La macchina sognante

Raccolta “La macchina sognante”

taxy alluvione

Bisogni fisiologici, racconto di Monica Dini

Bisogni fisiologici   È stato all’improvviso. La chiamano bomba d’acqua. Una rivincita sui mesi cocenti trascorsi. Piove ancora ma non c’è paragone. Il peggio è già capitato, il fiume è straripato portando fango e ranocchi morti nelle cassette della posta, anche altri schifi ma tutti si sforzano di non pensarci mentre ci mettono le mani e i piedi dentro cercando. […]

piagnone

da “Antichi carteggi del tempo assonnato….” Donne, letteratura e vita – Poesie di Lucy Simonato

  El condor pasa (in cerca di lavoro)   A Faiçal S.   Dal monte, nell’arsa notte di un sole sulla discinta roccia accartocciato, impavidi condor si tuffan sul mondo – da confini illusori diviso – e poi… argomentano, sopra la mia china testa, adducendo saccenti prove sulla necessità vitale di cibarsi ora delle mie scarne spoglie di giovane clandestina […]

VentoTriste200680x80 (1)

“Il mio nome è Liberty e non voglio essere schiavo come voi” 2 poesie di Francesca Cannavò dedicate a Rosarno

Liberty Sarà la nave a scrivere parole sull’acqua solcata da grida di umana follia e gorghi arricciati saranno canti a ignobili giochi devastatori Polene poetesse di improbi numi resistono all’inchiostro insanguinato dei flutti inorriditi ancora accade e ancora che sia l’acqua a bere vite e speranze brumate. E poi è la terra a mangiare insieme alle arance la carne bruciata […]

Asincronie_irreversibili-600x570

“Posto di blocco” e “Paradigmi imprevisti” due poesie di Julio Monteiro Martins

  POSTO DI BLOCCO   Walter Benjamin, che si è ucciso davanti alla sbarra del confine chiuso a Port Bou il giorno prima del suo arrivo: l’ultima beffa della Storia. Aveva pensieri straordinari, pensieri che alla fine di quella stessa notte di passione sono volati sopra tutte le sbarre e si sono posati oltre ogni confine.   Per loro non […]

image663-460x570

L’Era dell’Aquarius, poesie (P. Gera, T. Tesform, P. Piccolo, P. Polvani, T. Piccini e B. Bellanova)

  Hai visto il cambiamento? Hai visto il mare in congiunzione con il cielo? Ma sì, la Luna nella Settima Casa e Giove allineato con Marte. E la pace che guida i pianeti? E l’amore che sterza le stelle? Guarda in alto. Ti dico che è l’alba. L’alba dell’Era dell’Acquario.   È solo un punto all’orizzonte, per ora.   La […]

36394558_424807107988357_6201238386586419200_n

Corpo alla parola, parola al corpo: lo spirito libero di Joumana Haddad – Stefania Crocetti

  “Libera e nobile Libera, nobile e misteriosa come un cipresso, per cicatrizzarmi nel corpo del vento, per divenire l’ombra del vento”   È vento, l’essenza di Joumana Haddad. Ed è il vento a comporre i suoi versi: vento che porta tumulti e scardina tabù, vento implacabile di aria fresca che corrode ogni stagnazione. Così è la scrittura di quest’autrice […]

loto

Il naso triste di Bartali – di Tullio Bugari

    Ho amato questa canzone di Paolo Conte fin dalla prima volta che l’ho ascoltata. Anche il naso di mio padre mi sembrava triste come una salita, e anche le sue pedalate erano una specie di gara, ma con la vita, quella vita che da sempre reclama la sua fatica: infiniti saliscendi dentro le polverose strade di sassi, che […]

piccioni

Da “Ogni luogo è Taksim” di Deniz Yucel, stralci di Murat Cinar

UNA ISTANBUL CHE CAMBIA Sono nato e cresciuto a İstanbul, per la precisione a Feriköy, nel cuore della vecchia Costantinopoli. Due passi dalla vecchia Pera e dall’elegante Nişantası, nella parte europea della città. Secondo la leggenda Feriköy apparterrebbe a una certa donna armena chiamata Feri e dato che Köy vuol dire villaggio in turco, questa zona sarebbe il villaggio di […]

36420560_424806737988394_8853010405555961856_n

FRANCO FORTINI: CREDIBILITÀ, da I Quaderni di Cary (a cura di Walter Valeri)

  Nel 1944, a Zurigo, mi capitò di leggere un volantino poligrafato che con accenti di terrore e furore denunciava quello che i nazisti stavano facendo patire ai popoli dell’Est europeo. Vi sentii nominare per la prima volta le camere a gas. Non era credibile. Non credetti. Ragionavo come quell’avvocato ebreo che, dicono, con eloquenza persuadeva i suoi correligionari della […]