tratte dal mio libro, dove le immagini si relazionano alla parte narrativa creando una storia parallela, tutta visuale. Nelle immagini a colori ho sovrapposto prevalentemente altre foto, interventi grafici, collage. Quello che accomuna le immagine da me realizzate nei vari periodi creativi è l’avvicinarsi alle visioni che ho nei sogni.

a ridotto 7

“Il mio cuore sedizioso” di Arundhati Roy (Parte Prima) – Recensione di Maria Zappia

“Il mio cuore sedizioso” di Arundhati Roy edito da Guanda qualche mese fa raccoglie tutti gli scritti dell’attivista indiana pubblicati in riviste online, blog e carta stampata, negli ultimi venti anni e costituisce un preziosissimo testo per comprendere l’India del nostro tempo. E’ recentissima la presa di posizione della famosa scrittrice sulle nuove leggi sulla cittadinanza approvate dal parlamento nel […]