Sconfinanti

Spazio dedicato alla scrittura sulla/della migrazione. Non una riserva in cui confinare gli scrittori migranti per ricavarne un’ulteriore categoria, ma uno spazio, indipendente dalla cittadinanza, per i molteplici temi della migrazione​ (come testimonianza, come motivi ispiratori…), nella restituzione, tramite la scrittura, di un umano comune, in movimento nel presente (in fuga e verso), generando futuro.

Simbala pyramids

Il cerchio è la figura geometrica più generosa, da “Viaggiatori” poesie di Aritra Sanyal

Viaggiatori 1 Era ancora in procinto di divenire da allora nessuna salvezza dalla memoria Anche se il tutto dovesse crollare sopravviverà un inquietante senso di esserci vissuto qui, mattone per mattone.   Questa familiarità con te è una vita − quasi  ergastolana Nessun mistero laggiù a controllare la mia esperienza mi  minaccia di cadere preda a me stesso, a rischio. […]

36396814_424806517988416_6014326473630941184_n

Ragni Neri Nazionalizzati Pompieri: tragedia in Quattro atti (Reginaldo Cerolini)

  Personaggi L’Eroe-Ragno (il giusto) La neonata (il fato) I media (la borghesia ambigua) Likers and Haters (il popolo dimensionale) Il Potere Nazionale (il burocrate cerimoniere) I rapaci (le nazioni europee) Il folle (una visione diversa) Eco dei vinti (migranti)                                                                                          I Scena: Il balcone Ammetto che guardare quei secondi in cui Mamoudou Gassama si arrampicava, piano per piano, per […]

bambu forest

“Perseguite la conoscenza financo in Cina” Muhammad (sws) – Assia Taoussi

  Il Profeta Muhammad avrebbe attirato l’attenzione sull’unicità della Cina come fonte di conoscenza. Un certo numero di fonti islamiche ben considerate riferiscono che ha detto: “Cerca la conoscenza anche se in Cina, perché la ricerca della conoscenza è incombente su ogni musulmano”. Gli studiosi musulmani tradizionali hanno messo in dubbio l’autenticità del rapporto, che ha a lungo occupato un […]

VentoTriste200680x80 (1)

“Il mio nome è Liberty e non voglio essere schiavo come voi” 2 poesie di Francesca Cannavò dedicate a Rosarno

Liberty Sarà la nave a scrivere parole sull’acqua solcata da grida di umana follia e gorghi arricciati saranno canti a ignobili giochi devastatori Polene poetesse di improbi numi resistono all’inchiostro insanguinato dei flutti inorriditi ancora accade e ancora che sia l’acqua a bere vite e speranze brumate. E poi è la terra a mangiare insieme alle arance la carne bruciata […]

piccioni

Da “Ogni luogo è Taksim” di Deniz Yucel, stralci di Murat Cinar

UNA ISTANBUL CHE CAMBIA Sono nato e cresciuto a İstanbul, per la precisione a Feriköy, nel cuore della vecchia Costantinopoli. Due passi dalla vecchia Pera e dall’elegante Nişantası, nella parte europea della città. Secondo la leggenda Feriköy apparterrebbe a una certa donna armena chiamata Feri e dato che Köy vuol dire villaggio in turco, questa zona sarebbe il villaggio di […]

IMG_6768

I dialetti delle valli del mondo, selezione poetica (a cura di Maria Rossi)

I dialetti delle valli del mondo è un progetto che nasce nel 2012 ad opera dell’associazione culturale D’là de’ foss di Pennabilli (Emilia-Romagna); una rassegna poetico-musicale che abbraccia il territorio che va dalla Valmarecchia riminese fino all’Appennino toscano, per lungo tempo e ancora oggi territorio di transito umano e di incroci culturali. Nel contento storico che ci troviamo, nostro malgrado, […]

Fayadh art work

A Fayadh – Maria Cristina Vannucci e Un’altra forma del cuore – Ashraf Fayadh

A Fayadh‎ Chiama il sole, chiama fuori. La Clematis allunga nelle foglie il pantone dei fiori. Un telaio di rami la sostiene. La ringhiera di fronte sfoglia rugginosa. Fa la sua muta incompleta. Smaschera l’osso, la nuda verità del ferro. L’alloro si è alzato. Ha messo tenere le foglie. Il timo a cespuglio butta inesausto spettinati i suoi germogli. Li […]

news136499

TRE POESIE SU “LA PACCHIA È STRAFINITA”

Da: Aa. Vv, La pacchia è strafinita. Antologia di scritti poetici e in prosa (2018, a cura di Versante Ripido)     Paolo Polvani Rumba della vera pacchia     La prima vera vera pacchia è ignorare la complessità le implicazioni le complicazioni la concatenazione delle cause e si, una grande pacchia l’attraversamento dei deserti quando l’unica prospettiva è guardare […]

facebook_1530026459030

SALTANDO IL MURO DELL’AMBASCIATA ITALIANA: FUGGIRE DALLA DITTATURA CILENA.

  LA STORIA DI VITA DI DAVID MUÑOZ. INTERVISTA A CURA DI LINA SCARPATI MANOTAS David Muñóz comincia la sua militanza nel partito socialista cileno all’eta di 14 anni in un piccolo paese a 700 km a sud della capitale, chiamato Gorbea. I giovani socialisti dell’epoca partecipavano alle attivitá dei Licei. Sia come Presidente di classe  che come dirigente dei […]

persiane

Poesie da “Gabbiani sanguinanti – Guarda, Senti, Vola” (Edizioni Ass.ne Cult.Il Cuscino di Stelle – 2018) Traduzione dall’inglese di Claudia Piccinno – Selezione di Bartolomeo Bellanova

Effetto della cera Tutti quelli che hai invitato Furono sorpresi Dalle tue luci affascinanti. Ma hanno dimenticato L’effetto della cera Sul tuo corpo. Lascia la terra di nessuno. Prendi le tue tombe, I flauti e le coppe con te. Le melodie Non vivranno per sempre. La semi coscienza nello svuotare la tua mente Non durerà per sempre. Niente durò. Niente […]