Bartolomeo Bellanova

Riguardo il macchinista

Bartolomeo Bellanova

Bartolomeo Bellanova pubblica il primo romanzo La fuga e il risveglio (Albatros Il Filo) nel dicembre 2009 ed il secondo Ogni lacrima è degna (In.Edit) in aprile 2012. Nell’ambito della poesia ha pubblicato in diverse antologie tra cui Sotto il cielo di Lampedusa - Annegati da respingimento (Rayuela Ed. 2014) e nella successiva antologia Sotto il cielo di Lampedusa – Nessun uomo è un’isola (Rayuela Ed. 2015). Fa parte dei fondatori e dell’attuale redazione del contenitore online di scritture dal mondo www.lamacchinasognante.com. Nel settembre’2015 è stata pubblicata la raccolta poetica A perdicuore – Versi Scomposti e liberati (David and Matthaus). Ė uno dei quattro curatori dell’antologia Muovimenti – Segnali da un mondo viandante (Terre d’Ulivi Edizione – ottobre 2016), antologia di testi poetici incentrati sulle migrazioni. Nell’ottobre 2017 è stata pubblicata la silloge poetica Gocce insorgenti (Terre d’Ulivi Edizione), edizione contenente un progetto fotografico di Aldo Tomaino. Co-autore dell’antologia pubblicata a luglio 2018 dall’Associazione Versante Ripido di Bologna La pacchia è strafinita. A novembre 2018 ha pubblicato il romanzo breve La storia scartata (Terre d'Ulivi Edizione). È uno dei promotori del neonato Manifesto “Cantieri del pensiero libero” gruppo creato con l'obiettivo di contrastare l'impoverimento culturale e le diverse forme di discriminazione e violenza razziale che si stanno diffondendo nel Paese.

Pagina archivio del macchinista
dispersione-scolastica-in-italia

La dispersione scolastica in Italia è un problema molto serio di Andrea Genzone, pubblicato da LeNiUS il 21 gennaio 2020

L’articolo fa parte delle azioni di comunicazione del  progetto l’Atlante dei Talenti. Il progetto, promosso da Fondazione Archè di Quarto Oggiaro, Milano, in collaborazione con Fondazione Giacomo Brodolini e le Acli milanesi, si rivolge ai giovani tra gli 11 e i 19 anni residenti nel quartiere, e li coinvolge in laboratori educativi, di orientamento, di scoperta del mondo del lavoro, […]

Copertina

I bambini spaccapietre – L’infanzia negata in Benin di Felicia Buonomo (Aut Aut Edizioni 2020)

I bambini spaccapietre – l’infanzia negata in Benin nasce come video reportage giornalistico e fotografico, trasmesso da RAI 3, con lo scopo di documentare il fenomeno dei concasseurs, i bambini spaccapietre, odiosa  realtà diffusa nella zona collinare di Dassa, in Benin. Questi bimbi,  già dall’età di un anno, vengono costretti a spaccare pietre dieci ore al giorno, imitando quello che […]

3 barcone

Vita da rifugiato siriano. Il viaggio di Mahmoud di Saida Hamouyehy

Ho dei ricordi bellissimi della Siria perché quando ero più piccola guardavo tanti telefilm siriani che mi avevano fatto innamorare di questo paese, peccato però che la guerra abbia rovinato tutto. La guerra civile in Siria è iniziata con alcune manifestazioni di protesta nel marzo del 2011, nel contesto delle cosiddette “Primavere arabe”, per poi trasformarsi nel 2012 in una […]

Foto 1 Valeria

Le diseguaglianze ai tempi di Covid-19 di Valeria D’Agostino

A Lamezia Terme i rom sono “dimenticati” da tutti La vita ai margini. Vivono in baracche in alluminio, con famiglie numerose, lavorano il ferro, sono portatori di tradizioni e culture diverse, testimoni di racconti orali e di identità in continua evoluzione: loro sono i “dimenticati”, i Rom di Scordovillo. La loro condizione è un’emergenza nell’emergenza da lunghi decenni e neanche […]

Sabbia-2_imagefullwide

SABBIA IL CLIMA O IL TEATRO DEI CAMBIAMENTI di Michele Trotter

Il regista racconta lo spettacolo di teatro creato insieme a 10 studenti delle scuole superiori del Trentino nell’ambito del progetto “Visto Climatico”(1), promosso dall’Associazione Viração&Jangada   Teoricamente esistono infiniti modi per raccontare qualcosa a qualcuno. Da regista non posso che ritenermi fortunato, perché raccontare attraverso il teatro oggi vuol dire confrontarsi con una ipotetica vastissima interpretabilità di ciò che si […]

Abbraccio fuoricase IMG 0524

Lorenzo Pierfelice – Poesie fatte in casa

8.   (quando tutto questo sarà finito)   mi leggerete ancora i nomi dei morti?   [I numeri delle bare prêt-à-porter come offerte di surgelati al discount?]   Ditemi che avrete ancora qualche slide di circostanza   per chi si ammala   per chi guarisce   per chi ancora sta   (colpevole e vittima)   come un becco di seppia […]

pellicano plastica

Antropocene: la firma dell’uomo sul pianeta di Sergio Sichenze

(Foto: Bartolomeo Bellanova) Nel 2005 un sasso, di un certo peso e volume, infranse lo specchio dell’illusione del progresso illimitato, della crescita esponenziale dei profitti e della loro capitalizzazione, a vantaggio di alcuni, giammai collettivamente distribuiti. Tale corpo grave fu un libro, e qui la mirabilia accresce considerando lo scarso valore commerciale che si attribuisce a questo tipo di oggetti, […]

Mosaici1

QUANDO L’ARTE RIFLETTE SU SE’ STESSA: L’ESEMPIO DEL SATYRICON – Matteo Rimondini

Nel 1981 Italo Calvino pubblicava un articolo su l’Espresso, “Italiani, vi esorto ai classici”, destinato poi a diventare un libro, Perché leggere i classici pubblicato postumo sotto forma di raccolta di saggi nel 1991 da Mondadori, che illustra attraverso diversi punti il valore e il concetto di “classico”. Un classico è un libro che non ha mai finito di dire […]

Mani fiammella IMG 0525

Saleh Diab Era la vita – traduzioni inedite di Mia Lecomte

(Immagine di Francesca Brà dalla Fotogallery) Un air blanc Il y a des lys que fréquentent la pluie et les étoiles un air blanc une forêt qui renoue avec les arbres amour ô dimanche qui fredonne dans le miroir ô neige qui écoute la neige   Un’aria bianca Ci sono gigli che praticano pioggia e stelle un’aria bianca una foresta […]

ridotto 1

Poesie inedite di Giulia Tenenti – selezione a cura di Bartolomeo Bellanova

Il motivo che ricopre come edera ogni componimento è la visione di un soggetto (una donna, una ragazza, una compagna, un amante e un’insoddisfatta guerriera del mondo, una metamorfosi) che tenta e cerca di delineare un proprio corpo che si adagia e contrasta il mondo circostante. Sono ripetuti e quasi furiosi i collegamenti al mondo naturale, oggetti di correlazione che, […]