“Anche il formicaio della lingua”, selezione di poesie da”Il peso di pianura” di Nadia Agustoni

DSCN0466

Da Parte I “Cosa vuoi che dica la polvere”

 

mare nostrum

fermenterà il dolore
la notte avrà ovili e montagna
e oltre la corsa dei cani viaggeremo
la terra nel sonno midollo di paesi
un mietere fumi.

distanza sarà più feriale,
nel segreto di sete anche il formicaio
della lingua e alte alghe nel mare:
in abito e voce sarà relitto
chi è salvo.

 

 

nord

è a nord
l’orfanità precisa di fiumane
musi cavati da utopia
santi-rimbaud appollaiati alle costole
dei veri santi, statue
che ci scampano dall’essere umani
con valigie impestate di tempo
e una verità aperta che devasta
il vero in noi.

 

 

appunti

il passato non è tutto
solo i nomi dei luoghi sono nostri
e nell’aria diurna i nostri nomi collimano
e piantiamo ombrelli intorno alla casa:
sia prescritto ripararsi dai torrenti
dalle acque dolci e salate
e aggiungere un faro tra gli appunti dei naufragi.

 

 

sopra il congedo

spezzata la lingua sopra il congedo
nella morte giuriamo ai vivi dentro parole
e a spoglio io raspo cova di uccelli, un rovescio migrare,
non fenice ma lazzaro d’immenso mondo.

 

 

i morti aprono il dubbio dei nomi

i morti aprono il dubbio dei nomi,
anch’io vivo dove l’ombra chiede pazienza
e andare via: lì dimentico, finisco i pensieri,
gli uccelli in metri di vento fuggono
sanno l’aria come il pane gettato
come direzione: non conta che il silenzio
e la vita prosegue, il passato nasce quando incontri
ciò che guardi.

 

 

sono cresciuta a tempo

sono cresciuta a tempo per vedere come non si vive,
come è nulla l’apparenza e non c’è traguardo
e non ci pensiamo che l’uguale sia l’impronta
e chi non somiglia neanche somiglia a se stesso
ma ripete lo sguardo finché la terra in un punto finisce
e si vede il salto come da universo a universo.

 

 

 

Da Parte II – Il peso di pianura

 

a finestre

non i vivi mi aspettano a finestre
ma l’abbondanza del tempo
quel disegno senza figure a dirmi
quale parabola di gigli
e uccelli nel campo mi porti.

 

 

credo al tempo chiaro delle case

credo al tempo chiaro delle case
penso che esistono cielo mare elementi
e nuoterò volerò avrò scampo dal vuoto
e in forma di conchiglia metterò sabbia
vicino al falco – irrevocabile –
abdicherò un regno.

 

 

io vivo alberi

la vena è azzurra
io vivo alberi,
nel centro del legno – in cerchi – gli anni
sono annunciazione.

io vivo al centro dei cerchi
– uno ad uno – nel loro midollo
di preistoria, la mia vita congiura
ha radice capovolta esiste
come se pensasse.

 

 

nell’ordine di cose

quando non più parola
mi spargerò di terra
germogli pianta senz’altro
significato di materia
nell’ordine di cose
in cui ha posto ogni cosa.

 

 

cosa sente la specie

la specie esula da sé, ormai non ha mondo
solo i pensieri le vengono a galla e sente
l’animale ovunque, vede il millepiedi
imitare l’obliquo e l’imperativa età
sconsolata incide legge di figure.

 

 

il crac del ramo

il crac del ramo
lo spartirsi del legno:
di grana così fitta
la fine

che solo l’urlo
di prima
rammenta ai morti
come viviamo.

 

Selezione da Il peso di pianura, Lietocolle 2012, per gentile concessione dell’autrice.

 

Nadia-Agustoni-ph-Dino-Ignani-e1530875122634

Nadia Agustoni (1964) collabora a varie riviste e a blog letterari. È redattrice di Lpels “la poesia e lo spirito”. Sue poesie sono pubblicate in riviste e antologie. Si è occupata (saggistica) di Etty Hillesum, Elizabeth Bishop, Kazimiers Brandys, Cristina Annino, Patrizia Cavalli, Alba Donati, Gianna Manzini, Monique Wittig e altri.
Tra le ultime pubblicazioni di poesia: Necrologi (La camera verde, 2017),  Racconto (Aragno 2016), Lettere dalla fine  (Vydia editore 2015); la trilogia: Il mondo nelle cose ( Lietocolle, 2013), Il peso di pianura (2012), Taccuino nero (edizioni le Voci della Luna, 2oo9); per Gazebo Edizioni: Grammatica tempo (1994), Miss Blues e altre poesie (1995), Icara o dell’aria (1998), Poesia di corpi e di parole (2002), Quaderno di San Francisco (2004), Dettato sulla geometria degli spazi (2006), Il libro degli Haiku bianchi (2007).

 

 

 

 

Foto dell’autrice di Dino Ignani.

Immagine in evidenza: Dipinto di Mauro Pipani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riguardo il macchinista

Pina Piccolo

Pina Piccolo, la macchinista-madre, è una scrittrice e promotrice culturale calabro-californiana. Si imbarca in questa nuova avventura legata alla letteratura spinta dall'urgenza dei tempi, dalla necessità di affrontare la complessità del mondo, cose in cui la letteratura può dare una mano. Per farsi un'idea dei suoi interessi e della sua scrittura vedere il suo blog personale http://www.pinapiccolosblog.com

Pagina archivio del macchinista